Il tuo gruppo sanguigno può proteggerti dal declino cognitivo

declino cognitivo,gruppo sanguigno

Immagine:  volumi più piccoli di materia grigia sono associati a gruppi sanguigni non-O ‘. Credito immagine: i ricercatori.

Uno studio pioneristico condotto nel 2015 da ricercatori leader dell’Università di Sheffield ha rivelato che i gruppi sanguigni svolgono un ruolo nello sviluppo del sistema nervoso e possono causare un rischio maggiore di sviluppare un declino cognitivo.

La ricerca, condotta in collaborazione con l’IRCCS San Camillo Hospital Foundation di Venezia, mostra che le persone con un gruppo sanguigno “O” hanno più materia grigia nel cervello che aiuta a proteggere da malattie come l’Alzheimer, rispetto a quelle con gruppo sanguigno ‘A’, ‘B’ o ‘AB’.

Il ricercatore Matteo De Marco e la Professoressa Annalena Venneri, del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università, hanno fatto la scoperta dopo aver analizzato i risultati di 189 scansioni di risonanza magnetica (MRI) da volontari sani.

I ricercatori hanno calcolato i volumi di materia grigia all’interno del cervello e hanno esplorato le differenze tra diversi tipi di sangue.

I risultati, pubblicati su The Brain Research Bulletin, mostrano che gli individui con un tipo di sangue “O” hanno più materia grigia nella porzione posteriore del cervelletto.

In confronto, quelli con gruppi sanguigni ‘A’, ‘B’ o ‘AB’ avevano volumi di materia grigia più piccoli nelle regioni temporali e limbiche del cervello, incluso l’ippocampo sinistro, che è una delle prime parti del cervello danneggiata dal morbo di Alzheimer malattia.

Questi risultati indicano che piccoli volumi di materia grigia sono associati a gruppi sanguigni non-O.

Invecchiando si ha una riduzione della materia grigia, ma più avanti nella vita questa differenza di sostanza grigia tra i gruppi sanguigni si intensificherà come conseguenza dell’invecchiamento.

“I risultati sembrano indicare che le persone che hanno un tipo di sangue” O “, sono più protette contro le malattie in cui la riduzione volumetrica è vista nelle regioni temporali e mediotemporali del cervello, come ad esempio il morbo di Alzheimer“, ha affermato Matteo De Marco.

“Tuttavia sono necessari ulteriori test e ulteriori ricerche poiché potrebbero essere coinvolti altri meccanismi biologici”.

La Prof.ssa Annalena Venneri ha aggiunto: “Quello che sappiamo oggi è che esiste una differenza significativa nei volumi del cervello e le nostre scoperte confermano le osservazioni cliniche consolidate. Con ogni probabilità la biologia dei gruppi sanguigni influenza lo sviluppo del sistema nervoso. Ora dobbiamo capire come e perché questo si verifica “.

Fonte: The Brain Research Bulletin

Altri articoli su declino cognitivo, gruppo sanguigno