HomeSaluteCervello e sistema nervosoDepressione: i probiotici possono alleviarla

Depressione: i probiotici possono alleviarla

(Depressione-Immagine Credit Public Domain).

Il microbioma intestinale svolge un ruolo importante nella salute, inclusa la salute mentale. I ricercatori dell’Università di Basilea e della Clinica psichiatrica universitaria di Basilea (UPK) hanno dimostrato che i probiotici possono supportare l’effetto degli antidepressivi e aiutare ad alleviare la depressione.

Nella società moderna, la depressione è un problema abbastanza diffuso. Infatti, secondo il CDC, il 18,5% degli adulti intervistati nel 2019 negli Stati Uniti aveva sintomi di depressione lievi, moderati o gravi nelle 2 settimane precedenti.

- Advertisement -

Ciò che può sorprendere molti è che gli scienziati hanno appena scoperto che la tua flora intestinale, i trilioni di batteri e altri microbi che vivono nel tuo tratto digestivo, possono influenzare la depressione. Eppure questo non è così strano come sembra, poiché il tuo microbioma intestinale è noto per svolgere un ruolo significativo nella salute e potrebbe avere legami con perdita di peso, autismo, gravità della COVID-19, SLA e sicurezza ed efficacia dei farmaci.

Quando è stato visitato da quello che ha chiamato “il cane nero” ossia la “depressione”, Winston Churchill riusciva a malapena ad alzarsi dal letto. Non aveva energia, interessi e appetito. Sebbene il primo ministro britannico non abbia inventato questa metafora della depressione, è stato lui a renderla popolare.

Gli esperti usano farmaci e psicoterapia per cercare di aiutare i pazienti a sfuggire al “cane nero”, ma in alcuni individui persiste. I ricercatori sono quindi alla ricerca di modi per migliorare le terapie esistenti e svilupparne di nuove.

Un approccio promettente è l’asse microbioma-intestino-cervello. Il microbioma è generalmente inteso come tutti i microrganismi che vivono nel o sul corpo umano, come la flora intestinale. I batteri intestinali possono influenzare il sistema nervoso, ad esempio attraverso prodotti metabolici.

- Advertisement -

In uno studio recente, un gruppo di ricerca dell’Università di Basilea e delle Cliniche psichiatriche universitarie di Basilea (UPK) ha dimostrato che i probiotici possono supportare il trattamento con antidepressivi. 

Lo studio è stato pubblicato il 3 giugno 2022 sulla rivista Translational Psychiatry.

Illustrazione del microbioma intestinale umano

Illustrazione del microbioma intestinale umano.

La flora intestinale influenza la psiche

È noto da studi precedenti che i pazienti con depressione mostrano una prevalenza superiore alla media di problemi intestinali e digestivi. Se la flora intestinale delle persone depresse viene impiantata in topi allevati in condizioni sterili, cioè senza flora intestinale, anche gli animali sviluppano un comportamento simil-depressivo. Ad esempio, sono meno energici e mostrano un minore interesse per l’ambiente circostante rispetto ai loro coetanei. I ricercatori sospettano quindi che la composizione della comunità batterica nell’intestino svolga un ruolo importante nei sintomi depressivi.

Vedi anche:Depressione: come una dieta sana influenza la condizione

Nel loro nuovo studio, i ricercatori guidati dal Dottor André Schmidt e dal Professor Undine Lang hanno studiato sistematicamente gli effetti dei probiotici sui pazienti con depressione. Tutti i partecipanti erano ricoverati presso le Cliniche psichiatriche universitarie di Basilea (UPK) e hanno ricevuto un probiotico (21 soggetti) o un placebo (26 soggetti) per 31 giorni, oltre agli antidepressivi. Né i partecipanti né il personale dello studio sapevano quale preparazione stavano assumendo i soggetti durante il periodo di studio. I ricercatori hanno effettuato una serie di test sui partecipanti immediatamente prima del trattamento, alla fine dei 31 giorni e di nuovo quattro settimane dopo.

L’analisi successiva ha mostrato che, sebbene i sintomi depressivi siano diminuiti in tutti i partecipanti grazie al trattamento antidepressivo generale, si è verificato un miglioramento maggiore nei soggetti nel gruppo probiotico rispetto al gruppo placebo.

Inoltre, la composizione della loro flora intestinale è cambiata, almeno temporaneamente: nel gruppo probiotico, l’analisi dei campioni di feci ha rivelato un aumento dei batteri lattici alla fine del trattamento, effetto che è stato accompagnato da una riduzione dei sintomi depressivi. Tuttavia, il livello di questi batteri intestinali che promuovono la salute è nuovamente diminuito nelle quattro settimane successive. “Può darsi che quattro settimane di trattamento non siano sufficienti e che ci voglia più tempo per stabilizzare la nuova composizione della flora intestinale”, spiega Anna-Chiara Schaub, una delle autrici principali dello studio.

Cambiamento nell’elaborazione degli stimoli emotivi

Un altro effetto interessante dell’assunzione di probiotici è stato osservato in relazione all’attività cerebrale osservando volti neutri o timorosi. I ricercatori hanno studiato questo effetto utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI). Nei pazienti con depressione, alcune regioni cerebrali per l’elaborazione emotiva si comportano in modo diverso rispetto agli individui con una buona salute mentale. Dopo quattro settimane di probiotici, questa attività cerebrale si è normalizzata nel gruppo probiotico, ma non nel gruppo placebo.

“Sebbene l’asse microbioma-intestino-cervello sia stato oggetto di ricerca per diversi anni, i meccanismi esatti devono ancora essere completamente chiariti”, afferma Schaub.

Questo è stato un altro motivo per cui i ricercatori hanno ritenuto importante utilizzare un’ampia gamma di batteri sotto forma di probiotici, come le formulazioni già disponibili sul mercato. “Con una conoscenza aggiuntiva dell’effetto specifico di alcuni batteri, potrebbe essere possibile ottimizzare la selezione dei batteri e utilizzare la migliore miscela per supportare il trattamento della depressione”, afferma la ricercatrice, anche se desidera sottolineare che i probiotici sono non sono adatti come unico trattamento per la depressione.

Fonte: Translational Psychiatry

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...