HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: intestino responsabile dell'immunità sistemica

COVID 19: intestino responsabile dell’immunità sistemica

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Il nostro intestino, che è il luogo dove le cellule immunitarie sono espresse per circolare attraverso il corpo e fornire protezione ad altri organi, potrebbe non fornire un’immunità sistemica di lunga durata da COVID 19 secondo un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Immunology. Un’analisi di campioni di sangue di pazienti infettati da SARS-CoV-2 ha rivelato che le cellule immunitarie circolanti nel sangue, che sono state attivate dalla risposta dell’intestino all’infezione, erano in numero limitato rispetto alle cellule immunitarie che erano state attivate in altre parti del corpo.

“Sebbene l’intestino sia considerato un importante portale di ingresso per il virus SARS-CoV-2, la risposta immunitaria nel sangue dei pazienti COVID 19 è dominata dai linfociti, cellule che proteggono il corpo dalle infezioni, che sono stati attivati ​​da altre aree del corpo, “, dice il Dottor Sebastian Zundler, autore di questo studio e leader del gruppo di ricerca presso il Dipartimento di Medicina 1, University Hospital Erlangen, Germania. “Sono necessari ulteriori lavori, ma questi risultati potrebbero avere implicazioni per i vaccini COVID-19 orali“.

- Advertisement -

Risposta istintiva

L’infezione da COVID-19 può entrare nel corpo attraverso i polmoni o l’intestino, da qui il consiglio di allontanamento sociale e lavaggio frequente delle mani. Il team di Zundler desiderava comprendere il ruolo dell’intestino nel fornire l’immunità sistemica a questo virus.

“Il mio laboratorio di solito è interessato alle risposte immunitarie legate alla malattia infiammatoria intestinale, una malattia immuno-mediata. Poiché l’infezione da SARS-CoV-2 può avvenire attraverso l’intestino, abbiamo deciso di utilizzare le nostre conoscenze per studiare questo virus”, afferma Zundler.

Il team ha utilizzato una tecnica chiamata citometria a flusso per rilevare e misurare i diversi tipi di cellule immunitarie che sono state trovate nei campioni di sangue di pazienti attualmente affetti da COVID-19, pazienti guariti da COVID-19 e quelli privi del virus.

- Advertisement -

Vedi anche:COVID 19: variabili associate alla risposta anticorpale

“C’è un meccanismo speciale nel tessuto linfoide dell’intestino che innesca la produzione di un marker di impronta chiamato “integrina a4b7“. Questo marker fa sì che le cellule T si dirigano verso l’intestino per combattere l’infezione. Possiamo usare questo marker per identificare se ci sono sono linfociti circolanti nel sangue che sono stati innescati dalla risposta immunitaria dell’intestino”, spiega la Dr.ssa Tanja Müller, autrice principale di questo studio, dell’Ospedale universitario di Erlangen. La ricercatrice continua: “Abbiamo trovato relativamente poche cellule immunitarie con questo marcatore nel sangue di pazienti con COVID-19. Ciò potrebbe essere dovuto alla “diluizione” delle cellule generate in altri siti di infezione, molto probabilmente il polmone o in alternativa, dall’ attrazione selettiva di queste cellule immunitarie espresse nell’intestino verso organi diversi dall’intestino, poiché non c’era differenza tra pazienti con e senza sintomi che suggerissero un elemento intestinale alla loro infezione”.

Implicazioni per un vaccino orale COVID 19

I ricercatori ipotizzano che se le cellule immunitarie espresse nell’intestino vengono diluite rispetto alle cellule immunitarie attivate da altre parti del corpo, potrebbero esserci delle implicazioni per i vaccini COVID-19 a base orale attualmente in fase di sviluppo.

Se ci sono relativamente poche cellule immunitarie espresse nell’intestino, l’esposizione del sistema immunitario intestinale a una vaccinazione SARS-CoV-2 potrebbe non comportare una sostanziale immunità circolante e quindi la protezione incrociata di altri organi contro il virus”, afferma Müller.

Zundler sottolinea che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il significato delle loro scoperte.

“Il nostro studio si aggiunge alla nostra comprensione della risposta immunitaria umana all’infezione da  SARS-CoV-2, ma non possiamo ancora definitivamente rispondere alla domanda circa la sorte delle cellule immunitarie espresse nell’intestino -se sono ‘diluite’ o ‘attratte’ altrove. La valutazione di campioni bioptici dall’intestino e campioni di autopsia dai polmoni ci aiuterà a rispondere a questa importante domanda”.

Concludono i ricercatori:

“COVID-19 è associata a una diminuzione delle cellule immunitarie adattive circolanti che esprimono il marker chiave di homing intestinale α4β7 suggerendo che queste cellule sono reclutate preferenzialmente nei tessuti extra-intestinali indipendentemente da α4β7 o che la risposta immunitaria sistemica contro SARS-CoV-2 è almeno numericamente dominata dall’innesco delle cellule immunitarie extraintestinali, particolarmente polmonari”.

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...