Identificato un fattore chiave nella malattia di Crohn

malattia di Crohn

Immagine, Micrografia ad alto ingrandimento della malattia di Crohn. Biopsia dell’esofago. Macchia H&E. Credito: Nephron / Wikipedia.

I ricercatori del Medical Research Institute QIMR Berghofer hanno identificato un fattore chiave della malattia di Crohn, un disturbo intestinale aggressivo.

La scoperta potrebbe eventualmente portare a nuovi trattamenti per questa condizione spesso debilitante.

La malattia di Crohn, nota anche come malattia infiammatoria intestinale, è incurabile e colpisce circa 35.000 persone in Australia.

Gli scienziati del QIMR Berghofer hanno scoperto che la proteina PD-L2 era iperattiva nelle persone con malattia di Crohn.

Lo studio è stato condotto dal capo del gruppo di immunologia molecolare, la Dott.ssa Michelle Wykes e dal Dr. Graham Radford-Smith che dirige il Gut Health Laboratory dell’Istituto ed è vicedirettore presso il dipartimento del Royal Brisbane and Women’s Hospital (RBWH) di Gastroenterologia.

PD-L2 agisce come una molecola gatekeeper nelle cellule immunitarie del corpo, decidendo se altre molecole nelle cellule dovrebbero reagire a una minaccia.

In un precedente lavoro, la Dott.ssa Wykes ha esaminato il ruolo svolto da PD-L2 in malattie come il cancro e la malaria e in seguito, ha indagato anche il ruolo che la proteina ha nella malattia di Crohn.

“I nostri studi precedenti hanno dimostrato che la proteina PD-L2 mancava nel sangue e nei tessuti di pazienti affetti da cancro e malaria. Ciò significava che altre molecole che sopprimevano l’infiammazione non venivano controllate, quindi sopprimevano troppo il sistema immunitario”, dice Wykes.

“Ci siamo chiesti: “Se fosse il contrario nella malattia di Crohn?” che è caratterizzata da un’infiammazione eccessiva”. aggiunge la ricercatrice.

“Ed è esattamente quello che abbiamo scoperto, che c’era un eccesso di queste proteine” gatekeeper “PD-L2 nel sangue dei pazienti affetti da Crohn. Questa sovrabbondanza stava ovviamente impedendo ad altre molecole di fare il loro lavoro nel sopprimere l’infiammazione. Nessuno prima, aveva pensato di indagare o aveva osservato allo stesso modo la proteina”.

I ricercatori hanno esaminato campioni di sangue e tessuti di 29 pazienti che erano stati trattati per la malattia di Crohn presso l’RBWH.

Test di laboratorio hanno dimostrato che introdurre gli anticorpi che controllano PD-L2 nelle cellule dei pazienti affetti dalla malattia di Crohn, rallenta l’infiammazione.

Vedi anche, Firma della resistenza ai farmaci scoperta nella malattia di Crohn.

Il Dott. Radford-Smith ha affermato che i risultati dello studio potrebbero fornire agli scienziati un nuovo obiettivo per potenziali trattamenti.

“La malattia di Crohn è un disturbo infiammatorio cronico in cui il corpo sembra generare la propria infiammazione contro se stesso, ed è uno dei motivi per cui il ruolo della molecola” gatekeeper “PD-L2 è così rilevante”, ha affermato il Dott. Radford-Smith .

“Questo studio è un altro passo importante nella nostra comprensione della malattia di Crohn e apre una nuova area per indagare. Se possiamo capire perché l’infiammazione si verifica nei pazienti di Crohn, allora possiamo elaborare strategie per curare, e possibilmente in futuro, prevenire la malattia”.

Lo studio ha scoperto che c’erano anche meno cellule dendritiche per il controllo immunitario nel rivestimento dell’intestino delle persone con malattia di Crohn.

Ha affermato il Dott. Wykes:

“Comprendere l’infiammazione in Crohn aggiungerà anche alla nostra crescente conoscenza che l’ infiammazione è un fattore in molte malattie. Questo è solo l’inizio. Crediamo che la comprensione di questa proteina avrà grandi implicazioni per una serie di condizioni autoimmuni”.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Clinical and Translational Immunology.



Altri articoli su malattia di Crohn