Ho avuto un infarto: ho bisogno di un intervento a cuore aperto o di uno stent?

infarto

Oggi vengono lanciati nuovi consigli sulla scelta tra chirurgia a cuore aperto e inserimento di uno stent tramite catetere dopo un infarto. Le linee guida della European Society of Cardiology (ESC) e dell’Associazione europea per la chirurgia cardio-toracica (EACTS) sulla rivascolarizzazione miocardica sono state pubblicate online su European Heart Journal 1 e sul sito Web ESC. 2

La malattia coronarica, chiamata anche cardiopatia ischemica, è la principale causa di morte in tutto il mondo. Le arterie che forniscono sangue ricco di ossigeno al cuore si restringono con il materiale grasso, causando dolore toracico e aumentando il rischio di infarti e morte. I pazienti devono smettere di fumare, essere fisicamente attivi e seguire una dieta sana. Hanno anche bisogno di farmaci per tutta la vita che possono includere una statina per controllare i lipidi nel sangue, i farmaci che abbassano la pressione del sangue e l’aspirina.

La rivascolarizzazione miocardica può essere eseguita in pazienti con malattia coronarica (cronica) stabile o un evento acuto (attacco cardiaco) per migliorare il flusso di sangue al cuore, ridurre il dolore al petto (angina) e migliorare la sopravvivenza. Esistono due tipi di rivascolarizzazione miocardica: chirurgia a cuore aperto per bypassare le arterie intasate (bypass di arteria coronaria, CABG) e intervento coronarico percutaneo (PCI) per aprire le arterie otturate con uno stent.

“I pazienti dovrebbero essere coinvolti nella scelta della procedura indicata nelle linee guida. Hanno bisogno di informazioni imparziali e basate sull’evidenza con una terminologia che possano capire e che spieghi i rischi e i benefici a breve e a lungo termine come la sopravvivenza, il sollievo dal dolore al petto, la qualità della vita e il requisito per una procedura di ripetizione. In situazioni non di emergenza, i pazienti devono avere il tempo di riflettere sui trade-off e cercare una seconda opinione. I pazienti hanno il diritto di ottenere informazioni sul livello di esperienza del medico e dell’ospedale nell’esecuzione di queste procedure”.

Gli esiti delle due procedure variano in base alla complessità anatomica della malattia coronarica che è valutata utilizzando il punteggio SYNTAX, che prevede se PCI può fornire una sopravvivenza simile a quella del bypass. Per i pazienti con malattia più semplice, bypass chirurgico e PCI forniscono risultati a lungo termine simili. Per i pazienti con malattia complessa, la sopravvivenza a lungo termine è migliore con bypass chirurgico. Inoltre, i pazienti con diabete hanno migliori risultati a lungo termine con bypass chirurgico anche con malattie meno complesse.

Un gruppo di cardiologi e anestesisti dovrebbe essere consultato per i pazienti con malattia coronarica cronica e una complessa anatomia coronarica, nel rispetto delle preferenze del paziente.

( Vedi anche:Perché i pazienti hanno un rischio più elevato di infarto al mattino).

Il Professor Miguel Sousa-Uva, Presidente EACTS della Task Force Linee guida, Ospedale Santa Cruz, Carnaxide, Portogallo, ha dichiarato: “Nonostante lo sviluppo di nuovi stent, gli studi dimostrano che i pazienti con malattia coronarica complessa hanno una sopravvivenza migliore con un intervento chirurgico di bypass e questo dovrebbe essere il metodo preferito di rivascolarizzazione“.

Nei pazienti con malattia stabile, un altro aspetto da considerare quando si sceglie la procedura è se sia possibile bypassare o inserire uno stent in tutte le arterie bloccate, in quanto ciò migliora i sintomi e la sopravvivenza. Si dovrebbe dare la preferenza alla procedura più probabile per ottenere questa cosiddetta rivascolarizzazione completa.

Quando viene scelto il PCI, gli stent che rilasciano un farmaco per prevenire la formazione di coaguli, infarti e reinterventi devono essere utilizzati in tutte le procedure. Gli stent bioriassorbibili, che vengono assorbiti dal corpo, devono essere utilizzati solo in studi clinici.

Il Professor Franz-Josef Neumann, Presidente ESC della Task Force delle linee guida, University Heart Center Freiburg Bad Krozingen, Germania, ha dichiarato: “Le linee guida mirano ad aiutare pazienti e medici a prendere una decisione logica sul tipo di rivascolarizzazione sulla base delle prove scientifiche e saranno anche consultate dai governi e dagli assicuratori sanitari come standard di cura per la malattia coronarica “.

Fonte: ESC


Altri articoli su infarto