Gli aromi chimici delle sigarette elettroniche possono compromettere la funzionalità polmonare

sigarette elettroniche

Due sostanze chimiche ampiamente utilizzate per aromatizzare le sigarette elettroniche potrebbero compromettere la funzione delle ciglia nelle vie aeree umane, secondo un nuovo studio condotto dalla Harvard TH Chan School of Public Health.

Le ciglia sono protuberanze simili ad antenne che sono presenti sul 50-75% delle cellule che rivestono le vie aeree umane. Svolgono un ruolo chiave nel mantenere le vie respiratorie umane libere da muco e sporco e consentire alle persone di respirare facilmente e senza irritazione. La compromissione della funzione delle ciglia è stata collegata a malattie polmonari come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e l’asma.

“Anche se le sostanze chimiche usate per aromatizzare le sigarette elettroniche sono frequentemente usate, poco è noto sul meccanismo di impatto sulla salute. Il nostro nuovo studio suggerisce che queste sostanze chimiche potrebbero danneggiare le ciglia delle vie aeree- la prima linea di difesa nei polmoni – alterando l’espressione genica correlata alla produzione e alla funzione della ciglia “, ha detto Quan Lu, Professore associato di genetica ambientale e patofisiologia.

Lu e Joseph Allen, assistente Professore di scienze della valutazione dell’esposizione, sono co- autori senior dello studio che è stato pubblicato il 1 febbraio 2019 in Scientific Reports ed è il primo a esaminare l’impatto delle sostanze chimiche aromatizzanti nelle cellule epiteliali umane.

Vedi anche, Sostanze chimiche cancerogene e sigarette elettroniche.

Milioni di persone usano le e-sigarette e un recente aumento di utilizzo tra i giovani ha allarmato gli esperti di salute pubblica. A metà dicembre, il chirurgo degli Stati Uniti, Jerome Adams, ha definito l’e-sigaretta un’epidemia. Studi scientifici che esaminano i potenziali effetti sulla salute delle e-sigarette e della loro miriade di componenti chimici non hanno tenuto il passo con l’aumento dell’uso.

In uno studio precedente,Allen e colleghi della Harvard Chan hanno trovato sostanze chimiche aromatizzanti – principalmente diacetile e 2,3 pentanedione – in oltre il 90% delle sigarette elettroniche che hanno testato.

Oltre ad essere utilizzato nelle e-sigarette, il diacetile è usato come agente aromatizzante in alimenti come popcorn, prodotti da forno e caramelle e può creare una varietà di sapori. Il diacetilene è considerato un ingrediente sicuro negli alimenti, ma le prove suggeriscono che può essere pericoloso se inalato. È stato precedentemente collegato alla bronchiolite obliterante, una malattia polmonare debilitante che è stata soprannominata “polmone del popcorn” perché è apparsa per la prima volta nei lavoratori  in impianti di lavorazione dei popcorn. Dopo il collegamento tra il diacetile e la bronchiolite obliterante, a volte veniva usato il 2,3-pentanedione come sostituto.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato nuove tecniche di laboratorio che hanno permesso loro di esaminare l’impatto di diacetile e 2,3-pentanione su cellule epiteliali in un sistema che imitava da vicino l’epitelio delle vie aeree umane in vivo. Hanno esposto cellule epiteliali bronchiali umane umane (NHBE) alle sostanze chimiche per 24 ore. Hanno trovato che sia il diacetile che il 2,3-pentanione erano collegati a cambiamenti nell’espressione genica che potevano compromettere sia la produzione che la funzione delle ciglia.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che anche bassi livelli di sostanze chimiche modificavano espressione genica, suggerendo che gli attuali standard per i limiti di sicurezza di esposizione a queste sostanze chimiche dei lavoratori potrebbero non essere sufficienti, mentre non ci sono tali standard per gli utenti di sigarette elettroniche.

“Gli utenti di sigarette elettroniche stanno inalando sostanze chimiche aromatizzanti che non sono mai state testate per la sicurezza per inalazione“, ha detto Allen. “Sebbene alcuni produttori di e-sigarette affermino che non usano il diacetile o il 2,3-pentandione, si pone una domanda importante: quali sostanze chimiche, quindi, stanno usando per l’aromatizzazione? Inoltre, i lavoratori ricevono avvertimenti sui pericoli dell’inalazione sostanze chimiche aromatizzanti, perché gli utenti di sigarette elettroniche non ricevono gli stessi avvertimenti? “.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su sigarette elettroniche