La depressione accelera l’invecchiamento cerebrale

declino copgnitivo,depressione

Gli psicologi dell’Università del Sussex hanno trovato un legame tra la depressione e un’accelerazione della velocità alla quale il cervello invecchia. Anche se gli scienziati hanno precedentemente riferito che le persone con depressione o ansia hanno un aumentato rischio di demenza in età avanzata, questo è il primo studio che fornisce una prova completa dell’ effetto della depressione sul declino della funzione cognitiva complessiva (noto anche come stato cognitivo), in una popolazione generale.

Per lo studio, pubblicato giovedì 24 maggio 2018 sulla rivista Psychological Medicine, i ricercatori hanno condotto una solida revisione sistematica di 34 studi longitudinali, con l’accento sul legame tra depressione o ansia e declino della funzione cognitiva nel tempo. Le prove da oltre 71.000 partecipanti sono state combinate e riviste. Includendo le persone che hanno presentato sintomi di depressione e quelle che sono state diagnosticate come clinicamente depresse, lo studio ha esaminato il tasso di declino dello stato cognitivo complessivo comprendendo perdita di memoria, funzione esecutiva (come il processo decisionale) e velocità di elaborazione delle informazioni negli anziani.

È importante sottolineare che gli studi condotti su partecipanti a cui è stata diagnosticata la demenza all’inizio dello studio sono stati esclusi dall’analisi per valutare più in generale l’impatto della depressione sull’invecchiamento cognitivo nella popolazione generale. Lo studio ha rilevato che le persone con depressione hanno sperimentato un declino maggiore nello stato cognitivo nell’età adulta più avanzata di quelle senza depressione. Poiché esiste un lungo periodo pre-clinico di diversi decenni prima che la demenza possa essere diagnosticata, i risultati sono importanti per gli interventi precoci poiché attualmente non esiste una cura per la malattia.

Gli autori principali del documento, Dr. Darya Gaysina e Amber John del Laboratorio EDGE (Ambiente, Sviluppo, Genetica ed Epigenetica in Psicologia e Psichiatria) dell’Università del Sussex, chiedono una maggiore consapevolezza dell’importanza di sostenere la salute mentale per proteggere la salute del cervello in età avanzata.

( Vedi anche:Scoperto un legame genetico tra insonnia, depressione e diabete di tipo 2).

La Dr.ssa Gaysina, docente di psicologia presso l’ EDGE Lab Lead, commenta: “Questo studio è di grande importanza: le nostre popolazioni stanno invecchiando a un ritmo rapido e si prevede che il numero di persone che vivono con capacità cognitive e demenziali decrescenti crescerà sostanzialmente nei prossimi trenta anni. I nostri risultati dovrebbero dare al governo un motivo in più per prendere sul serio i problemi di salute mentale e garantire che le risorse sanitarie siano adeguatamente finanziate. Dobbiamo proteggere il benessere mentale dei nostri anziani e fornire solidi servizi di supporto a coloro che soffrono di depressione e ansia per salvaguardare la loro funzione cerebrale in età avanzata “.

La ricercatrice Amber John, che ha svolto questa ricerca per il suo dottorato di ricerca all’università del Sussex, aggiunge: “La depressione è un problema di salute mentale comune. La pratica consapevole e l’assunzione di trattamenti terapeutici raccomandati, come la terapia cognitiva comportamentale, si sono dimostrati utili nel sostenere il benessere mentale che a sua volta può aiutare a proteggere la salute cognitiva in età avanzata”.

Fonte: Cambridge University Press

Altri articoli su declino copgnitivo, depressione