HomeSalutePelleIdentificato nuovo fattore nello sviluppo della psoriasi

Identificato nuovo fattore nello sviluppo della psoriasi

(Psoriasi-Immagine Credit Public Domain).

La psoriasi è una comune condizione infiammatoria della pelle. I fattori genetici sottostanti non sono stati ancora sufficientemente studiati. L’infiammazione della pelle è solitamente innescata da fattori esterni come infezioni o stress. Un gruppo di ricerca presso l’Istituto di ricerca sul cancro dell’Università di Vienna è ora riuscito a identificare un nuovo fattore responsabile della condizione, nella trasmissione del segnale del sistema immunitario che gioca un ruolo importante nello sviluppo di un episodio psoriasico. Gli scienziati hanno dimostrato che i sintomi possono essere alleviati inibendo la proteina “c-Jun” nella trasmissione del segnale.

La manifestazione clinica comune della psoriasi è un ispessimento grigio-rosato dell’epidermide in focolai distinti di infezione, le cosiddette placche. La ricerca biomedica sui processi molecolari coinvolti ha dimostrato che un’interruzione nella normale interazione tra il sistema immunitario e le cellule epiteliali del derma è responsabile dell’infiammazione. Tuttavia, finora non era chiaro quali vie di segnalazione regolassero l’attivazione delle cellule immunitarie, contribuendo così alla patogenesi.

- Advertisement -

Spiegano gli autori:

“La psoriasi è una malattia cutanea multifattoriale, cronica e infiammatoria la cui patogenesi dipende da mutazioni genetiche predisponenti e fattori scatenanti ambientali. È stato dimostrato che inizialmente, l’auto-RNA / DNA rilasciato da cheratinociti stressati o morenti stimola i TLR intracellulari nelle DC plasmacitoidi (pDC) e nelle DC cutanee per avviare una risposta immunitaria Th 1 e Th 17 che culmina nell’attivazione di ulteriore risposta immunitaria e le cellule della pelle. Ciò porta a regioni della pelle ispessite e ricche di cellule immunitarie clinicamente caratterizzate come psoriasi lesionale. 

Funzione decifrata della proteina “c-Jun” nella psoriasi

Nel recente studio pubblicato sulla principale rivista EMBO Molecular Medicine, è stato dimostrato, utilizzando dati di pazienti e modelli animali, che una proteina nota come “c-Jun” in una particolare cellula immunitaria, la cellula dendritica, gioca un ruolo importante nel promuovere l’infiammazione nella pelle psoriasica. “L’inibizione della trasmissione del segnale da parte della proteina c-Jun allevia i sintomi nel modello animale”, afferma l’autore principale dello studio Philipp Novoszel dell’Istituto di ricerca sul cancro di MedUni di Vienna. La proteina studiata, c-Jun, appartiene a una famiglia più ampia di fattori di trascrizione, i fattori di legame al DNA, noti come Activator Protein-1 (AP-1). Precedenti studi hanno già identificato un ruolo significativo di queste proteine ​​AP-1 nella psoriasi nelle cellule epiteliali dermiche, ma la sua funzione nelle cellule immunitarie non era ancora chiara. “Abbiamo esaminato se le proteine ​​AP-1 nelle cellule immunitarie hanno un ruolo nella patogenesi della psoriasi. Abbiamo identificato valori elevati di c-Jun nelle cellule dendritiche in sezioni cutanee di pazienti affetti da psoriasi. Per indagare ulteriormente sul ruolo del c-Jun, abbiamo disattivato il gene specificamente nelle cellule dendritiche “, spiega Philipp Novoszel dell’Istituto di ricerca sul cancro della MedUni di Vienna.

Vedi anche:Psoriasi a placche: nuovo trattamento topico

- Advertisement -

Quando è stata innescata l’infiammazione della pelle simile alla psoriasi, abbiamo scoperto che la disattivazione del c-Jun riduceva l’ispessimento epidermico e diminuiva l’infiltrazione delle cellule immunitarie.

Immagine

Basato su modelli murini geneticamente modificati (GEMM) e biopsie di psoriasi umana, questo studio suggerisce che c-Jun in Dendritic Cells (DC) contribuisce alla psoriasi controllando la produzione di CCL2 e IL-23 e identifica ulteriormente l’asse JNK / c-Jun un bersaglio farmacologico.

  • L’infiammazione cutanea indotta da TLR7 (IMQ) è stata attenuata nei topi privi di c-Jun nelle DC.
  • La segnalazione TLR7 / JNK / c-Jun era richiesta per la trascrizione di CCL2 e IL-23 nelle DC umane e murine.
  • c-Jun è stato co-espresso con CCL2 e IL-23 nelle DC infiammatorie di tipo 2 della pelle psoriasica umana.
  • Il trattamento con l’inibitore JNK ha alleviato l’infiammazione della pelle nei modelli murini di psoriasi.

Opzione di trattamento

Anche l’inibizione farmacologica della proteina attivante c-Jun, nota come JNK (chinasi c-Jun N-terminale), è risultata altrettanto efficace. “Ciò rappresenta una potenziale opzione di trattamento, poiché sono disponibili inibitori selettivi della JNK altamente efficaci e potrebbero essere studiati”, sottolinea Novoszel. Un’ulteriore analisi utilizzando cellule dendritiche umane ha mostrato che c-Jun controlla la secrezione di una molecola chiave nello sviluppo della psoriasi, la citochina interleuchina-23 (IL-23). Valori elevati si trovano tipicamente nei pazienti affetti da psoriasi e portano all’attivazione dei linfociti T scatenanti la malattia . “L’inibizione della trasmissione del segnale dipendente da c-Jun potrebbe migliorare il quadro clinico della psoriasi riducendo l’IL-23 patogeno“.

“I risultati del nostro studio descrivono un ruolo pro-infiammatorio precedentemente sconosciuto di c-Jun nelle cellule dendritiche dermiche. Ciò si verifica, a livello molecolare, attraverso il controllo della citochina interleuchina-23. Un blocco terapeutico del segnale c-Jun-JNK potrebbe quindi essere un promettente approccio terapeutico per il trattamento della psoriasi “, afferma in sintesi l’autore dello studio.

Fonte: EMBO Molecular Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...