HomeSaluteCuore e circolazioneGruppi sanguigni: ce ne sono molti di più di quanto pensi

Gruppi sanguigni: ce ne sono molti di più di quanto pensi

Probabilmente sei a conoscenza dei due principali sistemi di gruppi sanguigni: il sistema AB e il sistema rhesus. Sotto il sistema AB, ci sono quattro gruppi sanguigni principali A, B, AB e O. E ciascuno di questi quattro tipi può essere “rhesus positivo” o “rhesus negativo”. Potrebbe sorprenderti sentire, tuttavia, che ci sono molti più sistemi di gruppi sanguigni oltre a questi due. In effetti, i ricercatori dell’Università di Bristol hanno recentemente completato il 44° sistema di gruppi sanguigni chiamato Er.

Il sangue comprende globuli bianchi, plasma, piastrine e globuli rossi. Sono i globuli rossi che definiscono questi sistemi di classificazione.

Sebbene i globuli rossi sani appaiano tutti uguali al microscopio, un’ispezione ravvicinata mostra che presentano differenze cruciali nella forma degli “antigeni” – proteine ​​e zuccheri che rivestono le superfici dei globuli rossi. Sono questi antigeni che determinano a quale gruppo sanguigno appartiene una persona.

- Advertisement -

La maggior parte delle persone attraversa la vita senza pensare veramente al proprio gruppo sanguigno, ma ci sono due fasi della vita in cui i gruppi sanguigni sono di fondamentale importanza: durante la gravidanza e quando è necessaria una trasfusione di sangue.

gruppi sanguigni ABO sono i più ampiamente riconosciuti. Il medico e biologo austriaco Karl Landsteiner li scoprì nel 1900. Notò che quando mescolava il sangue di persone diverse nel suo laboratorio, a volte tendeva a raggrupparsi.

Landsteiner trovò tre tipi di gruppi sanguigni, che chiamò A, B e O (per il tedesco ohne , che significa senza o nullo, perché non si raggruppava affatto ). I ricercatori del laboratorio di Landsteiner hanno successivamente scoperto un quarto gruppo sanguigno: AB.

Oggi sappiamo che il motivo per cui le persone con, diciamo, gruppo sanguigno A non possono donare sangue a persone con gruppo sanguigno B è a causa degli antigeni. Qualcuno con A ha l’antigene A sulla superficie dei globuli rossi e anticorpi nel plasma che attaccano i globuli rossi B, che sono visti come invasori. (Gli anticorpi sono proteine ​​​​a forma di Y che neutralizzano cose che non appartengono al corpo, come batteri e virus dannosi).

- Advertisement -

Il motivo per cui Landsteiner ha notato che il sangue O non si è mai aggregato è perché non ha antigeni sui globuli rossi, quindi gli anticorpi non hanno motivo di attaccarlo. Questo gruppo sanguigno rimane il più importante quando si tratta di trasfusioni. Le persone con AB possono ricevere sangue da qualsiasi altro gruppo (il loro plasma non ha anticorpi anti-A, anti-B). Le persone con O possono donare a qualsiasi altro gruppo e sono quindi conosciute come “donatori universali”. È anche, fortunatamente, il gruppo sanguigno più comune: circa il 48% delle persone nel Regno Unito ce l’ha.

Dare alle persone il sangue sbagliato causava un numero significativo di morti. Tuttavia, poiché la nostra comprensione del sangue e dei gruppi sanguigni è aumentata, questo numero è diminuito notevolmente.

Globuli rossi.
I globuli rossi trasportano l’ossigeno a tutti i tessuti del corpo. Rostislav Zatonskiy / Alamy Foto Stock
Molti altri gruppi sanguigni oltre

Dopo il raggruppamento ABO, il successivo gruppo più comunemente riconosciuto è Rhesus. Si riferisce alla presenza di un’altra proteina sulla superficie dei globuli rossi ed è anche uno dei gruppi sanguigni più complessi. Le persone sono positive o negative. Essere Rhesus (Rh) positivi è più comune che negativo, con l’85% della popolazione del Regno Unito che è Rh positivo.

Lo stato Rh può causare un rischio significativo in gravidanza, in particolare durante il travaglio, quando esiste la possibilità che il sangue materno e fetale si mescolino. La miscelazione del sangue può causare la malattia rhesus, in cui la madre ha sangue Rh negativo e il bambino ha sangue Rh positivo. Ciò porta la madre a produrre anticorpi contro i globuli Rh-positivi del bambino. (Il gruppo sanguigno è ereditato. Una donna con sangue Rh negativo può avere un bambino Rh positivo se il gruppo sanguigno del suo partner è Rh positivo.)

Sebbene questo di solito non sia un problema nella prima gravidanza, rappresenta un rischio maggiore per le gravidanze successive in cui il feto è Rh positivo, poiché la madre conserva un basso livello di anticorpi Rh circolanti. In qualsiasi gravidanza successiva, c’è il rischio per un feto Rh-positivo che questi anticorpi materni attraversino la placenta e comincino a distruggere i globuli rossi del feto.

Vedi anche:Rh-null il sangue d’oro, il gruppo sanguigno più raro al mondo

Quando questi diversi gruppi sanguigni non vengono rilevati, può causare una reazione immunitaria che ha il potenziale per uccidere il feto. Questo è stato il caso della più recente scoperta del 44° gruppo sanguigno (in particolare, due nuove varianti dell’antigene chiamate Er4 ed Er5), dove il bambino ha subito un’emorragia ed è purtroppo deceduto. Possono essere necessari solo 0,01 ml di sangue da mescolare tra il feto e la madre per causare la morte.

Per fortuna, ci sono trattamenti disponibili, come le trasfusioni di sangue intrauterino per il feto, che possono impedire che ciò accada.

Il gruppo successivo, che è uno dei gruppi sanguigni più complessi, è il gruppo Kell. È stato scoperto nel 1946 e prende il nome da “Mrs Kellacher”. Questa madre ha espresso anticorpi anti-K(ell) al suo feto K-positivo. Nella malattia emolitica di Kell, le cellule precursori dei globuli rossi vengono distrutte, causando un’anemia estrema e talvolta fatale nel feto.

Esistono anche molti altri gruppi sanguigni, inclusi i sistemi Duffy, MNS, Lutheran, Kidd, P e Lewis, che, come quelli sopra descritti, hanno il potenziale per innescare una reazione immunitaria, in particolare tra madre e feto.

Questi sono alcuni dei gruppi sanguigni più comuni che sono riconosciuti e devono essere considerati quando si pianifica qualsiasi tipo di trasfusione di sangue per ridurre al minimo il rischio di reazione. Per fortuna, esistono protocolli in atto per garantire che il sangue sia adeguatamente abbinato e controllato prima di essere somministrato per ridurre al minimo i rischi.

Più raro è il tuo gruppo sanguigno, tuttavia, più difficile può essere ottenere sangue per una trasfusione, se ne avessi bisogno. Un pensiero va a quelle persone che vengono descritte come dotate di “sangue d’oro”, il famoso gruppo Rh null. Gli individui Rhnull non hanno antigeni Rh sui loro globuli rossi: questa rara condizione è stata chiamata “sangue d’oro”. Le sue proprietà lo rendono attraente in numerose applicazioni mediche. È così raro che si pensa che meno di 50 persone al mondo lo possiedano.

Autore:Adam Taylor, Professore e Direttore del Clinical Anatomy Learning Centre, Lancaster University.

Fonte:The Conversation

 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...