HomeAlimentazione & BenessereGrassi alimentari, alimentazione umana e ambiente: equilibrio e sostenibilità

Grassi alimentari, alimentazione umana e ambiente: equilibrio e sostenibilità

(Grassi alimentari-Immagine Credit Unsplash/CC0 di dominio pubblico).

I grassi alimentari sono ingredienti essenziali di una dieta sana. La loro produzione, tuttavia, ha un impatto sull’ambiente e sulla sua capacità di sostenerci. La crescente conoscenza in più discipline migliora la nostra comprensione dei legami tra cibo, salute e sostenibilità, ma aumenta l’apparente complessità. Mentre le linee guida dietetiche del passato ponevano limiti all’assunzione totale di grassi, in particolare i grassi saturi, studi recenti indicano legami più complessi con la salute. Le linee guida differiscono tra le regioni di povertà generale e malnutrizione e quelle in cui l’obesità è un problema crescente. L’ottimizzazione della produzione a beneficio della salute e dei risultati ambientali è ostacolata da dati limitati e obiettivi sociali condivisi. Ci manca una panoramica dettagliata di dove vengono prodotti i grassi e del loro impatto ambientale. Inoltre, le rese delle diverse colture, per la produzione di oli o l’alimentazione degli animali e le relative esigenze di terra per soddisfare la domanda di petrolio, differiscono notevolmente. “Per illuminare queste questioni, esaminiamo il discorso attuale sugli aspetti nutrizionali dei grassi commestibili, riassumiamo le implicazioni ambientali dedotte dalla loro produzione e identifichiamo le lacune di conoscenza”, spiegano gli autori.

Un nuovo studio dell’Università e ricerca di Wageningen e dell’Università Carlo di Praga considera le conseguenze sia nutrizionali che ambientali al fine di gettare una nuova luce su oli e grassi alimentari. Piuttosto che considerare tutti questi grassi semplicemente dannosi per la nostra salute, sottolinea l’importanza dei grassi nelle diete sane, specialmente tra le persone denutrite, e la necessità di fare scelte sagge tra fonti di grasso vegetali e animali per quanto riguarda la salute planetaria e umana.

- Advertisement -

Scegliere le giuste fonti di oli e grassi implica un complesso equilibrio di problemi sfumati e mutevoli. Sebbene studi recenti indichino che i grassi saturi degli animali non sono così malsani come spesso affermato, l’impatto ambientale dei grassi animali provenienti da latticini, lardo, sego e altre fonti tendono ad essere molto maggiori di quelli delle piante. Ma anche tra i grassi vegetali, le nostre scelte hanno importanti implicazioni. Olio di palma, olio di cocco e l’olio di arachidi sono oli importanti a prezzi accessibili nelle parti del mondo con i maggiori “divari di grasso” – la differenza tra quanto consumiamo e quanto dovremmo consumare in una dieta sana. 

Vedi anche:L’obesità inizia nel cervello? Perchè preferiamo cibi grassi?

Ma il rovescio della medaglia è che si è visto che l’espansione delle colture ha un impatto negativo sulle foreste tropicali e sulla biodiversità. La maggior parte della soia, della colza e del girasole vengono coltivati ​​nelle parti più ricche e temperate del mondo e sono associati a flussi di azoto eccessivi e ad alcuni cambiamenti significativi del sistema terrestre, come l’espansione della soia nelle foreste e nelle savane sudamericane.

Lo studio pubblicato su Frontiers in Nutrition è di grande attualità con la guerra in Ucraina e il suo impatto sulla produzione russa e ucraina di olio di girasole, avendo innescato importanti aumenti di prezzo per gli oli vegetali. Il nuovo studio fornisce un quadro per prevedere quali potrebbero essere le implicazioni dei cambiamenti nella produzione e nel commercio di petrolio sulle persone povere e denutrite e sull’ambiente globale.

