I virologi richiedono uno sforzo mondiale per sradicare il virus HTLV-1

virus HTLV-1
Una coppia di noti virologi ha inviato una lettera al Direttore dell'Organizzazione Mondiale della Sanità chiedendo uno sforzo maggiore per sradicare l'HTLV-1-un retrovirus che, tra le altre cose, è una causa di leucemia adulta. Nella loro lettera, Fabiola Martin, dell'Università del Queensland e Robert Gallo della Scuola di Medicina dell'Università del Maryland, suggeriscono che è ora che la comunità mondiale presti maggiore attenzione al virus e al danno che sta facendo. La lettera è stata firmata da altri 58 virologi. Kai Kupferschmidt un corrispondente che contribuisce alla divulgazione scientifica della salute, offre un commento alla lettera nella rivista Science e spiega perché i ricercatori l'hanno scritta.
"Gli scienziati conoscono HTLV-1 dal 1980", spiega Kupferschmidt. "Fu il primo retrovirus umano mai scoperto (Gallo faceva parte di quel gruppo) e la sua scoperta portò a una migliore comprensione dell'HIV. Da quel momento, i ricercatori hanno scoperto che oltre a essere una causa della leucemia a cellule T adulte, può anche causare paraparesi spastica tropicale, una malattia simile alla sclerosi multipla. Ci sono anche alcune prove che il virus potrebbe essere alla base di alcuni altri problemi di salute legati all'immunità o malattie infiammatorie.

Kupferschmidt nota che il virus non causa un numero enorme di decessi umani, il che spiega perché è stato sottostimato. Ma, osserva anche, che è una grave minaccia a causa dell'elevato numero di persone che infetta. La maggior parte delle persone infette sviluppa pochi o nessun sintomo, ma possono trasmetterlo agli altri allo stesso modo dell'HIV, attraverso lo sperma, le trasfusioni di sangue e il latte materno. E oltre al Giappone e all'Australia, la maggior parte delle persone infettate vive in paesi poveri, spesso in aree remote. Si ritiene che milioni di persone siano infette nelle zone remote del Brasile e recenti stime hanno dimostrato che circa la metà degli adulti che vivono nelle comunità aborigene in Australia sono infetti.

Ma il virus si riduce facilmente. I tassi sono scesi dal 7,2%, ad esempio, all'1% nella regione giapponese di Nagasaki dopo l'istituzione di un programma di eradicazione. Questo è il motivo per cui i ricercatori hanno scritto la loro lettera e il motivo per cui i virologi di tutto il mondo li sostengono richiedendo test di routine nelle cliniche di tutto il mondo. "Non c'è ragione di non farlo, sottolineano, poiché le infezioni potrebbero essere drasticamente ridotte attraverso uno sforzo concertato".
Fonte: The Lancet
 

Altri articoli su virus HTLV-1