HomeSaluteIl grasso corporeo aumenta il rischio di demenza e ictus

Il grasso corporeo aumenta il rischio di demenza e ictus

(Grasso corporeo-Immagine Credit Public Domain).

L’obesità è una epidemia globale che colpisce due adulti su cinque e poiché continua ad aumentare il girovita in tutto il mondo, i ricercatori dell’Università del South Australia avvertono che il grasso corporeo dannoso può anche aumentare il rischio di demenza e ictus.

Esaminando la materia grigia del cervello di circa 28.000 persone, questa prima ricerca mondiale ha mostrato che l’aumento del grasso corporeo porta in modo incrementale a un aumento dell’atrofia della materia grigia nel cervello e di conseguenza a un rischio più elevato di peggioramento della salute del cervello.

- Advertisement -

La materia grigia è una parte essenziale del cervello responsabile del controllo dell’esecuzione, dell’attività muscolare e sensoriale, nonché dell’apprendimento, dell’attenzione e della memoria.

L’obesità è un problema importante in tutto il mondo, con numeri che sono quasi triplicati dal 1975. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mostrano che più di 1,9 miliardi di adulti sono in sovrappeso, con 650 milioni di obesi. Più di 340 milioni di bambini e adolescenti (di età compresa tra 5 e 19 anni) sono in sovrappeso o obesi, con 39 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni che rientrano in questa categoria.

Vedi anche:Grasso addominale resistente al digiuno a giorni alterni

Il ricercatore capo della UniSA, il Dr. Anwar Mulugeta, afferma che i risultati di questo studio si aggiungono ai crescenti problemi associati al sovrappeso o all’obesità. “L’obesità è una condizione geneticamente complessa caratterizzata dall’eccesso di grasso corporeo”, afferma il Dott. Mulugeta. “Comunemente collegata a malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e infiammazione cronica (un marker di demenza), l’obesità attualmente costa all’economia australiana circa 8,6 miliardi di dollari all’anno. “Mentre il carico dell’obesità è aumentato negli ultimi cinque decenni, la natura complessa della malattia significa che non tutti gli individui obesi sono metabolicamente malsani, il che rende difficile individuare chi è a rischio di malattie associate e chi no. Certamente, essere in sovrappeso in genere aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e infiammazione di basso grado, ma comprendere il livello di rischio è importante per indirizzare meglio i supporti. In questo studio, abbiamo indagato le relazioni causali degli individui all’interno di tre tipi di obesità metabolicamente diversi – sfavorevole, neutrale e favorevole – per stabilire se gruppi di peso specifico fossero più a rischio di altri. In generale, i tre sottotipi di obesità hanno la caratteristica di indice di massa corporea più elevato, tuttavia, ogni tipo varia in termini di distribuzione del grasso corporeo e del grasso viscerale, con un diverso rischio di malattie cardiometaboliche. Abbiamo scoperto che le persone con livelli più elevati di obesità, in particolare quelli con sottotipi di adiposità metabolicamente sfavorevoli e neutri, avevano livelli molto più bassi di materia grigia del cervello, indicando che queste persone potrebbero aver compromesso la funzione cerebrale che necessitava di ulteriori indagini. Tuttavia, non abbiamo trovato prove conclusive per collegare uno specifico sottotipo di obesità con demenza o ictus. Invece, il nostro studio suggerisce il possibile ruolo dell’infiammazione e delle anomalie metaboliche che possono contribuire all’obesità e alla riduzione del volume della materia grigia“.

- Advertisement -

Lo studio ha utilizzato la randomizzazione mendeliana per esaminare i dati genetici di un massimo di 336.000 individui nella biobanca britannica, con informazioni auto-riferite e report di Ospedali e registri di morte, per collegare demenza e ictus al grasso corporeo. Ha scoperto che la materia grigia del cervello nelle fasce di età medio-anziana (37-73) è diminuita dello 0,3 percento per ogni 1 kg/m 2 in più , che equivale a 3 kg di peso in più per individui di altezza media (173 cm)

La ricercatrice senior dell’UniSA, la Prof.ssa Elina Hyppönen, Direttrice del Centro australiano per la salute dell’UniSA con sede al SAHMRI, afferma che mantenere un peso sano è importante per la salute pubblica generale. “È sempre più riconosciuto che l’obesità è una condizione complessa e che soprattutto il grasso in eccesso che si trova intorno agli organi interni, il grasso addominale, ha effetti particolarmente dannosi sulla salute”, afferma il Prof. Hyppönen. “Qui, abbiamo utilizzato i profili genetici e metabolici degli individui per confermare diversi tipi di obesità. In pratica, i nostri risultati supportano la necessità di esaminare il tipo di obesità quando si valuta il tipo di probabile impatto sulla salute. “Anche in un individuo di peso relativamente normale, l’eccesso di peso intorno all’area addominale può essere motivo di preoccupazione”.

Fonte:Neurobiology of Aging 

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...