Gli scienziati violano le barriere cerebrali per attaccare il glioblastoma

0
39

Immagine, Credit: CC0 Public Domain

Il cervello è una sorta di fortezza, dotata di barriere progettate per tenere fuori gli agenti patogeni pericolosi. Ma la protezione ha un costo: queste barriere interferiscono con il sistema immunitario di fronte a terribili minacce come il glioblastoma, un tumore cerebrale mortale per il quale esistono pochi trattamenti efficaci.

I ricercatori della Yale University hanno trovato un nuovo modo di aggirare le difese naturali del cervello, facendo scivolare i soccorritori del sistema immunitario attraverso il sistema di “drenaggio della fortezza”.

I ricercatori hanno riportato lo studio il 15 gennaio sulla rivista Nature.

“Fino ad oggi pensavamo che il sistema immunitario potesse fare ben poco per combattere i tumori cerebrali”, ha detto l’autore senior corrispondente Akiko Iwasaki. “Non c’è stato modo per i pazienti con glioblastoma di beneficiare dell’immunoterapia”.

Vedi anche, Nuova strategia di trattamento può contrastare il glioblastoma

Iwasaki è Professore di Immunobiologia del Waldemar Von Zedtwitz e Professore di biologia molecolare, cellulare e dello sviluppo e ricercatore dell’Howard Hughes Medical Institute.

Mentre il cervello stesso non ha un modo diretto per smaltire i rifiuti cellulari, i piccoli vasi che rivestono l’interno del cranio raccolgono i rifiuti di tessuto e li smaltiscono attraverso il sistema linfatico del corpo, che filtra le tossine e i rifiuti dal corpo. È questo sistema di smaltimento che i ricercatori hanno sfruttato nel nuovo studio.

Questi vasi si formano poco dopo la nascita, stimolati in parte dal gene noto come fattore di crescita endoteliale vascolare C o VEGF-C.

Jean-Leon Thomas, Professore associato di neurologia alla Yale e autore senior dell’articolo, si chiedeva se VEGF-C poteva aumentare la risposta immunitaria, aumentando il drenaggio linfatico. E l’autore principale Eric Song, uno studente che lavora nel laboratorio di Iwasaki, voleva vedere se VEGF-C poteva essere specificamente utilizzato per aumentare la sorveglianza del sistema immunitario nel glioblastoma. Insieme, il team ha studiato se l’introduzione di VEGF-C attraverso questo sistema di drenaggio avrebbe preso di mira in modo specifico i tumori cerebrali. Il team ha introdotto VEGF C nel liquido cerebrospinale dei topi con glioblastoma e ha osservato un aumento del livello di risposta delle cellule T nei tumori. Combinato con inibitori del checkpoint del sistema immunitario comunemente usati in immunoterapia, il trattamento con VEGF-C ha esteso significativamente la sopravvivenza dei topi. In altre parole, l’introduzione di VEGF-C, in combinazione con i farmaci immunoterapici per il cancro, era apparentemente sufficiente per colpire i tumori cerebrali.

“Questi risultati sono notevoli”, ha detto Iwasaki. “Vorremmo poter utilizzare questo trattamento per i pazienti con glioblastoma. La prognosi con le attuali terapie di chirurgia e chemioterapia è ancora così desolante”. È questo sistema di smaltimento che i ricercatori hanno sfruttato nel nuovo studio. Questi vasi si formano poco dopo la nascita, stimolati in parte dal gene noto come fattore di crescita endoteliale vascolare C o VEGF-C.

Fonte, Nature