HomeSaluteIntestino e stomacoIBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain).

Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un milione di persone in tutto. Utilizzando le tecniche attualmente disponibili, è possibile diagnosticare l’IBS solo mediante un processo di eliminazione. La maggior parte delle persone che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile si rivolge al proprio medico solo quando presenta sintomi gravi come stitichezza, diarrea, dolore addominale o un cambiamento nel movimento intestinale. I ricercatori del Dipartimento di Medicina III dell’Università di Medicina di Vienna e dell’Università di Vienna hanno ora dimostrato che, nella maggior parte dei casi, l’IBS è associata a biofilm batterici nell’intestino che sono visibili all’esame endoscopico.

“Per la prima volta siamo riusciti a identificare una causa della sindrome dell’intestino irritabile e, allo stesso tempo, mostrare come questa malattia possa essere diagnosticata, classificata e valutata in modo più accurato”, afferma Christoph Gasche, Responsabile del Laboratorio di Gastroenterologia Molecolare presso la Medical University of Vienna e capofila dello studio finanziato dall’Austrian Science Fund (FWF) e dal Vienna Science and Technology Fund (WWTF) che è stato ora pubblicato sulla importante rivista Gastroenterology ed è nato in collaborazione con il microbiologo MedUni Vienna Athanasios Makristathis, David Berry e Markus Muttenthaler (Università di Vienna), nonché Timo Rath (Friedrich Alexander University, Erlangen).

- Advertisement -

Vedi anche:IBS: perchè il trattamento antistaminico è efficace

Secondo lo studio, le persone che hanno assunto molti farmaci nel corso della loro vita, in modo da alterare l’equilibrio della loro flora intestinale, hanno maggiori probabilità di essere colpite dai biofilm batterici. Un altro sottogruppo interessante sono i pazienti che hanno già avuto trapianti di organi. Gasche spiega: “Alcuni farmaci, come gli inibitori della pompa protonica, possono sconvolgere l’equilibrio dell’ecosistema batterico. I batteri quindi entrano in modalità di sopravvivenza. Per darsi una migliore possibilità di sopravvivere a questo stress, si uniscono per la sicurezza e formano biofilm, una sorta di spazio protettivo che li rende resistenti agli antibiotici e ad altre tossine ambientali».

In totale, sono state eseguite più di 1.000 colonscopie in uno studio multicentrico e si è scoperto che due terzi di coloro che avevano sintomi di IBS avevano anche biofilm nel loro intestino tenue o crasso. Tuttavia, questi biofilm della mucosa si trovano anche in un terzo dei pazienti con colite ulcerosa.

Questa matrice batterica, che può essere reticolare o anche planare, aderisce come un sottile strato sulla mucosa dell’intestino – non diversamente dalla placca dentale nella carie – compromettendo le sue funzioni e, quindi, quella dell’intestino. “Finora, nelle indagini si è sempre ritenuto che questo film appiccicoso fosse costituito da residui di impurità nell’intestino, che erano difficili da eliminare“, afferma Gasche. “Tuttavia, ora siamo stati in grado di dimostrare che è qui che aderisce la matrice batterica“. Una scoperta rivoluzionaria per gli autori principali dello studio, Maximilian Baumgartner e Michaela Lang, “la scoperta del batterio a forma di bastoncino Helicobacter pylori, che modifica in modo permanente l’ambiente gastrico“.

- Advertisement -

In molti casi è possibile lavare via questi biofilm nell’intestino crasso utilizzando una “pistola a spruzzo” endoscopica. Studi futuri mostreranno se questo gtrattamento allevia i sintomi dell’IBS. Inoltre, questa tecnica non può (ancora) essere utilizzata per rimuovere i biofilm dall’intestino tenue, dove si verificano frequentemente. In un nuovo progetto finanziato dal Vienna Science and Technology Fund (WWTF), gli esperti di MedUni Vienna stanno quindi già studiando come le nuove scoperte su questi biofilm possono essere utilizzate in futuro per rimuoverli generalmente o addirittura per impedirne la formazione. Ma dai risultati dello studio si può già trarre una conclusione: “I biofilm riflettono uno squilibrio nella flora intestinale, potrebbero spiegare bene i sintomi dei pazienti con IBS e, quindi, dare origine a nuovi approcci terapeutici“, affermano i ricercatori.

Fonte:Gastroenterology

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...