- Advertisement -

Spiegano gli autori:

Attualmente, sono necessarie circa 45 milioni di tonnellate (Mt) di grassi alimentari all’anno per raggiungere i livelli raccomandati di consumo di grassi. Ciò include sia una riduzione del consumo di grassi nelle regioni di consumo eccessivo, soprattutto di grassi animali, sia un aumento nelle aree di sottoconsumo. Se questo “divario di grasso” è proiettato nel 2050, sono necessari altri 88-139 Mt. Ciò proverrà principalmente dall’olio di soia, che nel 2019 ha contribuito a livello globale con 9,88 g di grassi pro capite al giorno, olio di palma 7,17, olio di girasole 4,35, burro e burro chiarificato 3,62 e olio di colza e senape 3,51. Insieme, queste cinque fonti contribuiscono a circa il 62% del consumo globale. Quasi l’80% dei grassi prodotti per il consumo umano deriva da colture oleaginose, per le quali la produzione mondiale è attualmente di circa 208 Mt di olio. La restante produzione di grasso deriva da grassi animali (“latticini” che comprendono burro, burro chiarificato, formaggio, latte ecc.), che nel 2019 è stata di 46 Mt con ulteriori grassi animali prodotti nello strutto (6 Mt) e nel sego (7,3 Mt )”.

Gli aspetti sanitari dei grassi e l’impatto ambientale della loro produzione ricevono un’attenzione significativa da parte dei media. Il modo migliore per produrre oli dalle piante e grassi dagli animali che si nutrono di piante non è quindi solo di importanza nutrizionale e per la salute umana, ma riguarda anche la salute del pianeta. Ad esempio, diverse colture oleaginose hanno rese e requisiti di terra diversi per produrre la stessa quantità di olio ( 9 , 10 ). Queste colture sono coltivate anche in diverse parti del mondo, con la palma da olio una coltura tipica dei tropici e la soia delle zone subtropicali e a clima temperato. Per molti usi, gli oli sono intercambiabili ( 11), quindi una riduzione della produzione di un tipo di olio vegetale comporterà un aumento di un altro, e quindi influenzerà il luogo in cui la terra è destinata alla produzione di olio.

Qui esaminiamo le attuali conoscenze sugli aspetti nutrizionali e sulla salute dei grassi alimentari e su come questo influisca sulle persone in diverse parti del mondo. Esaminiamo anche come potrebbe essere soddisfatta la domanda di grassi alimentari e quali saranno le possibili conseguenze ambientali.

Douglas Sheil, autore senior e Professore all’Università e ricerca di Wageningen, ha dichiarato: “Nella nostra ricerca di cibi buoni, vedo ancora e ancora che siamo eccessivamente desiderosi di accettare risposte semplici come l’idea che i grassi alimentari sono dannosi e che evitare il petrolio salva le foreste. Risposte costruttive richiedono una riflessione più sfumata sulle implicazioni specifiche di una specifica merce in un contesto specifico. I grassi sono essenziali per la salute e qualsiasi fonte di oli alimentari può essere buona o cattiva. Ciò che ho trovato particolarmente sorprendente nel nostro studio è così che qualsiasi sforzo per guidare e migliorare la natura della produzione richiesta in modo da ottenere migliori risultati in termini di salute e ambiente rimane minato da informazioni inadeguate; questo mentre è probabile che la domanda globale di oli e grassi alimentari raddoppi nei prossimi tre decenni”.

Il Professor Erik Meijaard, autore principale dello studio e Professore in visita alla Charles University, ha affermato: “Negli accesi dibattiti su oli e grassi, in cui molti sostengono che i grassi dovrebbero essere esclusi dalle diete, dimentichiamo che come esseri umani, siamo davvero cacciatori di grassi. Circa il 25-30% del nostro fabbisogno energetico giornaliero proviene dai grassi e senza grassi si muore. Pertanto diventa importante da dove produciamo i nostri grassi, da animali o piante, e quali animali e piante, e quali sono gli impatti delle nostre scelte“.

Lo studio evidenzia che qualsiasi semplice conclusione su oli e grassi rischia di perdere l’obiettivo. I grassi saturi non sono necessariamente malsani. L’olio di palma non è necessariamente cattivo. Scelte sagge sulla produzione, il commercio e il consumo devono essere fatte nel contesto più ampio di come oli e grassi diversi influiscono sulla salute delle persone in sovrappeso e denutrite e sulla salute del pianeta.

Fonte: Frontiers in Nutrition

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...