Il metabolismo irregolare degli acidi a catena ramificata aumenta il rischio di diabete

diabete di tipo 2

Negli Stati Uniti, circa cinque su 100 donne incinte sviluppano diabete mellito gestazionale (GDM), una forma temporanea di diabete in cui i cambiamenti ormonali interrompono la funzione insulinica. Sebbene il GDM sia spesso privo di sintomi e scompare dopo il parto, le donne con una storia di questo tipo di diabete hanno un rischio sette volte maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2.

I meccanismi biologici alla base di questo aumento del rischio di diabete di tipo 2 sono misteriosi. Ma un nuovo studio pubblicato in Clinical Chemistry  e guidato da Deirdre Tobias, Associato epidemiologo presso il Brigham e Women’s Hospital e Assistant Professor presso la Harvard Medical School, suggerisce che il metabolismo irregolare degli aminoacidi a catena ramificata – componenti di proteine ​​presenti in molti alimenti – può essere parzialmente ritenuto responsabile della progressione del diabete di tipo 2.

Tobias e il suo team di ricercatori hanno valutato diete e campioni di sangue raccolti durante lo studio sulla salute degli infermieri, un’indagine sul rischio di malattia cronica nelle donne che è stata effettuata dal 1989 e continua ancora oggi. I ricercatori hanno esaminato i dati di 347 donne con storie di GDM, circa la metà delle quali hanno sviluppato il diabete di tipo 2. I ricercatori hanno calcolato i livelli di assunzione di amminoacidi a catena ramificata delle donne utilizzando le linee guida pubblicate per il contenuto di nutrienti. Utilizzando la spettrometria di massa, hanno anche misurato i livelli degli amminoacidi a catena ramificata nei campioni di sangue che sono stati raccolti prima dello sviluppo del diabete di tipo 2 durante il periodo 1996-1999.

I ricercatori hanno scoperto che le donne con una storia di GDM che in seguito hanno sviluppato il diabete di tipo 2 avevano livelli più elevati di amminoacidi a catena ramificata nel sangue, indipendentemente dal loro apporto dietetico. Ciò suggerisce che un maggiore consumo di aminoacidi a catena ramificata può aumentare il rischio di diabete di tipo 2, ma solo se la capacità di un individuo di metabolizzarli correttamente è compromessa.

“Se il tuo apporto alimentare è alto, ma puoi eliminarlo normalmente dalla circolazione, non sembra che tu abbia un rischio di diabete di tipo 2 più alto”, ha detto Tobias.

I ricercatori non sono ancora in grado di caratterizzare completamente il percorso specifico di questo metabolismo compromesso, ma l’anormalità sembra portare a un accumulo di aminoacidi a catena ramificata circolanti  che hanno un effetto a valle dannoso sulla funzione dell’insulina.

Gli amminoacidi a catena ramificata sono aminoacidi essenziali, il che significa che possono essere ottenuti solo dal cibo. Svolgono ruoli importanti nella funzione immunitaria e neurologica e esistono in un’ampia varietà di alimenti. Tobias ha sottolineato che gli amminoacidi a catena ramificata non sono necessariamente malsani. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se abbassare il loro apporto alimentare può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 nelle persone con metabolismo anormale.

“Da un punto di vista pratico, gli aminoacidi a catena ramificata sono difficili da evitare”, ha detto Tobias. “Si trovano in tante fonti proteiche, sia sane che meno sane”.

Tobias e il suo team sperano che l’individuazione precoce di concentrazioni ematiche di aminoacidi a catena ramificata anormalmente alte possa un giorno consentire interventi precoci sul rischio di diabete di tipo 2. I ricercatori suggeriscono che saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare se i test per rilevare questi livelli dovrebbero diventare procedure standard.

Fonte: Clinical Chemistry

Altri articoli su diabete di tipo 2