HomeSaluteL'obesità inizia nel cervello? Perchè preferiamo cibi grassi?

L’obesità inizia nel cervello? Perchè preferiamo cibi grassi?

(Obesità-Immaginde Credit Public Domain).

Il grasso attiva i neuroni nocicettina nell’ipotalamo dei topi.

Nella nostra società moderna sono costantemente disponibili cibi ad alto contenuto calorico e ad alta densità energetica. I ricercatori dell’Istituto Max Planck di Colonia, per la ricerca sul metabolismo, hanno scoperto che un gruppo di cellule nervose nel cervello dei topi favorisce il consumo di cibi ricchi di grassi. Se questi cosiddetti neuroni nocicettina nell’ipotalamo vengono attivati, gli animali iniziano a mangiare di più.

- Advertisement -

Dagli anni ’80, stiamo assistendo a un aumento mondiale dell’obesità e delle malattie associate come il diabete mellito e le malattie cardiovascolari. I ricercatori dell’Istituto Max Planck per la ricerca sul metabolismo del laboratorio di Jens Brüning hanno utilizzato i  topi  in  studi sugli animali per capire quali cellule nervose controllano l’eccesso di cibo ad alto contenuto calorico e denso di energia. A tal fine, gli animali sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi e successivamente esaminati. “Solo tre giorni di alimentazione con una dieta ricca di grassi sono stati sufficienti per rilevare l’aumento dell’attività dei neuroni nocicettina in una regione specifica del cervello, il nucleo arcuato dell’ipotalamo”, afferma Alexander Jais, primo autore dell’attuale studio.

Vedi anche:Il peperoncino potrebbe combattere l’obesità?

In una serie di esperimenti, i neuroni nocicettina dei topi sono stati rimossi selettivamente dal nucleo arcuato dell’ipotalamo. Di conseguenza, questi topi non hanno più “consumato eccessivamente” la dieta ricca di grassi. L’assunzione del loro cibo normale non è stata influenzata. I neuroni della nociceptina possono quindi controllare in modo specifico l’assunzione di cibi ricchi di grassi.

Neuroni nocicettina nel nucleo arcuato dell’ipotalamo. Credito: MPI f. Ricerca sul metabolismo

- Advertisement -

In seguito a questi risultati, i ricercatori hanno utilizzato topi geneticamente modificati in cui l’attività dei neuroni nocicettina nell’ipotalamo poteva essere controllata dalla luce. “L’attivazione di queste cellule cerebrali ha portato a un’eccessiva assunzione di cibo da parte degli animali”, spiega Jais. “L’attivazione dei neuroni nociceptina inibisce alcuni neuroni che regolano la sazietà e quindi gli animali ingeriscono più cibo“.

L’obesità inizia nel cervello?

Il consumo di alimenti ad alta densità energetica porta a un’interruzione del bilancio energetico e ad un aumento dell’assunzione di calorie. “Siamo costantemente circondati da cibi economici, appetibili e ad alta densità energetica e il nostro cervello è cablato in modo tale che preferiamo particolarmente questi alimenti”, afferma Jais. “Ancora non si sa perché alcune persone riescano a mangiare solo ciò di cui hanno bisogno e altre no. L’attività individuale dei neuroni nocicettina potrebbe essere un pezzo importante del puzzle.Promuovono il consumo eccessivo e sono un obiettivo attraente per la prevenzione e il trattamento dell’obesità”.

“L’attuale pandemia di Covid-19 ci ricorda che l’obesità e le malattie metaboliche associate, come il diabete, sono fattori di rischio e quindi è urgentemente necessaria una migliore comprensione del controllo del sistema nervoso centrale sull’assunzione di cibo, con particolare enfasi sui grassi ad alto contenuto calorico e cibi ricchi di carboidrati”, afferma Jais.

Fonte: MPG

ULTIMI ARTICOLI

L’obesità inizia nel cervello? Perchè preferiamo cibi grassi?

(Obesità-Immaginde Credit Public Domain). Il grasso attiva i neuroni nocicettina nell'ipotalamo dei topi. Nella nostra società moderna sono costantemente disponibili cibi ad alto contenuto calorico e...

Invecchiamento: puntare al glutatione riduce i danni

Con l'invecchiamento, i mitocondri tendono a diventare meno efficienti e producono più molecole ossidanti dannose per la cellula. I livelli di glutatione diminuiscono con...

SM: la proteina A1 nuovo obiettivo farmacologico

(SM-Immagine Credit Public Domain). La ricerca di un team del College of Medicine dell'Università del Saskatchewan (USA) aiuterà a sviluppare farmaci in grado di inibire...

Collasso della testa del femore: nuova strategia riduce il rischio

(Collasso della testa del femore-Immagine Credit Public Doimain). Daniel Wiznia, MD, chirurgo ortopedico della Yale School of Medicine, sta praticando una tecnica chirurgica che impedisce...

I vecchi “polmoni di ferro” potrebbero sostituire gli attuali ventilatori

(Polmoni di ferro-immagine:un dispositivo polmone di ferro. Crediti immagine The B's / Flickr). Sebbene "i polmoni di ferro" siano una tecnologia relativamente vecchia, oggi suscitano un ...