Il trattamento antibiotico per le complicanze di COVID-19 potrebbe alimentare i batteri resistenti

Dr. Joshua Rosenberg, center, the Medical Director, Surgical ICU & Attending Intensivist of Brooklyn Hospital Center, tends to a patient suffering from the coronavirus COVID-19, in the Surgical Intensive Care Unit of the hospital, Monday, March 30, 2020, in New York. The coronavirus crisis has pummeled the Brooklyn hospital just as has others throughout New York City. (Victor J. Blue/The New York Times)

Immagine: Victor J. Blue / The New York Times / Redux

Priya Nori gestisce il programma di gestione antibiotica del Montefiore Medical Center e passa la maggior parte del suo tempo a garantire che l’Ospedale con sede nel Bronx non abusi dei farmaci e permetta ai batteri resistenti di prosperare. Ma come molti medici, Nori ora sta dedicando tutto il suo tempo ad aiutare a curare i pazienti COVID-19 nel suo Ospedale di New York City, che come altri centri medici nella zona calda della pandemia, è affollato con il 50% in più di pazienti rispetto al normale. Come parte del trattamento, lei e altri medici stanno somministrando molti più antibiotici del normale, che è una ricetta per il rapido aumento o per la diffusione di batteri resistenti, soprattutto date le condizioni di affollamento.

Gli antibiotici non influenzano direttamente SARS-CoV-2, il virus respiratorio responsabile di COVID-19, ma le infezioni virali respiratorie spesso portano alla polmonite batterica. I medici possono fare fatica a capire quale patogeno sta causando i problemi polmonari di una persona. “Tendiamo a non risparmiare gli antibiotici in questi pazienti”, afferma Nori, “soprattutto quando questa decisione potrebbe significare la vita o la morte”.  Ma lei e altri si preoccupano che l‘ondata di casi COVID-19 potrebbe alla fine portare a un aumento dei batteri resistenti agli antibiotici, una preoccupazione abbastanza grave per la quale il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) sta riunendo un gruppo di almeno 10 centri medici per studiare le “secondarie” infezioni batteriche e fungine in questi pazienti e gli antibiotici da usare per prevenirle.

Gli Ospedali, in particolare le Unità di Terapia Intensiva, sono focolai di resistenza antimicrobica e hanno lottato a lungo per frenare l’uso di antibiotici. Ma COVID-19 ha sospeso molti di questi sforzi. Sebbene i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie richiedano ai centri medici di segnalare il loro uso di antibiotici e il tasso di infezioni acquisite nella struttura, Nori e altri medici affermano che la compliance è diminuita nella pandemia. Alcuni ricercatori suggeriscono che la pandemia potrebbe rallentare la diffusione di batteri e resistenza agli antibiotici negli Ospedali. Gli interventi chirurgici, che rappresentano molte infezioni acquisite in Ospedale, sono stati in gran parte annullati per mantenere i letti a disposizione dei pazienti COVID-19 e il personale ospedaliero indossa abitualmente abiti, maschere e altri dispositivi di protezione individuale (DPI) durante l’assistenza ai pazienti.

Vedi anche: COVID 19: come Hong Kong senza blocco totale ha evitato il grande focolaio

Ma Bo Shopsin, un medico di malattie infettive presso il Langone Health Center della New York University, coinvolto nello studio pianificato del DOD, osserva che alcuni Ospedali sono costretti a riutilizzare i DPI e a condividere i ventilatori tra i pazienti. “È abbastanza chiaro che COVID si sta trasmettendo negli Ospedali e, anche i batteri resistenti”. Ancora più importante, l’uso di antibiotici sembra aumentare. Diversi studi recenti provenienti dalla Cina suggeriscono che quasi tutti i casi gravi di COVID-19 sono trattati con antibiotici e, aneddoticamente, molti medici statunitensi ed europei dicono lo stesso. Molti pazienti con COVID-19 muoiono per infezioni secondarie piuttosto che per il virus stesso, suggeriscono prove crescenti. Un recente articolo su The Lancet che descrive in dettaglio gli esiti di 247 pazienti COVID-19 ricoverati in Ospedale a Wuhan, in Cina, ha scoperto che il 15% di loro – e la metà di quelli che sono morti – hanno contratto infezioni batteriche. I maggiori focolai di altri virus respiratori illustrano la preoccupazione: fino alla metà delle 300.000 persone che sono morte a causa dell’influenza H1N1 del 2009 e la maggior parte dei decessi per l’influenza del 1918 in realtà è deceduta per polmonite batterica.

Abbiamo alcune linee guida su quando trattare e quando non trattare”, afferma Leopoldo Segal, pneumologo di Langone. “Ma nella situazione attuale, è difficile immaginare che queste linee guida siano totalmente applicabili “. Molti dei suoi pazienti COVID-19 hanno infezioni resistenti agli antibiotici e quasi tutti ricevono Azitromicina: un antibiotico ampiamente usato che uccide entrambe le due principali classi di batteri. In combinazione con il farmaco antimalarico Idrossiclorochina, l’Azitromicina è diventata un trattamento popolare per i pazienti COVID-19 dopo che il Presidente Donald Trump e altri hanno evidenziato piccoli studi non controllati che sembravano dimostrare che la combinazione era efficace. È impossibile sapere quanto spesso viene prescritta la combinazione, ma il tasso è abbastanza alto da aver causato una carenza di Azitromicina negli Stati Uniti.

La Dr.ssa Marisa Holubar dell’Università di Stanford afferma che è ancora troppo presto per sapere fino a che punto COVID-19 influenzerà i tassi globali di resistenza agli antibiotici. Ma in alcune parti degli Stati Uniti, dal 30% al 40% di alcuni tipi comuni di batteri erano già resistenti alla classe di farmaci che include l’azitromicina e un uso eccessivo potrebbe rendere questi o altri antibiotici ancora meno efficaci.

Lo studio DOD esaminerà quanto ampiamente vengono somministrati gli antibiotici ai pazienti COVID-19 e quanto spesso hanno infezioni secondarie che giustificano l’uso di antibiotici. I risultati dovrebbero aiutare gli esperti a sviluppare linee guida su quando e come i medici dovrebbero prescrivere antibiotici ai pazienti COVID-19, oltre a fornire un set di dati su potenzialmente migliaia di pazienti per aiutare i ricercatori a comprendere meglio come si diffondono le infezioni negli Ospedali e perché le infezioni batteriche e virali sono associate.

Fonte: Science