Home Medicina Alternativa Componente naturale del tè ayahuasca promuove la neurogenesi

Componente naturale del tè ayahuasca promuove la neurogenesi

Immagine: tè ayahuasca. Credit:Public Domain.

Uno dei principali componenti naturali del tè ayahuasca è la dimetiltriptamina (DMT) che promuove la neurogenesi – la formazione di nuovi neuroni – secondo una ricerca condotta dall’Università Complutense di Madrid (UCM).

Il tè ayahuasca, un infuso che per secoli gli indigeni dell’Amazzonia hanno usato per scopi sciamanici e allucinogeni, stimola la formazione dei neuroni e delle altre tipologie di cellule cerebrali come gli astrociti e gli oligodendrociti, cosa che potenzialmente potrebbe portare ad una nuova terapia per i disturbi psichiatrici.

- Advertisement -

“Questa capacità di modulare la plasticità cerebrale suggerisce che il tè ayahuascaha ha un grande potenziale terapeutico per un’ampia gamma di disturbi psichiatrici e neurologici, comprese le malattie neurodegenerative “, dice José Ángel Morales, ricercatore presso il Dipartimento di Biologia Cellulare UCM e CIBERNED.

Lo studio, pubblicato su Translational Psychiatry, una rivista Nature Research, riporta i risultati di quattro anni di sperimentazione in vitro e in vivo sui topi, dimostrando che questi mostrano “una maggiore capacità cognitiva se trattati con questa sostanza”, secondo José Antonio López , ricercatore presso la Facoltà di Psicologia dell’UCM e coautore dello studio.

Vedi anche:Neurogenesi: scoperto nuovo meccanismo di regolazione

La modifica del recettore elimina l’effetto allucinogeno

Il tè ayahuasca viene prodotto mescolando due piante dell’Amazzonia: la vite ayahuasca (Banisteriopsis caapi) e l’arbusto di chacruna (Psychotria viridis).

- Advertisement -

La la dimetiltriptamina DMT nel tè ayahuasca si lega a un recettore serotoninergico di tipo 2A, che ne aumenta l’effetto allucinogeno. In questo studio, il recettore è stato modificato in un recettore di tipo sigma che non ha questo effetto, “facilitando notevolmente la sua futura somministrazione ai pazienti”.

Nelle malattie neurodegenerative è la morte di alcuni tipi di neuroni a provocare i sintomi di patologie come l’Alzheimer e il Parkinson. Sebbene gli esseri umani abbiano la capacità di generare nuove cellule neuronali, ciò dipende da diversi fattori e non è sempre possibile.

La sfida è attivare la nostra capacità dormiente di formare neuroni e quindi sostituire i neuroni che muoiono a causa della malattia. Questo studio mostra che la la dimetiltriptamina DMT è in grado di attivare le cellule staminali neurali e formare nuovi neuroni”, ha concluso Morales.

ULTIMI ARTICOLI

Un batterio delle radici delle piante di ginseng potrebbe combattere l’Alzheimer

Immagine:ginseng:Public Domain. Un batterio trovato nel terreno vicino alle radici delle piante di ginseng sembra dissociare in modo significativo gli aggregati proteici associati al morbo...

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain. Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo...

Fibrosi e sclerodermia: importante passo avanti nel trattamento

Immagine: tessuto polmonare normale (a sinistra) e fibrosi polmonare indotta da bleomicina in un modello murino di fibrosi (a destra). Credito: Medical University of South...

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain. L'esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso...

Emiliano Toso suona il pianoforte in sala operatoria durante un intervento

La scienza incontra l'arte: per la prima volta il biologo molecolare e musicista compositore Emiliano Toso suona il pianoforte nella sala operatoria dell’Ospedale Salesi...