Helicobacter pylori come contrastarlo con gli alimenti

Helicobacter pylori

Helicobacter pylori o H. pylori sono un tipo di batterio che infetta il rivestimento interno dello stomaco, con conseguente infiammazione cronica o ulcere peptiche.

 L’infezione da H. pylori si trasmette tramite contatto tra persone o attraverso cibo contaminato e l’acqua. Si è a più alto rischio di ottenere il batterio se si vive in condizioni igieniche precarie. E ‘facile trattare l’infezione da H. pylori, con una dose di antibiotici che dovrebbe sbarazzarsi dei batteri. Gli scienziati hanno dimostrato che la maggior parte delle ulcere sono causate da batteri.

Cause

La principale causa di Helicobacter pylori è il contatto diretto con le cose che potrebbero contenere i batteri. Si può anche diffondere attraverso il cibo e l’acqua contaminati. Helicobacter pylori di solito tendono a infettare i bambini e le persone con un sistema immunitario indebolito.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi, le persone affette da Helicobacter pylori non mostrano alcun sintomo. Di solito, i sintomi sono simili a quelli della gastrite, tra cui un leggero fastidio nella zona addominale, gonfiore, nausea, lieve eruttazione e vomito. Tuttavia, per i pazienti con infezione avanzata, i sintomi a cui prestare attenzione includono dolore addominale che persiste, feci scure e farinose che potrebbero essere dovute al sanguinamento delle ulcere, gonfiore di stomaco, nausea, stanchezza e abbassato del numero di globuli rossi . Assicurarsi di consultare un medico se si notano questi sintomi in quanto potrebbero essere dovuti ad un problema più grave di sanguinamento intestinale.

Gli alimenti che riducono i sintomi dell’ Helicobacter pylori

Ci sono alcuni alimenti che possono aiutare ad alleviare il dolore causato dalle ulcere dovute all’ Helicobacter pylori, di seguito elencati: 

  • Banane: una sostanza antibatterica che può rallentare la crescita di H. pylori è presente nelle banane. La ricerca dimostra che mangiare banane produce più muco nello stomaco e aiuta a creare una barriera tra il rivestimento dello stomaco e gli acidi digestivi. Le banane inoltre tendono ad aiutarvi a ottenere una parete dello stomaco più spessa.
  • Cavolo: bere un litro di succo di cavolo crudo aiuta guarire le ulcere in soli cinque giorni secondo la ricerca. Il succo di cavolo crudo non è l’unica opzione sana. Gli studi dimostrano che mangiare cavoli aiuta lo stomaco a guarire più velocemente. È possibile aggiungere cavolo crudo alla vostra dieta in insalate e panini.
  • Succo di carota: le carote sono ricche di vitamina A, che aiuta a guarire il rivestimento dello stomaco e lo protegge da microrganismi indesiderati e nocivi.
  • Pepe di Cayenne: consumato con moderazione, il pepe di cayenne è utile nella lotta contro le ulcere. Stimola il sangue, aumentando così l’apporto nutritivo per lo stomaco. Una buona ricetta da seguire è la miscelazione di un quarto di cucchiaino di pepe di cayenne in acqua calda o tè da consumare tutti i giorni. È inoltre possibile aggiungere un pizzico di pepe di cayenne al cibo che si consuma.
  • Corteccia di olmo: la corteccia di olmo aiuta a lenire le mucose che proteggono il rivestimento dello stomaco. E’ spesso usata in polvere e gli erboristi suggeriscono di aggiungere un cucchiaino di polvere di corteccia di olmo ad una tazza di acqua calda e di bere la miscela tre volte al giorno.
  • Aglio: l’aglio contiene proprietà antibatteriche che aiutano a combattere l’ Helicobacter pylori. Utilizzare due chiodi di garofano tritati quotidianamenete insieme all’aglio per ottenere maggiore beneficio.
  • Liquirizia: diversi studi hanno dimostrato che mangiare liquirizia aiuta nella guarigione delle ulcere in quanto contribuisce a diminuire la capacità di acido dello stomaco di danneggiare il suo rivestimento.Non eccedere nel consumo in quanto la liquirizia aumenta la pressione del sangue.
  • Prugne: Gli alimenti di colore viola e rosso impediscono all’ H.pylori di crescere. La maggior parte dei frutti di bosco sono anche buone opzioni di frutta da includere nella vostra dieta. 

Altri articoli su Helicobacter pylori