Il digiuno può migliorare i sintomi della SM?

SM

Immagine: Laura Piccio, MD, parla con DeAnna Clark durante un controllo. Clark, che ha la SM, sta partecipando a uno studio condotto da Piccio per valutare se il digiuno parziale possa giovare alle persone con SM. Credito:Tim Parker.

Le persone con sclerosi multipla (SM) possono trovare un’abbondanza di consigli contrastanti che suggeriscono che le diete speciali – dall’evitare cibi trasformati a cibi a basso contenuto di carboidrati – alleggeriscono i loro sintomi. Ma l’evidenza che i cambiamenti nella dieta possono migliorare l’affaticamento o altri sintomi della SM, è scarsa.

“Le persone ascoltano queste storie miracolose sui pazienti che recuperano la capacità di camminare dopo aver iniziato questa dieta o quella e tutti vogliono crederci”, ha detto Laura Piccio, Professore associato di neurologia alla Washington University School of Medicine di St. Louis. “Tutto quello che abbiamo adesso sono aneddoti, il fatto è che la dieta può davvero aiutare a migliorare i sintomi della SM, ma gli studi non sono stati fatti”.

Ecco perché Piccio sta mettendo alla prova un solo intervento dietetico. Ha avviato una sperimentazione per valutare se ridurre drasticamente le calorie due volte a settimana può modificare l’ambiente immunitario e il microbioma intestinale e potenzialmente modificare il decorso della malattia. Lo studio dimostra che il digiuno può ridurre i sintomi simil-MS nei topi.

La SM è un tradimento: il sistema immunitario di una persona si rivolta contro il suo sistema nervoso. A seconda di quali siano i nervi danneggiati nell’assalto, i segni ed i sintomi variano notevolmente, ma possono includere affaticamento, intorpidimento o debolezza agli arti, vertigini, problemi alla vista, formicolio e dolore. I pazienti con SM recidivante-remittente – la forma più comune – possono essere stabili per mesi o anni tra periodi di malattia.

Piccio e colleghi stanno reclutando pazienti con SM recidivante-remittente per uno studio di 12 settimane. Una metà seguirà la solita dieta in stile occidentale sette giorni su sette, mentre l’altra metà manterrà tale dieta per cinque giorni alla settimana, ma si limiterà a 500 calorie di verdure nei restanti due giorni.

La sperimentazione si basa sui risultati di uno studio su topi di Piccio e Yanjiao Zhou, un assistente Professore presso l’Università del Connecticut che studia terapie basate su microbiomi che è stato pubblicato all’inizio di questo mese nella rivista Cell Metabolism. Lo studio ha dimostrato che il digiuno intermittente riduce i sintomi simil-MS. Nello studio, una parte di topi hanno liberamente mangiato, mentre altri sono stati nutriti a giorni alterni per quattro settimane prima di ricevere un’immunizzazione per scatenare sintomi simil-MS. Entrambi i gruppi di topi hanno poi continuato con le loro stesse diete per altre sette settimane.

I topi che digiunavano a giorni alterni avevano meno probabilità di sviluppare segni di danni neurologici come difficoltà a camminare, debolezza degli arti e paralisi. Alcuni dei topi a digiuno hanno sviluppato sintomi simil-MS, ma sono apparsi più tardi e sono stati meno gravi rispetto ai topi che hanno mangiato a pieno ritmo ogni giorno.

Rispetto ai topi che assumevano pasti quotidiani, quelli che mangiavano a giorni alterni avevano meno cellule immunitarie proinfiammatorie e più di un tipo di cellula immunitaria che mantiene sotto controllo la risposta immunitaria.

( Vedi anche:Nuovi indizi sulle cause della sclerosi multipla).

“Ci sono diversi modi possibili in cui il digiuno può influenzare l’infiammazione e la risposta immunitaria”, ha detto Piccio. “Uno è cambiando i livelli ormonali e abbiamo scoperto che i livelli del corticosterone ormone antinfiammatorio, erano quasi il doppio nei topi che mangiavano regolarmente rispetto ai topi a digiuno. Tuttavia il digiuno può anche agire attraverso il microbioma intestinale“.

“Il microbioma intestinale – la comunità dei microbi nell’intestino – non solo ci aiuta a digerire il nostro cibo e a sintetizzare vitamine e amminoacidi. Aiuta anche il nostro sistema immunitario a svilupparsi e maturare. Un cambiamento nella composizione della comunità dell’intestino potrebbe alterare il sistema immunitario verso una tendenza pro o anti-infiammatoria”, hanno detto i ricercatori.

Dopo quattro settimane, i topi che digiunavano, mostravano un ecosistema più diversificato nelle loro viscere rispetto ai topi che mangiavano ogni giorno. In particolare, i topi a digiuno avevano più batteri probiotici Lactobacillus.

Inoltre, il trasferimento di batteri intestinali da topi a digiuno a topi che mangiavano regolarmente, ha reso i destinatari meno suscettibili allo sviluppo di sintomi simil-MS, suggerendo che qualcosa nella comunità microbica stava proteggendo i topi.

Questi risultati sono stati abbastanza incoraggianti da consentire a Piccio e colleghi di lanciare uno studio umano su 40/60 persone. Ogni partecipante dovrà sottoporsi a una valutazione neurologica e fornire campioni di sangue e di feci all’inizio dello studio, verso la metà e alla fine. I partecipanti che assumono già farmaci iniettabili per la SM continueranno i loro regimi terapeutici prescritti. I partecipanti ricevono fino a $ 265 per aver preso parte allo studio.

“Non stiamo cercando benefici clinici, anche se speriamo sicuramente di vedere un miglioramento”, ha detto Piccio. “Poiché la SM è così variabile e le persone con SM recidivante-remittente possono essere stabili e quasi prive di sintomi per lunghi periodi, è necessario uno studio enorme per vedere i benefici del digiuno. Invece, quello che vogliamo scoprire è se le persone in regime di digiuno subiscono cambiamenti nel loro metabolismo, nella risposta immunitaria e nel microbioma simili a quelli che abbiamo visto nei topi “.

Uno studio pilota con 16 persone che limita le loro calorie a giorni alterni per due settimane ha rilevato cambiamenti immunitari e nel microbioma che echeggiano quelli visti nei topi. L’attuale studio è progettato per analizzare più da vicino questi cambiamenti e forse preparare le basi per uno studio ancora più ampio per scoprire se saltare i pasti può alleviare i sintomi per le persone con SM.

“Non penso che nessun medico che lavora con questa malattia pensi di poter curare la SM con la sola dieta”, ha detto Piccio. “Ma potremmo essere in grado di usare il digiuno  come componente aggiuntivo ai trattamenti attuali per aiutare le persone a sentirsi meglio.”

Fonte: Washington University

Altri articoli su SM