HomeSaluteDiabeteDiabete di tipo I: farmaco sperimentale designato"terapia rivoluzionaria"

Diabete di tipo I: farmaco sperimentale designato”terapia rivoluzionaria”

(Diabete di tipo I-Immagine Credit Public Domain).

Nonostante i progressi nella terapia insulinica esogena, molti pazienti con diabete di tipo 1 non raggiungono un controllo glicemico accettabile e rimangono a rischio di chetosi e ipoglicemia indotta da insulina. “Abbiamo condotto lo studio  SimpliciT1 controllato randomizzato per determinare se TTP399, un nuovo attivatore epatoselettivo della glucochinasi, ha migliorato il controllo glicemico nelle persone con diabete di tipo 1 senza aumentare l’ipoglicemia o la chetosi”, spiegano gli autori.

La Food and Drug Administration statunitense ha concesso alla biotech vTv Therapeutics,  North Carolina, la designazione di terapia rivoluzionaria per TTP399, per il trattamento del diabete di tipo 1.

- Advertisement -

TTP399 è in fase di sviluppo come terapia aggiuntiva all’insulina ed è un nuovo attivatore della glucochinasi in monosomministrazione giornaliera per via orale. La glucochinasi è un enzima regolatore chiave dell’omeostasi del glucosio che funge da sensore fisiologico, in grado di modificare le propria conformazione, l’attività e/o la posizione intracellulare in funzione delle variazioni delle concentrazioni di glucosio.

 SimpliciT1 è uno studio adattivo di fase 1b / 2. Le attività della fase 2 sono state condotte in due parti. La parte 1 ha assegnato in modo casuale 20 partecipanti utilizzando monitor glicemici continui e infusione sottocutanea continua di insulina (CSII). La parte 2 ha assegnato in modo casuale 85 partecipanti che hanno ricevuto più iniezioni giornaliere di insulina o CSII. In entrambe le parti 1 e 2, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a 800 mg di TTP399 o placebo abbinato (completamente in cieco) e trattati per 12 settimane. L’endpoint primario era la variazione dell’HbA 1c dal basale alla settimana 12.

Rispetto al placebo, la terapia con TTP399 alla dose di 800 mg ha comportato riduzioni statisticamente significative dei livelli di emoglobina glicata (HbA1c) e ha incrementato il tempo giornaliero all’interno del corretto intervallo glicemico, oltre a consentire di ridurre la dose giornaliera totale di insulina in bolo durante i pasti.

Il trattamento ha evidenziato una riduzione clinicamente rilevante, pari a circa il 40%, della frequenza degli eventi di ipoglicemia grave o sintomatica rispetto al placebo. Anche livelli anomali di chetoni nel siero e nelle urine sono stati osservati meno frequentemente nella coorte TTP399 rispetto alla coorte placebo, dimostrando per il nuovo candidato farmaco un favorevole profilo di sicurezza.

- Advertisement -

TTP399 ha anche completato uno studio di fase II della durata di 6 mesi in pazienti con diabete di tipo 2, dove ha ottenuto riduzioni statisticamente significative della HbA1c con incidenze trascurabili di ipoglicemia e iperlipidemia.

Vedi anche:Diabete di tipo1: farmaco immunoterapico ritarda lo sviluppo

Spiegano gli autori:

Lo studio SimpliciT1 suggerisce che TTP399 è un candidato per un ulteriore sviluppo come terapia aggiuntiva per il trattamento del diabete di tipo 1. Lo studio, sebbene condotto in base a un protocollo adattivo, è rappresentativo di due studi indipendenti che dimostrano che TTP399 riduce significativamente, sebbene modestamente, l’HbA 1cse usato come terapia aggiuntiva all’insulina. Il miglioramento della glicemia è stato ottenuto nonostante un rigoroso approccio da trattamento a target. Il trattamento con TTP399 ha anche mostrato un profilo di sicurezza favorevole e ha dimostrato un potenziale beneficio nella riduzione degli eventi di ipoglicemia e chetosi. Una terapia aggiuntiva che protegga da queste complicazioni rappresenterebbe un progresso sostanziale nel trattamento del diabete di tipo 1. Per quanto ne sappiamo, questa osservazione è unica. Se confermati in studi di fase 3 più ampi e più lunghi, questi dati suggeriscono che TTP399 migliorerà la glicemia e ridurrà i rischi di ipoglicemia e chetosi nei pazienti con diabete di tipo 1“.

“La paura dell’ipoglicemia da parte del paziente e del medico prescrittore spesso preclude uno stretto controllo glicemico e questa designazione della Fda evidenzia il potenziale di TTP399 per affrontare questa importante esigenza medica insoddisfatta”, ha commentato Steve Holcombe, amministratore delegato della vTv.

Fonte:Diabetes Journals

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...