HomeSalutePellePsoriasi a placche: nuovo trattamento topico

Psoriasi a placche: nuovo trattamento topico

(Psoriasi-Immagine: la nuova crema non steroidea, Benvitimod, può trattare in modo sicuro ed efficace la psoriasi a lungo termine senza effetti collaterali. Crerdit: Pexels).

Il nuovo farmaco topico non steroideo Benvitimod si è dimostrato sicuro ed efficace per la psoriasi a placche in uno studio clinico di fase III in Cina.

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle caratterizzata da macchie e placche eritematose (rosse). In alcuni pazienti, può essere associata a comorbidità come artrite, obesità, diabete, malattie cardiovascolari, iperlipidemia o depressione. Le lesioni possono verificarsi sul cuoio capelluto e sul viso, oltre a tutte le altre zone del corpo, provocando notevoli disagi fisici e traumi psicosociali dallo stigma che circonda i difetti dell’aspetto.

- Advertisement -

Più del 90% dei pazienti ha quella che viene chiamata psoriasi vulgaris che è caratterizzata da placche e meno del 5% ha le altre varietà: psoriasi artritica, pustolosa e psoriasi eritrodermica. I trattamenti più comuni per la psoriasi a placche da lieve a moderata sono i corticosteroidi topici e gli analoghi della vitamina D3.

Tuttavia, l’uso a lungo termine di questi steroidi topici spesso causa vari effetti collaterali come atrofia cutanea, ipo o iperpigmentazione, teleangectasia e infezioni della pelle. E l’uso a lungo termine degli analoghi della vitamina D3 può aggiungere la necessità di interventi per regolare il metabolismo del calcio e del fosfato. Questi effetti sul corpo sono significativi e c’è bisogno di nuovi trattamenti topici e sistemici per la psoriasi.

In uno studio recentemente pubblicato sul Chinese Medical Journal, scienziati di rinomati istituti di ricerca e Ospedali di tutta la Cina, guidati dal Prof. Jian-Zhong Zhang dell’Ospedale popolare dell’Università di Pechino, hanno in parte soddisfatto questa esigenza. Hanno riferito che il Benvitimod, un nuovo farmaco topico non steroideo, è efficace e sicuro per il trattamento della psoriasi a placche.

Parlando del loro viaggio di ricerca, il Prof. Zhang afferma: “Benvitimod (noto anche come Tapinarof) è una piccola molecola che è stata isolata per la prima volta dal batterio Photorhabdus luminescens ed è stata sintetizzata dal compianto Genhui Chen e dal suo team di Pechino Wenfeng Tianji Pharma. Ci sono voluti più di 20 anni per studiare il meccanismo d’azione, elaborare la formulazione e valutare l’efficacia e la sicurezza di questo composto nei pazienti con psoriasi. È stato davvero un lavoro duro “.

- Advertisement -

Vedi anche:Psoriasi: brevettato nuovo efficace gel a base di erbe

In questo studio sono stati inclusi 686 pazienti adulti con psoriasi a placche da lieve a moderata. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere la crema di Benvitimod all’1%, un unguento di calcipotriolo allo 0,005% – un trattamento standard per la psoriasi a placche – o un “placebo” dall’aspetto simile. I pazienti sono stati trattati per 12 settimane. L’efficacia di Benvitimod è stata valutata alla fine del periodo di trattamento.

Dei pazienti in trattamento con Benvitimod crema, il 50,4% ha raggiunto una diminuzione del 75% o più delle dimensioni e della gravità della psoriasi rispetto ai livelli pre-trattamento. Al contrario, il PASI 75 è stato raggiunto solo nel 38,5% e nel 13,9% dei pazienti che ricevevano rispettivamente pomata al calcipotriolo e placebo. Allo stesso modo, una percentuale significativamente più alta di pazienti che hanno ricevuto Benvitimod crema (66,3%) ha ottenuto un punteggio statico di valutazione globale (sPGA) di 0 o 1 (che indica una gravità della malattia molto bassa) rispetto a coloro che sono stati trattati con placebo (33,5% ).

Questo studio di fase III ha anche dimostrato che la crema Benvitimod è stata ben tollerata. Gli effetti collaterali più comuni sono stati solo lieve irritazione e prurito nel sito di applicazione e questi sintomi si sono risolti spontaneamente nella maggior parte dei pazienti. Non sono stati riscontrati effetti collaterali sistemici gravi.

Il Prof. Zhang osserva: “I risultati di questo studio di fase III sono incoraggianti. La crema Benvitimod può presto diventare una nuova opzione di trattamento per i pazienti con psoriasi a placche. Dato che la maggior parte dei pazienti con psoriasi ha la psoriasi a placche, ciò avrà un impatto significativo in termini di riduzione del carico della psoriasi”.

Con il tempo, questa crema potrà diventare un metodo standard di gestione della psoriasi in tutto il mondo.

Fonte:Chinese Medical Journal

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...