Il consumo di frutti di mare favorisce un sano invecchiamento

frutti di mare,invecchiamento

Alti livelli ematici di acidi grassi omega 3 presenti nei frutti di mare sono associati a una maggiore probabilità di invecchiamento in buona salute, secondo uno studio statunitense pubblicato da The BMJ oggi.

Con le popolazioni di tutto il mondo che vivono più a lungo, vi è una crescente attenzione all’invecchiamento sano, senza gravi malattie croniche e con una buona funzione fisica e mentale.

Precedenti studi suggeriscono che gli acidi grassi polinsaturi omega 3 (n-3 PUFA) derivati ​​da frutti di mare e piante possono avere effetti benefici sul corpo che potrebbero promuovere un invecchiamento sano, ma i risultati sono incoerenti.

Così una squadra di ricercatori statunitensi, guidata da Heidi Lai presso la Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University di Boston, ha cercato di studiare l’associazione tra i livelli circolanti nel sangue di PUFA n-3 e l’invecchiamento sano tra gli anziani.

Lo studio ha coinvolto 2.622 adulti che hanno preso parte allo studio US Cardiovascular Health dal 1992 al 2015. L’età media dei partecipanti all’inizio dello studio (basale) era di 74 anni, il 63% erano donne e l’11% proveniva da gruppi non bianchi.

( Vedi anche: L’olio di pesce può proteggere i cuori più giovani).

I livelli ematici di n3-PUFA sono stati misurati al basale, a 6 e 13 anni. Questi includono acido eicosapentaenoico (EPA), acido docosaesaenoico (DHA), acido docosapentaenoico (DPA) e acido alfa linolenico (ALA). Le principali fonti alimentari di EPA, DHA e DPA provengono dai frutti di mare, mentre l’ALA si trova principalmente nelle piante (noci, semi e verdure a foglia verde).

Sulla base di queste misurazioni, i partecipanti sono stati suddivisi in cinque gruppi (quintili) in base ai livelli circolanti nel sangue di n-3 PUFA, dal più basso al più alto.

Attraverso la revisione delle cartelle cliniche e dei test diagnostici, i ricercatori hanno scoperto che l’89% dei partecipanti ha avuto un invecchiamento malsano durante il periodo di studio, mentre l’11% ha sperimentato un invecchiamento sano definito come la sopravvivenza libera dalle principali malattie croniche e senza disfunzione mentale o fisica.

Dopo aver preso in considerazione una serie di altri fattori sociali, economici e di stile di vita, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di EPA derivati dai frutti di mare nel quintile più alto erano associati a un rischio inferiore del 24% di invecchiamento malsano rispetto ai livelli del quintile più basso.

Per i livelli di DPA, i primi tre quintili erano associati a una riduzione del 18-21% del rischio di invecchiamento non sano. Tuttavia, il DHA derivato dai frutti di mare e l’ALA derivato dalle piante non erano associati ad un invecchiamento sano.

“Una possibile spiegazione di questo effetto è che i PUFA n-3 aiutano a regolare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e l’infiammazione”, spiegano gli autori.

I ricercatori sottolineano che si tratta di uno studio osservazionale, quindi non è possibile trarre conclusioni definitive su causa ed effetto e non si può escludere la possibilità che parte del rischio osservato possa essere dovuto ad altri fattori non misurati.

Lo studio ha avuto un periodo di follow-up lungo (fino a 22 anni) ed i risultati sono rimasti sostanzialmente invariati dopo ulteriori analisi.

Tra gli adulti più anziani, livelli più elevati di PUFA n-3 circolanti da frutti di mare erano associati a un minor rischio di invecchiamento non sano.

“Questi risultati incoraggiano la necessità di ulteriori indagini su meccanismi biologici plausibili e interventi relativi a n3-PUFA per il mantenimento dell’invecchiamento sano e supportano le linee guida per un maggiore consumo dietetico di pesce tra gli anziani “, concludono gli autori.

In un editoriale collegato, il Professor Yeyi Zhu della Kaiser Permanente Northern California Division of Research e l’Università della California e colleghi sostengono che questo studio fornisce un valido contributo alla nostra comprensione dell’effetto che i PUFA n3 potrebbero avere sull’invecchiamento.

Fonte: BMJ

Altri articoli su frutti di mare, invecchiamento