Il trapianto fecale del microbiota può curare la colite ulcerosa

0
11

Un singolo trapianto fecale del microbiota da un donatore sano è un modo sicuro ed efficace per aumentare la diversità di batteri buoni nell’intestino di pazienti con colite ulcerosa, secondo una nuova ricerca condotta dalla Weill Cornell Medicina e NewYork-Presbyterian.

I risultati suggeriscono che il trapianto fecale del microbiota (FMT) potrebbe essere un trattamento efficace per la malattia che provoca infiammazione e ulcere nel tratto digestivo.

Il trapianto fecale del microbiota è una procedura in cui la materia fecale filtrata, derivata da un donatore sano, viene collocata nel colon di un paziente con malattia infiammatoria intestinale.

( Vedi anche:Identificati nuovi geni di rischio per la colite ulcerosa e malattia infiammatoria intestinale).

“L’idea è che si può modificare il microbioma di un individuo”, ha detto il Dr. Randy Longman, un Assistente Professore di Medicina all’Università di Weill Cornell e gastroenterologo al NewYork-Presbyterian / Weill Cornell Medical Center. “Introduciamo batteri buoni nell’intestino di una persona con la malattia per incoraggiare la guarigione”, ha aggiunto il ricercatore.

Il trapianto fecale si è dimostrato efficace per i pazienti con Clostridium difficile, una grave infezione batterica dell’intestino, ma restano diversi interrogativi sulla sua efficacia  come trattamento per altre malattie.

Lo studio, pubblicato il 26 aprile 2017 in Inflammatory Bowel Diseases, suggerisce che la strategia è efficacie ed aumenta la diversità dei microbi intestinali nei pazienti con colite ulcerosa in fase attiva.

“I pazienti con colite ulcerosa in genere hanno una diversità più bassa di microbi nel loro intestino”, ha detto il Dr. Longman, ricercatore presso l’Istituto di ricerca Jill Roberts, Weill Cornell e NewYork-Presbyterian / Weill Cornell Medical Center. “Sappiamo che un microbiota più diversificato è correlato ad una migliore salute. L’ aumento della diversità microbica è un fattore chiave dell’ efficacia terapeutica del trapianto fecale nel trattamento della colite ulcerosa”.

I ricercatori hanno utilizzato una preparazione con microbiota fecale purificata derivante da due differenti persone sane. Sono stati utilizzati due donatori al fine di massimizzare la diversità di batteri nel trapianto. Hanno quindi utilizzato una colonscopia per il trapianto fecale in 20 pazienti con colite ulcerosa. Dopo quattro settimane, i ricercatori hanno raccolto campioni di feci dei pazienti ed eseguito biopsie rettali, al fine di misurare il microbioma fecale e la risposta immunitaria dopo il trattamento.

I ricercatori hanno scoperto che, dopo quattro settimane, le popolazioni batteriche nell’intestino dei pazienti trattati erano strettamente simili a quelle dei donatori sani. Inoltre, il trattamento ha anche comportato una riduzione della risposta infiammatoria che guida la colite ulcerosa. Nel complesso, il 35 per cento dei pazienti hanno mostrato un miglioramento clinico dei sintomi e il 15 per cento dei pazienti ha raggiunto la remissione clinica (totale assenza di sintomi) entro la fine dello studio di quattro settimane.

” Dobbiamo ancora scoprire perché questo trattamento aiuta alcuni pazienti e non altri, per trovare un’opzione di trattamento più sicuro per la grande maggioranza dei pazienti affetti da colite ulcerosa”, ha detto il Dr. Crawford, Assistente Professore di medicina clinica .

“Sono necessari ulteriori studi per determinare per quanto tempo questi effetti positivi durano nei pazienti con colite ulcerosa, i batteri esatti che potrebbero essere più efficaci e anche per trovare un metodo di consegna più efficace. Questo studio fornisce risultati promettenti per il ruolo emergente del trapianto fecale nella colite ulcerosa”, ha aggiunto il Dr. Longman. ” Gli effetti positivi del trattamento fecale sono indiscutibili, sia in termini di aumento della popolazione batterica che in termini di risposta clinica. Questo studio suggerisce il trapianto fecale come terapia possibile per le persone con colite ulcerosa“.

Fonte: Inflammatory Bowel Diseases