Il coronavirus 2019 è stato ufficialmente chiamato COVID-19

0
7

Immagine: coronavirus COVID-19. Credito: Dr. Fred Murphy e Sylvia Whitfield / CDC.

“Il coronavirus che si è diffuso dalla Cina ad altri 24 paesi di tutto il mondo, ha ricevuto il suo nome ufficiale – COVID-19 -“, ha affermato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’annuncio arriva dopo che il bilancio delle vittime, 1000 morti e circa 40.000 infettati, della malattia respiratoria ha superato quello dell’epidemia da SARS nel 2003.  Il termine COVID-19 significa malattia da coronavirus, con CO che significa corona, VI virus, D sta per malattia e 19 riguarda l’anno in cui è emerso, essendo il 2019.

I casi COVID-19 hanno iniziato a emergere nell’ultima settimana di dicembre 2019 in un mercato del pesce nella città di Wuhan, provincia di Hubei, in Cina. I medici cinesi hanno avvisato l’OMS della nuova malattia emergente, ma con il passare delle settimane il bilancio delle vittime è aumentato rapidamente con circa un centinaio di morti segnalate ogni giorno.
Il Coronavirus Study Group, che fa parte del Comitato Internazionale per la tassonomia dei virus, ha coniato il nome del virus stesso. Il gruppo riconosce formalmente il nuovo coronavirus come parente stretto del coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoVs) e lo ha designato come coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2), in un articolo pubblicato su bioRxiv, una rivista online. Quindi ora è riconosciuto ufficialmente che la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 causa la malattia da coronavirus 2019 (COVID19).
L’attuale epidemia di infezioni del tratto respiratorio inferiore, inclusa la sindrome da distress respiratorio, è il terzo spillover, in soli due decenni, di un coronavirus animale che trasferitosi all’uomo ha provocato un’epidemia grave“, ha scritto il team.
“Un nome ufficiale per la malattia da coronavirus cinese aiuterà a prevenire inesattezze fornendo al contempo un formato standard per i futuri focolai”, ha chiarito l’OMS.

L’ entità del virus  e la sua diffusione

Nella sola Cina continentale, 108 persone sono morte il 10 febbraio e 2.478 nuovi casi sono stati registrati, portando il numero globale totale a 44.138 casi, secondo l’ultimo aggiornamento della diffusione dei virus. Il bilancio delle vittime globale ha raggiunto 1.107, con una morte segnalata a Hong Kong e una morte nelle Filippine.
I funzionari sanitari della provincia di Hubei hanno riferito di ulteriori 1.638 nuovi casi di malattia, portando il numero totale di casi nell’epicentro dell’epidemia a 33.366.
Su una nave da crociera, Diamond Princess,in mare al largo delle coste del Giappone, dove migliaia di persone sono attualmente messe in quarantena, altre 39 persone sono risultate positive al coronavirus. I nuovi casi hanno seguito altri 66 che hanno confermato di avere il virus il 10 febbraio, portando il numero totale dei pazienti a 136.
Il capo dell’OMS, il Dr. Ghebreyesus, ha affermato che l’epidemia sta mettendo alla prova le nazioni in molti modi. L’attuale epidemia è un test di solidarietà globale, con tutti i settori di tutto il mondo che combattono un nemico comune che non rispetta i confini o le ideologie. Ha aggiunto che con l’aiuto di finanziamenti e supporto, c’è la possibilità che il mondo possa battere COVID-19. Investire in interventi basati sull’evidenza, sulla diagnostica e sui vaccini aiuterà a frenare l’epidemia e ad impedire che causi nuovamente danni.
Nel frattempo, l’agenzia sanitaria ha dichiarato che un vaccino potrebbe arrivare non prima di 18 mesi e ha esortato le persone a fare affidamento sull’uso delle misure preventive disponibili per affrontare il virus mortale.

Il blocco di Wuhan è arrivato troppo tardi

Uno studio a fine gennaio condotto da ricercatori dell’Università di Southampton ha proiettato la potenziale diffusione globale della malattia da coronavirus COVID19 tra gennaio e aprile 2020. Utilizzando gli itinerari di volo e i dati sulla posizione di Baidu, un gigante tecnologico cinese, i ricercatori sono stati in grado di stimare dove le persone hanno viaggiato, anche prima il blocco di Wuhan. L‘Asia e i paesi vicini sono a maggior rischio di diffusione di infezioni, con la Thailandia come destinazione numero uno tra i cinesi. Il team ha stimato che circa 59.912 passeggeri aerei hanno lasciato Wuhan per un totale di 382 città al di fuori della Cina continentale due settimane prima che la città fosse chiusa il 23 gennaio.
I ricercatori hanno affermato che con il numero di persone che hanno lasciato la città e viaggiato in altri paesi, è inevitabile una diffusione globale del virus mortale.
Fonte: bioRxiv,