HomeSaluteCervello e sistema nervosoIl percorso molecolare che la ketamina utilizza per curare la depressione

Il percorso molecolare che la ketamina utilizza per curare la depressione

In contrasto con la maggior parte dei farmaci antidepressivi, che possono richiedere diverse settimane per ridurre i sintomi della depressione, la ketamina – un anestetico veterinario comunemente usato – può sollevare una persona da una profonda depressione entro pochi minuti dalla sua somministrazione e i suoi effetti possono durare diverse settimane. I ricercatori si sono chiesti a lungo come la ketamina possa agire rapidamente e durare a lungo.

( Vedi anche: La depressione accelera l’ invecchiamento cerebrale).

Ora, i ricercatori guidati da Mark Rasenick, illustre Professore di fisiologia e psichiatria all’Università dell’Illinois al Chicago College of Medicine, hanno descritto i meccanismi molecolari alla base della capacità della ketamina di tenere a bada la depressione. 

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry.

“Due terzi dei partecipanti a studi clinici che non hanno risposto ai tradizionali antidepressivi hanno avuto una risoluzione rapida e duratura dei loro sintomi depressivi dopo la somministrazione di ketamina per via endovenosa”, ha spiegato Rasenick. Gli effetti della ketamina di solito duravano circa una settimana, molto più di quanto ci si aspetterebbe con l’emivita di sei ore della ketamina, nel corpo.

Rasenick e i suoi colleghi hanno utilizzato un sistema di modelli cellulari per indagare su come la Ketamina ha agito.

In precedenti ricerche, Rasenick ed i suoi colleghi hanno dimostrato che gli SSRI – la classe di antidepressivi più comunemente prescritta, che include Prozac e Zoloft – agiscono nel cervello spostando le molecole chiamate proteine ​​G dalle “zattere lipidiche” sulla membrana cellulare, dove le proteine ​​G sono ritenute inattive. Le proteine ​​G producono AMP ciclico, che le cellule nervose devono segnalare correttamente. “Le persone con depressione”, ha rilevato Rasenick, “tendono ad avere una maggiore proporzione delle loro proteine ​​G impacchettate in questi patch di membrana, insieme alla segnalazione smorzata delle cellule cerebrali, che può contribuire a sintomi di depressione, inclusa una sensazione di intorpidimento generale”.

- Advertisement -

Nella ricerca precedente, quando Rasenick esponeva le cellule cerebrali di ratto agli SSRI, il farmaco si accumulava nelle zattere lipidiche e le proteine ​​G uscivano dalle zattere. Il movimento è stato graduale, nell’arco di diversi giorni e Rasenick ritiene che questa sia la ragione per cui gli SSRI e la maggior parte degli altri antidepressivi possono impiegare molto tempo per iniziare a lavorare.

Nella sua attuale ricerca, Rasenick ed i suoi colleghi hanno eseguito un esperimento simile con la ketamina e hanno notato che le proteine ​​G hanno lasciato le zattere lipidiche molto più velocemente. “Le proteine ​​G hanno iniziato a migrare fuori dalle zattere lipidiche entro 15 minuti. E gli effetti a lungo termine della ketamina possono essere dovuti al fatto che le proteine ​​G sono tornate molto lentamente nelle zattere lipidiche”, ha spiegato Rasenick.

La scoperta contraddice l’idea di vecchia data secondo cui la ketamina agisce esclusivamente bloccando un recettore cellulare chiamato recettore NMDA, che si trova sulla superficie delle cellule nervose e aiuta a trasmettere i segnali.

Infatti, quando i ricercatori hanno messo fuori uso il recettore NMDA, la ketamina ha comunque avuto lo stesso effetto sulle cellule – spostando rapidamente le proteine ​​G dalle zattere lipidiche sulla membrana cellulare.

“Quando le proteine ​​G si spostano dalle zattere lipidiche, consentono una migliore comunicazione tra le cellule cerebrali che è nota per aiutare ad alleviare alcuni dei sintomi della depressione”, ha detto Rasenick. 

“Ciò dimostra ulteriormente che il movimento delle proteine ​​G dai lipidi è un vero biomarcatore dell’efficacia degli antidepressivi, indipendentemente da come funzionano“, ha spiegato Rasenick. “Conferma che il nostro modello cellulare è uno strumento utile per mostrare l’effetto di potenziali nuovi farmaci antidepressivi sul movimento delle proteine ​​G e la possibile efficacia di questi farmaci nel trattamento della depressione”.

Fonte: Molecular Psychiatry

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...