HomeSaluteIntestino e stomacoIBD: come rendere i farmaci più efficaci

IBD: come rendere i farmaci più efficaci

(IBD-Immagine: il Dottor David Lo è un illustre Professore di scienze biomediche alla UC Riverside. Credito: I. Pittalwala, UC Riverside).

Scienziati biomedici dell’Università della California, Riverside, propongono un modo per rendere i farmaci più efficaci contro la malattia infiammatoria intestinale o IBD, in cui l’intestino subisce infiammazione.

L’IBD, una malattia infiammatoria cronica dell’intestino, comprende il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Viene comunemente trattata con uno dei numerosi farmaci biologici disponibili che bloccano una molecola infiammatoria chiamata fattore di necrosi tumorale alfa, o TNF-alfa, dal legame a due recettori, TNFR1 e TNFR2. Solo il 50% circa dei pazienti viene aiutato a lungo termine da questo trattamento.

- Advertisement -

Il TNF-alfa guida gran parte dell’infiammazione e della distruzione dei tessuti nell’IBD”, ha affermato il Dott. David D. Lo, un illustre Professore di scienze biomediche presso la School of Medicine, che ha guidato lo studio apparso sul Journal of Crohn’s and Colitis. “Ecco perché TNF è preso di mira dai farmaci. Il nostro interesse in questo studio era cercare una terapia mirata che potesse avere un impatto migliore rispetto all’approccio esistente, che consiste nel bloccare tutto il TNF-alfa“.

Lo ha spiegato che le persone hanno due diversi recettori, TNFR1 e TNFR2, in ciascuna delle loro cellule che legano il TNF-alfa. Attualmente, i farmaci mirati al TNF-alfa bloccano sia il TNFR1 che il TNFR2. Gli esperimenti di Lo sono stati condotti su topi, che hanno gli stessi due recettori. Il modello di infiammazione nei topi è simile a quello osservato negli esseri umani.

Il TNF-alfa, prodotto dalle cellule del corpo, induce anche cellule immunitarie specializzate e altre cellule, che promuovono l’infiammazione e la sopprimono. Pertanto, TNF-alfa svolge un ruolo nella distruzione e nella guarigione dei tessuti, un’arma a doppio taglio. Il Prof: Lo ha riferito he esistono prove che TNFR1 può guidare la maggior parte degli effetti distruttivi dell’IBD, mentre il TNFR2 può guidare gli effetti curativi e riparativi.

“Se blocchi entrambi i recettori, blocchi gli effetti distruttivi e il recupero”, ha spiegato il ricercatore. “Per aggirare questo problema, nel nostro lavoro abbiamo optato per il target selettivo del TNFR1″.

- Advertisement -

Il gruppo del Prof. Lo è stato incoraggiato da due prove che suggeriscono che prendere di mira il TNFR1 potrebbe essere una strategia più vantaggiosa. I ricercatori hanno utilizzato un reagente di INmune Bio, una società di biotecnologie, che era selettivo per bloccare il TNFR1. Si è scoperto che i topi trattati con questo reagente ne traevano beneficio. I ricercatori hanno anche mirato geneticamente al TNFR1 per ridurne la segnalazione. L’impatto, hanno scoperto, è stato drastico.

Quando abbiamo ridotto la segnalazione TNFR1, i topi hanno mostrato un vantaggio significativo rispetto ai topi che avevano il livello completo di segnalazione TNFR1“, ha detto Lo. “Questo approccio può offrire maggiori opportunità a TNFR2 di contribuire alla guarigione“.

Secondo Lo, i topi che hanno una deficienza genetica di TNFR2 hanno una malattia molto più grave, suggerendo che il TNFR2 ha effettivamente effetti benefici.

Senza TNFR2, l’IBD è molto peggio”, ha detto il ricercatore.

Diverse malattie, come l’artrite reumatoide, la sclerosi multipla e la psoriasi, sono correlate all’azione del TNF-alfa. Infatti, diversi tessuti del corpo sono diversamente sensibili agli effetti del TNF-alfa. Il ruolo dei recettori TNFR1 e TNFR2 varia nei diversi tessuti.

“Il TNF-alfa è utilizzato dal corpo che reagisce a fattori scatenanti infiammatori, come le infezioni”, ha detto Lo. “Questa proteina può mediare diversi processi nel corpo per promuovere l’infiammazione. L’infiammazione nasce per eliminare un’infezione o uccidere un tumore. Ma nelle malattie autoimmuni, la stessa infiammazione e danno tissutale che provoca TNF-alfa sono ciò che guida la malattia. In altri In parole povere, TNF-alfa al momento giusto elimina una certa infezione, ma una volta che ciò è compiuto, questa proteina non deve essere più presente. Molte malattie sono legate a TNF-alfa che persiste nei tessuti”.

Vedi anche:IBD: trattamento riduce la gravità dell’infiammazione

Lo ha affermato che la ricerca attuale è una combinazione di test sui farmaci approvati utilizzati nella clinica e di esame di domande più dettagliate relative ai meccanismi di malattia e protezione. “Si tratta di trovare continuamente migliori farmaci all’avanguardia e bersagli migliori per curare le malattie”, ha detto.

Lo è stato affiancato nello studio da Rajrupa Chakraborty, Mia R. Maltz, Diana Del Castillo, Purvi N. Tandel, Nathalie Messih e Martha Anguiano.

Il documento di ricerca è intitolato “Il target selettivo del recettore 1 del fattore di necrosi tumorale induce una protezione stabile dall’ileite simile a Crohn nei topi TNFdARE”.

Fonte:Journal of Crohn’s and Colitis

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...