Home Salute Virus e parassiti I microbi marini unicellulari potrebbero abbattere i virus

I microbi marini unicellulari potrebbero abbattere i virus

Immagine: uCredito…Mark Dayel e Nicole King, Università della California, Berkeley.

Nuove prove genetiche dimostrano che i microbi marini unicellulari potrebbero abbattere i virus.

Sul piatto da portata che è il pianeta Terra, esiste un vero e proprio buffet di virusuna quantità di biomassa che equivale a circa 25 miliardi di esseri umani.

Quindi forse è un po, sconcertante che gli scienziati debbano ancora individuare una specie che mangia deliberatamente virus per produrre energia. Ma prove crescenti suggeriscono che almeno un gruppo di organismi potrebbe sgranocchiare virus ricchi di nutrienti: i protisti, organismi microscopici e spesso unicellulari che gli scienziati hanno faticato a collocare sull’albero della vita. Come i virus, i protisti ribollono nell’acqua di mare a miliardine alcuni potrebbero ingerire virus marini, secondo uno studio pubblicato giovedì sulla rivista Frontiers in Microbiology.

Se i risultati si rivelano esatti, potrebbero aiutare a ribaltare un dogma secolare: invece di agire solo come agenti patogeni del caos e soffocare la vita, i virus potrebbero in alcuni casi svolgere un ruolo nel nutrirlo e nel sostenerlo.

“Il nuovo studio da solo non può inchiodare la connessione consumante tra protisti e virus”, ha detto Rika Anderson, un’ecologa microbica al Carleton College in Minnesota che non è stata coinvolta nello studio. Ma i protisti sono stati trovati in una serie sbalorditiva di habitat, dai ceppi di alberi in decomposizione alle viscere degli animali, e potrebbero aver sviluppato almeno altrettante strategie per nutrirsi.

“Stanno mangiando tutto”, ha detto il Dottor Anderson. “Non sarei sorpreso se anche i virus venissero consumati”.

Un team guidato da Ramunas Stepanauskas, un ecologo microbico presso il Bigelow Laboratory for Ocean Sciences nel Maine, ha avviato il progetto più di dieci anni fa. Inizialmente intendevano studiare le preferenze di preda dei protisti marini, molti dei quali si nutrono di batteri.

“Il dogma attuale è che i protisti mangiano altre singole cellule”, ha detto il Dottor Stepanauskas.

I ricercatori hanno raccolto campioni di acqua di mare dal Golfo del Maine e dal Mar Mediterraneo e hanno individuato quasi 1.700 protisti. Hanno quindi aperto le cellule, una alla volta e ne hanno analizzato il contenuto. Qualsiasi materiale genetico che differiva da quello di un protista era probabilmente la firma di qualcosa che i microbi avevano mangiato.

Ma dopo ripetuti cicli di analisi, i ricercatori sono rimasti sorpresi e delusi nello scoprire che non c’era molto materiale batterico da trovare. Invece c’erano virus di tutte le forme e dimensioniì. Protisti di due gruppi, choanozoa e picozoa, non sono mai stati trovati senza geni virali nel loro carico cellulare.

“È stata una scoperta bizzarra”, ha detto Julia Brown, microbiologa del Bigelow Laboratory e primo autore dello studio. Ma già negli anni ’90, i ricercatori avevano ipotizzato che alcune specie protiste potessero essere in grado di cooptare i virus per nutrirsi.

Un selezionatore cellulare attivato dalla fluorescenza, utilizzato per separare singole cellule di protisti nello studio Bigelow Laboratory for Ocean Sciences.

Immagine: uCredito…Greta Rybus.

Il Dottor Brown ha detto che gli esperimenti genetici che esaminano una cellula alla volta potrebbero aiutare a sostenere il caso del consumo virale, perché potrebbero mostrare ciò che i protisti hanno mangiato in condizioni naturali, quasi come esaminare il contenuto dello stomaco di un animale selvatico predatore. “Possiamo coglierli nell’atto di qualunque cosa stiano facendo”, ha detto. Tecnologie sufficientemente precise per ottenere questo risultato sono entrate in uso solo negli ultimi anni.

Tuttavia, la ricerca di materiale genetico virale dentro o intorno a una cellula non garantisce che un virus sia stato a utilizzato per il pranzo. Ad esempio, alcuni dei virus potrebbero aver infettato i protisti o semplicemente rimanere attaccati alle superfici delle cellule.

Ma il Dottor Brown e il Dottor Stepanauskas hanno detto che alcuni tipi di virus sono stati trovati solo in alcuni gruppi di protisti, suggerendo che le interazioni non erano solo un caso. E si pensa che molti dei virus identificati siano in grado di infettare solo i batteri, non i protisti.

Un’altra possibilità è che i virus avessero infettato batteri che sono stati poi inghiottiti dai protisti, creando una sorta di turducken microbico. Ma il materiale genetico virale e batterico non è sempre stato tracciato insieme, suggerendo che alcuni protisti avrebbero potuto ignorare l’intermediario e andare direttamente contro le vittime virali.

Vedi anche: Gli scienziati prevedono che SARS-CoV-2 diventerà un virus stagionale

Henry N. Williams, un ecologo microbico presso la Florida A&M University che non è stato coinvolto nello studio, ha sottolineato che alcuni protisti potrebbero ingerire virus accidentalmente. (Anche gli umani ingoiano inconsapevolmente gocce di virus ogni giorno) “I protisti possono trovarsi in una modalità altamente radicale per la maggior parte del tempo”, ha detto. Qualunque cosa nel percorso di un protista entro un certo intervallo di dimensioni potrebbe essere abbattuta come tanti detriti, con poche conseguenze nutrizionali.

E se i virus compaiono nel menu protista, non è chiaro se siano un piatto principale o un contorno irrisorio. Alcuni protisti potrebbero occasionalmente fare uno spuntino con i virus come parte di una dieta diversa, mentre altri banchettano esclusivamente con essi. Il Dottor Stepanauskas ha detto che a causa delle loro dimensioni estremamente ridotte, i picozoi – che sono meno di tre micrometri di diametro o circa un trentesimo della larghezza di un capello umano, potrebbero mangiare solo virus. “Potrebbero anche non essere in grado di consumare particelle più grandi”, ha detto il ricercatore.

Curtis Suttle, un ecologo che ha condotto diversi primi studi su protisti che potrebbero mangiare virus, ha detto che gli esperimenti inediti del suo team hanno suggerito che alcuni choanozoa potrebbero essere anche virovori duri a morire.

Quindi, anche se i virus potrebbero avere una cattiva reputazione, il Dottor Suttle ha detto, “sono fantastiche fonti nutrizionali”. Di 

Fonte: The New York Times

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...