Home Salute Il recupero da COVID 19 potrebbe non conferire immunità

Il recupero da COVID 19 potrebbe non conferire immunità

Immagine: CCO Public Domain

Anche se i virologi si concentrano sul virus che causa COVID-19, una domanda fondamentale rimane senza risposta: coloro che si riprendono dalla malattia hanno l’immunità?

“Non esiste una risposta chiara a questa domanda”, affermano gli esperti,  anche se molti hanno ipotizzato che contrarre questa malattia potenzialmente mortale conferisca l’immunità, almeno per un po’ di tempo. “Essere immunizzati significa che hai sviluppato una risposta immunitaria contro un virus in modo tale da poterlo respingere”, ha spiegato Eric Vivier, Professore di immunologia nel sistema ospedaliero pubblico di Marsiglia.
Per alcune malattie virali come il morbillo, il superamento della malattia conferisce immunità a vita. “Ma per i virus basati su RNA come Sars-Cov-2, il nome scientifico del bug che causa la malattia COVID-19, sono necessarie circa tre settimane per accumulare una quantità sufficiente di anticorpi e anche in questo caso possono fornire protezione per solo pochi mesi”, ha detto Vivier ad AFP. Almeno questa è la teoria.
In realtà, il nuovo coronavirus ha suscitato una sorpresa dopo l’altra, al punto che i virologi e gli epidemiologi sono sicuri di avere compreso ben poco. “Non abbiamo le risposte perchè questo virus è ancora uno sconosciuto”, ha detto Michael Ryan, Direttore esecutivo del Programma Emergenze dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in una conferenza stampa questa settimana quando gli è stato chiesto per quanto tempo un paziente COVID-19 guarito avrebbe avuto l’ immunità.
“Ci aspetteremmo che ci fosse un periodo ragionevole di protezione, ma è molto difficile dirlo con un nuovo virus: possiamo estrapolare dei dati solo da altri coronavirus e anche i dati sono piuttosto limitati. Per la SARS, che ha ucciso circa 800 persone in tutto il mondo nel 2002 e nel 2003, i pazienti recuperati sono rimasti protetti per circa tre anni“, ha detto all’AFP il Direttore del Genetics Institute del University of London, Francois Balloux.
Ci potrà sicuramente essere una reinfezione, ma dopo quanto tempo? Lo sapremo solo retroattivamente“.
Falsi negativi
Un recente studio cinese che non ha superato la revisione tra pari, ha riferito di scimmie rhesus che si sono riprese da Sars-Cov-2 e non sono state nuovamente infettate se esposte nuovamente al virus. Ma questo non rivela davvero nulla”, ha detto il ricercatore dell’Istituto Pasteur Frederic Tangy, osservando che l’esperimento si è svolto in un solo mese. In effetti, diversi casi dalla Corea del Sud, uno dei primi paesi colpiti dal nuovo coronavirus, hanno dimostrato che i pazienti che si sono ripresi dalla COVID-19 in seguito sono risultati positivi al virus. “Ma ci sono diversi modi per spiegare questo risultato”, avvertono gli scienziati. Anche se non è impossibile che queste persone si siano infettate una seconda volta, ci sono poche prove che ciò sia accaduto. “Più probabilmente”, ha detto Balloux, “il virus non è mai completamente scomparso e rimane – dormiente e asintomatico – come “un’ infezione cronica come l’herpes“.
Poiché i test per virus vivi e anticorpi non sono ancora stati perfezionati, è possibile che questi pazienti siano “falsi negativi” quando in realtà non si erano liberati del patogeno. “Ciò suggerisce che le persone rimangono infette per lungo tempo, diverse settimane“, ha aggiunto Balloux.
Un altro studio pre-pubblicazione che ha esaminato 175 pazienti guariti a Shanghai ha mostrato diverse concentrazioni di anticorpi protettivi da 10 a 15 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.
It is unclear whose antibodies are more potent in beating back the disease
“Ma se quella risposta anticorpale significhi effettivamente l’immunità è una domanda separata”, ha commentato Maria Van Kerhove, responsabile tecnico del Programma Emergenze dell’OMS. “Dobbiamo davvero capire meglio come appare la risposta anticorpale in termini di immunità”.
In effetti, rimangono molte domande
“E’ giunto il tempo di chiederci se qualcuno che ha superato COVID-19 sia davvero protetto”, ha dichiarato Jean-Francois Delfraissy, Presidente del consiglio consultivo scientifico francese.
Passaporti immunitari
Per Tangy, una realtà ancora più cupa non può essere esclusa. “È possibile che gli anticorpi che qualcuno sviluppa contro il virus possano effettivamente aumentare il rischio che la malattia peggiori”, ha detto Tangy, osservando che i sintomi più gravi si manifestano in seguito, dopo che il paziente ha prodotto gli anticorpi. E l’età fa la differenza? Di fronte a tutte queste incertezze, alcuni esperti hanno dei dubbi sulla saggezza di perseguire una strategia di “immunità del gregge” in modo tale che il virus – incapace di trovare nuove vittime – si ritrovi solo e destinato a morire quando la maggioranza della popolazione è immune. L’unica vera soluzione per ora è un vaccino“, ha detto ad AFP Archie Clements, Professore alla Curtin University di Perth, in Australia.
Allo stesso tempo, i laboratori stanno sviluppando una serie di test sugli anticorpi per vedere quale percentuale della popolazione in diversi paesi e regioni è stata contaminata. Tale approccio è stato favorito in Gran Bretagna e Finlandia, mentre in Germania alcuni esperti hanno lanciato l’idea di un “passaporto di immunità” che consentirebbe alle persone di tornare al lavoro. “A questo punto è troppo prematuro parlare di passaporto di immunità”, ha detto Saad Omer, Professore di malattie infettive alla Yale School of Medicine. “Dovremmo essere in grado di ottenere dati più chiari molto rapidamente – tra un paio di mesi – quando ci saranno test anticorpali affidabili con sensibilità e specificità”. Una preoccupazione sono i “falsi positivi” causati dai test che rilevano anticorpi non correlati a COVID-19. “L‘idea di passaporti o certificati di immunità solleva anche questioni etiche”, affermano i ricercatori.
Fonte:  France 24

ULTIMI ARTICOLI

L’OMS approva il protocollo per sperimentazioni cliniche di fase III di fitoterapia per COVID-19

Immagine: Credito: Pixabay / CC0 Public Domain. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha approvato sabato un protocollo per testare i medicinali erboristici africani come potenziali trattamenti...

Blocco anticorpale efficace nel trattamento della COVID-19 grave

Immagine: Public Domain. Mentre i paesi di tutto il mondo si affrettano a sviluppare un vaccino per SARS-CoV-2, il virus responsabile della COVID-19, i ricercatori...

La cannabis medica può ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia

Immagine:Public Domain. Gli scienziati in Australia hanno scoperto che i malati di cancro potrebbero trarre beneficio dalla cannabis medica. Scienziati dell'Università di Sydney e del Centro...

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...