HomeReniI ricercatori testano l'iniezione di nuovi vettori di terapia genica nel rene

I ricercatori testano l’iniezione di nuovi vettori di terapia genica nel rene

Prima che la terapia genica possa essere utilizzata per trattare le malattie renali, la consegna di geni terapeutici al rene deve diventare molto più efficiente. Un nuovo approccio in cui tre diversi vettori di consegna genica sono stati iniettati per via endovenosa e direttamente nei reni dei topi è stato riportato in un articolo pubblicato su Human Gene Therapy, una rivista peer-reviewed di Mary Ann Liebert, Inc., editori.

Jeffrey Rubin, Tien Nguyen, Kari Allen, Katayoun Ayasoufi e Michael Barry della Mayo Clinic hanno co-pubblicato l’articolo intitolato “Confronto di consegna genica al rene da parte di adenovirus, virus adeno-associato e virus lentivirali dopo iniezioni endovenose e dirette di rene”.

Vedi anche, Nuovo modo per rallentare la progressione della malattia renale diabetica

- Advertisement -

Mentre il rene filtra grandi composti dal flusso sanguigno, i ricercatori hanno scelto di studiare la possibilità di fornire tre vettori di dimensioni diverse attraverso una via endovenosa: vettori di virus adeno-associati (AAV) (25 nm), vettori di adenovirus più grandi (100 nm) e vettori lentivirali (120 nm). Per aggirare il meccanismo di filtraggio del rene, i ricercatori hanno anche testato due diverse vie di iniezioni dirette nel rene e hanno scoperto che queste erano superiori alle iniezioni endovenose. Tuttavia, alcuni dei vettori sono stati in grado di fuoriuscire dal rene, creando la possibilità di effetti sui tessuti fuori bersaglio. Il potenziale di iniezioni dirette nel rene per la consegna genica attraverso vettori, apre nuove possibilità per il trattamento delle malattie renali con la terapia genica, ma sono necessari ulteriori miglioramenti.

“Il grande onere delle malattie renali negli Stati Uniti e in Europa non è ancora stato influenzato dalla terapia genica“, afferma il caporedattore Terence R. Flotte, MD, Celia e Isaac Haidak, Professore di educazione medica e Preside, Provost e vicecancelliere esecutivo della Facoltà di medicina dell’Università del Massachusetts, Worcester, MA. “Il team della Mayo Clinic ha eseguito un importante confronto diretto della tecnologia di terapia genica attualmente disponibile, per identificare quale potrebbe essere meglio utilizzare per affrontare questo importante gruppo di malattie”.

Fonte, Human Gene Therapy


- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Carenza vitamina D: nuovo trattamento

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domsin). Ci sono diversi milioni di persone in tutto il mondo con varie sindromi da malassorbimento dei grassi, comprese quelle che...

Alzheimer: risolto il mistero della beta amiloide

In un importante passo avanti, i ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno scoperto come la beta amiloide, la neurotossina che si ritiene essere...

Causalità tra coagulazione ed emicrania con aura

(Emicrania con aura-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori hanno identificato quattro fattori della coagulazione che possono contribuire alla suscettibilità del paziente alla emicrania con aura. Quasi...

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...