Nuovi indizi sulle cause della sclerosi multipla

sclerosi multipla

Immagine: nella sclerosi multipla, un gruppo di linfociti T CD8 + (rosso) esprime TOX (verde) all’interno del nucleo (blu). Credito: UNIGE.

La sclerosi multipla, che colpisce una persona su 1.000, è frequentemente caratterizzata da ricadute associate a menomazioni funzionali variabili che includono tra l’altro problemi alla vista, compromissione delle funzioni motorie o difficoltà nel parlare. Non esiste ancora una cura per la sclerosi multipla e gli attuali trattamenti si basano sulla gestione dei sintomi, in particolare sull’accelerazione delle fasi di recupero in seguito a una ricaduta e sulla riduzione del numero e della gravità delle recidive.

I ricercatori dell’Università di Ginevra (UNIGE) e degli Ospedali universitari di Ginevra (HUG), hanno identificato un fattore di legame al DNA chiamato TOX che potrebbe svolgere un ruolo nell’innescare la sclerosi multipla. I ricercatori hanno scoperto che TOX autorizza le cellule immunitarie a causare la distruzione autoimmune del tessuto nel cervello. I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Immunity, forniscono informazioni importanti sulla nostra comprensione e trattamento delle malattie autoimmuni.

La sclerosi multipla è oggi un mistero quanto lo è sempre stata. Sappiamo che i fattori di rischio genetici e i fattori ambientali come l’infezione o il fumo sono noti per svolgere un ruolo nello sviluppo della malattia. Tuttavia, non è noto il motivo per cui è innescata in alcuni casi e non in altri. “Abbiamo deciso di analizzare i fattori infettivi studiando le reazioni autoimmuni provocate da diversi patogeni”, spiega Doron Merkler, Professore nel dipartimento di patologia e immunologia presso la Facoltà di Medicina dell’UNIGE e nel dipartimento di patologia clinica HUG. “Questo lavoro cerca di individuare un elemento che potrebbe influenzare lo sviluppo della sclerosi multipla dove c’è stata un’infezione“.

I ricercatori dell’UNIGE hanno selezionato due distinti patogeni che provocano una risposta dal sistema immunitario, uno virale e uno batterico, che sono stati poi iniettati in topi sani. Afferma Nicolas Page, ricercatore nel Dipartimento di Patologia e Immunologia dell’UNIGE: “Solo il topo infetto dal patogeno virale ha sviluppato una malattia infiammatoria del cervello che ricorda la sclerosi multipla“.

( Vedi anche:Sclerosi multipla: nuova conoscenza potrebbe favorire la formazione di nuove guaine mieliniche).

Sulla base di questi risultati, gli scienziati hanno analizzato come l’espressione dei geni nelle celule T CD8 + varia a seconda del patogeno utilizzato per attivarli. Ciò li ha aiutati a identificare TOX, un fattore di legame al DNA espresso solo nelle cellule attivate dal patogeno virale. “Abbiamo scoperto che l’ambiente infiammatorio influenza l’espressione di TOX nei linfociti T e che potrebbe svolgere un ruolo nell’innescare la malattia”, spiega il ricercatore.

Niente ferma TOX

Gli immunologi hanno validato il legame tra TOX e sclerosi multipla nel modello sperimentale eliminando l’espressione di questo fattore di legame nel DNA nei linfociti T CD8 + di topi sani. “E anche se hanno ricevuto il patogeno virale, i topi non hanno sviluppato la malattia”, ha detto Merkler.

Qual è allora il ruolo di TOX nel determinare la sclerosi multipla?

“Il nostro cervello ha una capacità rigenerativa limitata”, dice Merkler, “ed è per questo che deve proteggersi dalle reazioni immunitarie del corpo che possono distruggere le sue cellule, volendo combattere il virus, creando danni irreversibili che bloccano il passaggio dei linfociti T “, aggiunge il ricercatore. Tuttavia, alterando l’espressione di alcuni dei recettori sulla superficie dei linfociti T CD8 + responsabili della ricezione dei segnali di blocco inviati dal cervello, TOX consente alle cellule di attraversare le salvaguardie e attaccare le cellule cerebrali, causando l’insorgenza della malattia .

A seguito di queste analisi, i ricercatori dell’UNIGE hanno notato che TOX era espresso anche nelle cellule T presenti nelle lesioni da sclerosi multipla. “Questo è un risultato incoraggiante per comprendere le cause della malattia, ma c’è ancora molto lavoro da fare per accertare ciò che realmente causa la sclerosi multipla nell’uomo”, dice Merkler.

I ricercatori dell’UNIGE ora prenderanno di mira il funzionamento di TOX e il suo coinvolgimento in altre malattie autoimmuni e in alcuni tipi di cancro.

Fonte: Immunity

Altri articoli su sclerosi multipla