Il cancro si diffonde più frequentemente nel fegato; ecco perché

cancro

Quando il cancro si diffonde su un altro organo, si sposta più comunemente al fegato e ora i ricercatori del Cancer Center Abramson dell’Università della Pennsylvania dicono di sapere perché. 

Un nuovo studio, pubblicato oggi su Nature, mostra che gli epatociti, le principali cellule funzionali del fegato, sono al centro di una reazione a catena che lo rende particolarmente sensibile alle cellule tumorali. Questi epatociti rispondono all’infiammazione attivando una proteina chiamata STAT3, che a sua volta aumenta la produzione di altre proteine ​​chiamate SAA, che rimodellano il fegato e creano il “terreno” necessario per le cellule tumorali. I ricercatori mostrano che fermare questo processo utilizzando anticorpi che bloccano l’IL-6, il segnale infiammatorio che guida questa reazione a catena, può limitare il potenziale di diffusione del cancro al fegato.

Vedi anche Il licopene nei pomodori riduce la steatosi epatica, l’infiammazione e il cancro al fegato.

“L’ipotesi seme-e-suolo è ben riconosciuta, ma la nostra ricerca ora dimostra che gli epatociti sono i principali orchestratori di questo processo”, ha detto l’autore senior Gregory L. Beatty, un assistente Professore di Ematologia- Oncologia presso la Perelman School of Medicine di Penn. Jae W. Lee, candidato nel laboratorio di Beatty, è l’autore principale dello studio.

Il team ha utilizzato per la prima volta modelli murini di adenocarcinoma duttale pancreatico (PDAC), il tipo più comune di cancro al pancreas e attualmente la terza causa principale di morte per cancro negli Stati Uniti. i ricercatori hanno scoperto che quasi tutti gli epatociti hanno mostrato l’attivazione di STAT3 nei topi con cancro, rispetto a meno del due per cento degli epatociti nei topi senza tumori. Hanno poi collaborato con ricercatori della Mayo Clinic Arizona e altri colleghi della Penn per dimostrare che questa stessa biologia poteva essere osservata in pazienti con cancro del pancreas e cancro del colon e del polmone. L’eliminazione genetica di STAT3 solo negli epatociti ha effettivamente bloccato l’aumentata suscettibilità del fegato alla diffusione del cancro nei topi. Il team ha collaborato ulteriormente con ricercatori dell’Università del Kentucky per dimostrare che IL-6 controlla la segnalazione STAT3 in queste cellule e incarica gli epatociti di produrre SAA,

Il fegato è un importante sensore nel corpo”, ha detto Lee. “Dimostriamo che gli epatociti percepiscono l’infiammazione e rispondono in un modo strutturato che il cancro usa per diffondersi“.

Lo studio ha anche scoperto che IL-6 guida i cambiamenti nel fegato indipendentemente dal fatto che esista o meno un tumore, implicando che qualsiasi condizione associata ad aumentati livelli di IL-6, come l’obesità o le malattie cardiovascolari, potrebbe influenzare la ricettività del fegato al cancro. Questo studio fornisce la prova che le terapie che colpiscono gli epatociti possono essere in grado di prevenire la diffusione del cancro al fegato, una delle principali cause di mortalità per cancro.

Fonte, Nature

Altri articoli su cancro