Identificata una proteina chiave coinvolta nella sindrome polmonare da Hantavirus

sindrome polmonare da Hantavirus

Un team di ricercatori ha identificato una proteina chiave coinvolta nella sindrome polmonare da Hantavirus (HPS), una malattia respiratoria grave e talvolta fatale, secondo una ricerca pubblicata oggi sulla rivista Nature.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che una proteina denominata protocadherina-1 (PCDH1), comunemente associata all’asma, è responsabile dell’infezione delle cellule polmonari e dell’attivazione dell’HPS.

Per decenni, gli scienziati hanno tentato di identificare le molecole ospiti che mediano l’infezione da hantavirus e portano alla sindrome polmonare da Hantavirus che ha un tasso di mortalità del 35-40%. Attualmente non ci sono vaccini autorizzati o terapie per prevenire o trattare questa malattia che viene trasmessa agli esseri umani da roditori infetti.

Lo studio è stato condotto da John M. Dye dell’ Istituto di ricerca sulle malattie infettive dell’esercito americano (USAMRIID); Kartik Chandran dell’ Albert Einstein College of Medicine (AECM); Thijn R. Brummelkamp del Netherlands Cancer Institute e Zhongde Wang della Utah State University.

Attraverso uno schermo genetico, il team di ricerca ha scoperto che i nuovi hantavirus  trovati nell’America del Nord e del Sud (rispettivamente virus Sin Nombre e Ande) non erano in grado di infettare le cellule quando PCDH1 veniva “eliminata”

Inoltre, quando i criceti sono stati impoveriti di PCDH1, poi infettati con il virus Andes, erano in gran parte resistenti alle infezioni e alle lesioni polmonari.

“I nostri studi sugli animali hanno stabilito che PCDH1 è essenziale per l’infezione polmonare con nuovi hantavirus, fornendoci un obiettivo praticabile per bloccare la malattia”, ha detto il co-autore e scienziato senior dello staff USAMRIID, Andrew S. Herbert.

Gli hantavirus patogeni sono emersi per la prima volta negli Stati Uniti nel 1993 e l’ USAMRIID ha svolto un ruolo chiave in questa scoperta. Nel bel mezzo di un’ondata inspiegabile di gravi problemi respiratori in diversi stati occidentali, USAMRIID e il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno lavorato congiuntamente per confermare che la malattia era causata da un hantavirus che non era stato precedentemente segnalato.

In particolare, gli scienziati dell’ USAMRIID hanno continuato a dimostrare che i criceti siriani esposti a dosi molto basse di virus andino sviluppavono una malattia che imitava strettamente l’HPS umano. Questo modello di criceto ha gettato le basi per ulteriori ricerche, incluso lo studio pubblicato oggi.

La scoperta del recettore cellulare per l’hantavirus consente la progettazione razionale e logica di farmaci e anticorpi”, ha affermato Dye. ” Impedire al virus di infettare il tessuto polmonare fornisce un percorso per eliminare l’HPS“.

Il lavoro del team mostra l’importanza della collaborazione internazionale e dimostra ulteriormente come le scoperte di base della ricerca scientifica siano fondamentali per lo sviluppo di contromisure mediche in tutto il mondo.

” Anche se  le infezioni da hantavirus sono rare, si prevede che aumenteranno nei prossimi decenni con l’aumento delle temperature in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici”, ha commentato Chandran dell’ AECM. “E dobbiamo essere meglio preparati per questa possibilità”.

Fonte, Nature

Altri articoli su sindrome polmonare da Hantavirus