Gli scienziati scoprono come lo stress cronico provoca danni al cervello

stress cronico

Il 2 luglio il DGIST (Istituto di scienza e tecnologia di Daegu Gyeongbuk, Repubblica di Corea), ha annunciato che il team del Professor Seong-Woon Yu del Dipartimento di Scienze cognitive ha scoperto che lo stress cronico provoca la morte autofagica delle cellule staminali neurali dell’ippocampo (NSC) degli adulti.

Questi risultati dovrebbero aprire la strada a nuove strategie per combattere le malattie neurali associate allo stress.

Lo stress cronico è famoso per la sua associazione con varie malattie mentali come la depressione e la schizofrenia che sono diventate problemi sociali molto gravi. Lo stress può persino aumentare il rischio di malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer. 

Tuttavia, i meccanismi esatti alla base del danno delle funzioni cerebrali causato dallo stress, non erano ancora ben noti. Mentre i precedenti studi sugli animali hanno scoperto che la generazione di nuovi neuroni è molto ridotta nei topi stressati, l’apoptosi, un noto percorso di suicidio cellulare non è stato trovato nelle cellule staminali neurali, portando a una conclusione che la morte cellulare non è correlata alla perdita di queste cellule in caso di stress.

Il team del Professor Yu ha scoperto per la prima volta che lo stress cronico causa la morte autofagica delle NSC dell’ippocampo. L’autofagia (auto-mangiare in greco) è un processo cellulare che proteggere le cellule da condizioni sfavorevoli attraverso la digestione e il riciclaggio dei materiali cellulari interni, per cui le cellule possono rimuovere componenti intracellulari tossici o vecchi e ottenere nutrienti e metaboliti per la sopravvivenza. Tuttavia, l’autofagia può trasformarsi in un processo di autodistruzione in determinate condizioni, portando alla morte delle cellule autofagiche.

Vedi anche, Un biologo ha condotto uno studio pionieristico sullo stress.

La morte cellulare autofagica è una forma di morte cellulare distinta dall’apoptosi, dal ruolo causale dell’autofagia. Utilizzando cellule staminali neurali derivate ​​da roditori e topi geneticamente modificati, il team di ricerca ha scoperto che la morte delle NSC ippocampali è prevenuta e le normali funzioni cerebrali vengono mantenute senza sintomi di stress, quando viene eliminato Atg7, uno dei principali geni autofagici.

Gli scienziati del DGIST hanno scoperto in che modo lo stress cronico provoca danni al cervello
Conservazione delle cellule staminali neurali dell’ippocampo dallo stress cronico mediante knockdown SGK3. Credito: DGIST

Il team di ricerca ha inoltre esaminato ulteriormente il meccanismo che controlla in modo più approfondito l’induzione dell’autofagia nelle NSC, dimostrando che il gene SGK3 (siero / glucocorticoide regolato chinasi) è il fattore scatenante per l’avvio dell’autofagia. Pertanto, quando il gene SGK3 viene rimosso, le NSC dell’ippocampo non subiscono la morte cellulare e vengono risparmiate dallo stress.

Il Professor Yu del Dipartimento di Scienze cognitive ha dichiarato: “Dal nostro studio emerge chiaramente che i difetti cognitivi e i disturbi dell’umore causati dallo stress sono dovuti alla morte autofagica delle NSC dell’ippocampo. Con una ricerca continua, saremo in grado di fare un passo avanti verso lo sviluppo di un trattamento efficace per i disturbi psicologici come la depressione e l’ansia. Inoltre, le malattie neurodegenerative legate allo stress, inclusa la demenza, potrebbero beneficiare del nostro studio. Speriamo di essere in grado di sviluppare molto più veloci ed efficaci trattamenti per le malattie mentali, attraverso la ricerca congiunta con la  Chinese National Compound Library per sviluppare insieme l’inibitore SGK3 “.

Fonte, Autophagy


Altri articoli su stress cronico