HomeSalutePelleGrandi nei: unguenti speciali li rimuove

Grandi nei: unguenti speciali li rimuove

I ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno scoperto che diversi farmaci possono essere applicati sulla pelle per rimuovere i nei e prevenire il cancro della pelle.

Un nuovo trattamento può aiutare a far regredire i nei giganti congeniti.

Il cancro della pelle è il tipo più comune di cancro negli Stati Uniti. Ogni giorno, a circa 9.500 persone negli Stati Uniti viene diagnosticato un cancro della pelle. Il cancro della pelle è classificato in tre tipi: carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose e melanoma.

- Advertisement -

Il melanoma, la forma più letale di cancro della pelle, si sviluppa nelle cellule che creano la melanina, il pigmento che dà colore alla pelle. Sebbene la causa esatta di tutti i melanomi sia sconosciuta, l’esposizione alle radiazioni ultraviolette, sia che provengano dalla luce solare o altrove, aumenta il rischio di sviluppare il melanoma. Inoltre, le persone che hanno molti nei o nei anormali hanno maggiori probabilità di avere il cancro della pelle.

Un neonato su 20.000 nasce con un nevo gigante congenito, che è un grosso neo pigmentato che può coprire gran parte del viso e del corpo. A causa dell’aspetto del neo e del potenziale rischio che si trasformi in cancro della pelle in futuro, molti genitori scelgono di sottoporre i propri figli a un intervento chirurgico importante per rimuovere l’intera lesione, che può provocare cicatrici grandi e permanenti. I ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno sviluppato più modelli preclinici di questa condizione e li hanno utilizzati per dimostrare che diversi unguenti possono essere applicati sulla pelle per far regredire le lesioni. Un farmaco topico ha anche protetto contro il cancro della pelle.

 I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell il 12 maggio 2022.

“Gli obiettivi del nostro studio erano lo sviluppo di una serie di modelli animali progettati per chiarire le caratteristiche biologiche chiave di queste lesioni e per testare trattamenti farmacologici non chirurgici sulla pelle, con l’obiettivo di far recedere le cellule del neo, eliminando così la necessità di trattamenti chirurgici “, afferma l’autore senior David E. Fisher, MD, Ph.D., Direttore del programma sul melanoma dell’MGH Cancer Center e Direttore del Centro di ricerca sulla biologia cutanea dell’MGH.

I modelli includevano topi modificati per esprimere un gene chiamato NRAS, che contiene una mutazione nota per causare la maggior parte dei nevi giganti congeniti nelle persone, nonché topi con innesti cutanei trapiantati contenenti nevi giganti congeniti umani. Fisher e i suoi colleghi hanno utilizzato questi modelli per esaminare le varie fasi di questi nevi al fine di comprendere meglio come si originano e si sviluppano. Inoltre, quando gli scienziati hanno utilizzato gli animali per valutare le applicazioni topiche di farmaci singoli o combinati che inibiscono le vie di segnalazione note per essere attivate da mutazioni NRAS, hanno scoperto che molti dei trattamenti provocavano significative regressioni del nevo. Inoltre, a seguito di tre trattamenti con un farmaco che innesca un tipo di risposta infiammatoria dopo somministrazione topica sulla pelle, i nevi sono completamente regrediti.

- Advertisement -

“Si spera che questi risultati preparino le basi per ulteriori perfezionamenti volti a testare direttamente tali trattamenti per la pelle su pazienti con nevi giganti congeniti”, afferma Fisher. “Questo lavoro includerà ulteriori studi sulla sicurezza, potenziali ulteriori miglioramenti dell’efficacia e ulteriori analisi dei meccanismi sottostanti. Gli obiettivi generali sono prevenire il melanoma in questi pazienti e anche evitare i problemi di deturpazione da queste lesioni”.

Fonte: Cell

Questo lavoro è stato sostenuto dal National Institutes of Health e dalla Dr. Miriam and Sheldon G. Adelson Medical Research Foundation.

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...