Gli scienziati identificano gli alimenti che combattono le malattie

dieta

Una nuova ricerca dimostra i benefici degli alimenti, dalle uova al caffè, per ridurre il rischio di diabete, cancro e altre malattie.

 I cibi che mangiamo svolgono un ruolo significativo nella nostra salute. Gli scienziati stanno scoprendo come uova, noci, latticini, verdure e persino il caffè possono aiutare a proteggere dai problemi di salute. Nutrition 2018 presenterà le ultime ricerche su come aggiungere determinati alimenti alla nostra dieta potrebbe aiutare a ridurre il rischio di diabete, cancro, malattie neurodegenerative e altri problemi di salute.

Nutrition 2018 è il primo fiore all’occhiello della American Society for Nutrition che si svolgerà dal 9 al 12 giugno 2018 presso l’Hynes Convention Center di Boston. 

Migliorare i fattori di rischio del diabete

Le uova possono ridurre i fattori di rischio del diabete

I risultati di uno studio randomizzato di 12 settimane su individui obesi o in sovrappeso con diabete di tipo 2, suggeriscono che le uova possono aiutare a ridurre i fattori di rischio associati al diabete. I partecipanti che hanno mangiato un uovo ogni giorno hanno mostrato maggiori miglioramenti a digiuno dei livelli di zucchero nel sangue e insulino-resistenza rispetto a quelli che hanno mangiato un sostituto dell’uovo. Inoltre, mangiare uova non ha modificato in modo significativo i livelli di colesterolo. Shirin Pourafshar della University of Virginia, ha presentato questa ricerca domenica 10 giugno, dalle 13:00 in poi al Hynes Convention Center, Auditorium (poster 102).

Migliorare i fattori di rischio cardiometabolici

Le noci pecan, consumate giornalmente potrebbero abbassare i fattori di rischio cardiometabolici

Dopo quattro settimane di assunzione giornaliera di una piccola manciata (circa 40,0 gr) di noci pecan , gli adulti in sovrappeso di età pari o superiore a 45 anni che erano altrimenti sani, hanno mostrato cambiamenti favorevoli nei fattori di rischio cardiometabolico tra cui livelli di zucchero nel sangue, insulino-resistenza e funzione cellulare che produce insulina, rispetto a quando i partecipanti allo studio hanno consumato una dieta simile nel grasso e nella fibra totali, ma senza noci pecan. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se una piccola porzione giornaliera di noci pecan può contribuire ad abbassare il rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2 negli adulti di mezza età e anziani che sono in sovrappeso o obesi. Diane L. McKay, Friedman School of Nutrition Science and Policy presso la Tufts University, presenterà questa ricerca lunedì 11 giugno dalle ore 15:00 al Hynes Convention Center, staanza 309.

Combattere il cancro e la perdita della funzione motoria

I prodotti lattiero-caseari riducono il rischio di cancro del colon-retto

I ricercatori che hanno studiato 101.677 persone, di età compresa tra 54 e 83 anni, hanno scoperto che non tutti i prodotti lattiero-caseari sono uguali quando si tratta di ridurre il rischio di cancro del colon-retto. I partecipanti allo studio che hanno consumato prodotti lattiero-caseari a bassa percentuale di grassi o fermentati come lo yogurt, hanno mostrato un più basso rischio di sviluppare il cancro del colon-retto. Yumie Takata, Oregon State University, presenterà questa ricerca lunedì 11 giugno, dalle 13:00 in poi al Hynes Convention Center, Hall D (poster 831).

Verdure e bacche aiutano a ridurre il rischio di parkinsonismo

In uno studio che collegava una dieta sana a un ridotto rischio di parkinsonismo,(un gruppo di disturbi neurologici che causano problemi di movimento simili a quelli osservati nel morbo di Parkinson), i ricercatori hanno seguito 706 persone per una media di 4,6 anni per verificare se il consumo di frutta e verdura può essere specificamente associato a un rischio ridotto. La loro analisi ha rivelato che mangiare più verdure (soprattutto verdure a foglia verde) e bacche, ma non altri frutti, può ridurre il rischio di Parkinsonismo e rallentarne la progressione negli anziani. Puja Agarwal, Rush University Medical Center ha presentato questa ricerca domenica 10 giugno, dalle 8:00 alle 18:00 presso l’Hynes Convention Center, Auditorium (poster 22).

I componenti dei funghi commestibili combattono l’infiammazione

Un’analisi dei polisaccaridi PPEP-1 e PPEP-2 presenti nei funghi commestibili Pleurotus eryngii, rivela che questi carboidrati complessi possono inibire le risposte infiammatorie indotte. I nuovi risultati sono i primi a dimostrare queste proprietà anti-infiammatorie ed evidenziano il potenziale di PPEP-1 e PPEP-2 come integratori alimentari per ridurre le risposte infiammatorie. Gaoxing Ma, Università agricola di Nanchino; Università del Massachusetts, Amherst, presenterà questa ricerca martedì 12 giugno, dalle 11: 15-11: 30 presso l’Hynes Convention Center.

Il caffè fa bene al fegato

Uno studio condotto su oltre 14.000 persone, di età compresa tra 45 e 64 anni, rileva che le persone che bevono tre o più tazze di caffè al giorno hanno un rischio inferiore di malattie del fegato rispetto a quelli che non bevono mai caffè.  Emily Hu, la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, ha presentato questa ricerca domenica 10 giugno dalle 13:00 all’ Hynes Convention Center, Auditorium.

Si prega di notare che gli abstract presentati a Nutrition 2018 sono stati selezionati da un comitato di esperti, ma in generale non hanno subito un rigoroso processo di revisione tra pari, come quello richiesto per la pubblicazione in una rivista scientifica. Pertanto, i risultati presentati dovrebbero essere considerati preliminari fino a quando non sarà disponibile una pubblicazione sottoposta a peer review.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su dieta