HomeSaluteTumoriIdentificati due biomarcatori che contribuiscono alle metastasi del cancro gastrico

Identificati due biomarcatori che contribuiscono alle metastasi del cancro gastrico

Immagine: cancro gastrico. Credit: Public Domain.

Un team di ricerca guidato dalla Prof.ssa Wang Wen-ching dell’Istituto di biologia molecolare e cellulare, National Tsing Hua University (NTHU), ha sfruttato la potenza dei big data per identificare due biomarcatori chiave che contribuiscono alla proliferazione e metastasi del cancro gastrico.

Utilizzando i farmaci approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, il team ha sviluppato una terapia mirata che può eliminare efficacemente la crescita del tumore e inibire le metastasi, aprendo la strada a una nuova terapia su misura.

- Advertisement -

La loro ricerca è stata pubblicata nell’ultimo numero di Proceedings of the National Academy of Sciences degli Stati Uniti.

Trovare nuovi modi per curare il cancro gastrico

Il cancro allo stomaco è il quinto tumore più comune al mondo e il secondo più alto tasso di mortalità a causa del suo trattamento estenuante e difficile per molti pazienti. Wang ha detto che spesso accade che nel momento in cui qualcuno viene diagnosticato, le cellule tumorali abbiano già prodotto le metastatisi.

Wang ha affermato che finora esiste un solo farmaco target (la terapia Her 2) in grado di trattare il cancro gastrico ed è adatto solo a meno del 20% dei pazienti in tutto il mondo. A Taiwan, questo numero scende all’8%. Il team di Wang ha lavorato per svelare il meccanismo alla base della diffusione delle cellule tumorali e trovare nuovi biomarcatori, con l’obiettivo di sviluppare una nuova terapia su misura.

Mettere i freni al cancro allo stomaco

 

- Advertisement -

Wang ha spiegato che la ragione principale della diffusione delle cellule del cancro gastrico è l’inefficacia della proteina fosfatasi e della tensina omologa (PTEN), la proteina soppressore del tumore che agisce come un freno. Quando il freno fallisce, le cellule tumorali proliferano, si espandono e si trasformano in pericolosi tumori metastatici. Il primo compito del team è stato quello di determinare la base di questo “guasto al freno”.

Vedi anche:Trovato un biomarcatore che può apparire prima del cancro allo stomaco

Il team di ricerca ha raccolto informazioni da oltre 300 casi di cancro gastrico e ha utilizzato i big data per ricavare il percorso biologico che porta alla progressione del cancro da oltre 30.000 potenziali geni. I ricercatori hanno scoperto che i due enzimi PHF8 e PKCα svolgono un ruolo chiave nell’enigma. L’enzima nucleare PHF8 è prevalente in circa il 40% del tessuto canceroso gastrico e fa aumentare la PKCα, provocando la perdita di PTEN, come “un guasto al freno”.

Fortunatamente, l’attività di PKCα può essere inibita dal farmaco Midostaurina, un agente anti-cancro per il trattamento del cancro del sangue approvato tre anni fa dalla Food and Drug Administration statunitense. Il team ha utilizzato modelli di pesce zebra e topi per fornire la prova dell’evidenza che il trattamento con Midostaurina può ridurre i tumori gastrici e frenare l’ulteriore diffusione del cancro.

Wang ha detto che la svolta nella ricerca di una terapia di precisione è frutto della collaborazione interdisciplinare. Wang è grata al Dottor Tseng Linlu, che ha appena conseguito il dottorato di ricerca con una solida formazione in medicina molecolare e biostatistica all’NTHU, al Dottor Yeh Ta-sen, Direttore della divisione di chirurgia generale al Chang Gung Memorial Hospital di Linkou, al Dott. Yuh Chiou-hwa presso l’Istituto nazionale di ricerca sulla salute e Kung Hsing-jien, collega dell’Accademia Sinica.

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...