HomeSaluteOcchiGlaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain).

Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra gli altri, hanno ora studiato gli effetti della nicotinamide, l’ammide della vitamina B₃, su modelli animali e cellulari di glaucoma. Lo studio, pubblicato su Redox Biology, potrebbe portare ad una futura terapia neuroprotettiva del glaucoma negli esseri umani. In autunno inizierà una sperimentazione clinica.

Il glaucoma colpisce 80 milioni di pazienti in tutto il mondo e circa 100.000-200.000 in Svezia.

- Advertisement -

Nel glaucoma, il nervo ottico, che collega l’occhio al cervello, viene progressivamente danneggiato, spesso in associazione ad un’elevata pressione all’interno dell’occhio. Le uniche strategie di trattamento attualmente disponibili mirano a regolare la pressione dell’occhio utilizzando colliri o interventi chirurgici. Nonostante la disponibilità di questi trattamenti, il rischio di cecità in almeno un occhio è ancora alto. La maggior parte delle persone con glaucoma ha più di 50 anni e vi è un aumento del rischio ereditario.

Concentrati su nuovi trattamenti

Ciò che causa la degenerazione del nervo ottico nel glaucoma non è del tutto noto, ma attualmente vi è una grande attenzione sull’identificazione di nuovi trattamenti che impediscono la morte delle cellule gangliari della retina (i nervi di uscita della retina), oltre a cercare di riparare la perdita della vista attraverso la rigenerazione di fibre nervose malate nel nervo ottico. In precedenza, gli scienziati hanno scoperto che la molecola NAD declina nella retina in modo dipendente dall’età e rende le cellule gangliari retiniche suscettibili alla neurodegenerazione. Prevenire l’esaurimento di NAD tramite la somministrazione di nicotinamide (l’ammide della vitamina B3, un precursore NAD) previene efficacemente il glaucoma nei modelli animali cronici. I ricercatori hanno anche dimostrato che l’aumento dei livelli di NAD attraverso la somministrazione di nicotinamide può migliorare la funzione visiva nei pazienti affetti da glaucoma esistenti.

Vedi anche:Coltivate cellule staminali per curare il glaucoma

- Advertisement -

Numerosi effetti neuroprotettivi

In un ampio studio internazionale, i ricercatori del Karolinska Institutet, del St.Erik Eye Hospital, del Singapore National Eye Centre, di Singapore e della Cardiff University nel Regno Unito hanno esaminato diversi effetti della nicotinamide sul sistema visivo sia in condizioni normali che nel glaucoma. In questo studio, gli scienziati hanno studiato molti degli effetti che la nicotinamide ha sul sistema visivo (in condizioni normali e durante il glaucoma). Questo è un passaggio importante per spostare i trattamenti dal laboratorio alla clinica.

“Abbiamo confermato la neuroprotezione della nicotinamide in ulteriori modelli cellulari e animali che ricapitolano caratteristiche isolate del glaucoma, ma sono anche caratteristiche neurodegenerative comuni. Abbiamo anche sviluppato strumenti sensibili per indagare il metabolismo NAD e il metabolismo di altri metaboliti essenziali nel sistema visivo”, dice il primo autore dello studio James Tribble, un ricercatore post-dottorato presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet e del laboratorio Williams al St. Erik Eye Hospital. “Abbiamo dimostrato che la somministrazione sistemica di nicotinamide ha limitati effetti collaterali molecolari, ma fornisce una robusta inversione del profilo metabolico della malattia degli animali inclini al glaucoma“.

Il lavoro dei ricercatori ha, tra le altre cose, portato a diversi strumenti per studiare l’effetto protettivo della nicotinamide.

“Utilizzando queste varie piattaforme, abbiamo determinato che la nicotinamide fornisce numerosi effetti neuroprotettivi. Questi includono il buffering e la prevenzione dello stress metabolico e l’aumento delle dimensioni e della mobilità mitocondriali per fornire un ambiente in cui le cellule gangliari della retina sono meno suscettibili agli stress correlati al glaucoma“, afferma l’autore corrispondente Pete Williams, Assistant Professor e Research Group Leader per il glaucoma presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet e St. Erik Eye Hospital. Questi dati supportano la continua determinazione dell’utilità del trattamento a lungo termine con nicotinamide come terapia neuroprotettiva per il glaucoma umano“. Nell’autunno 2021 inizierà lo studio clinico a lungo termine, condotto dall’Università di Umeå, dal Karolinska Institutet e dal St. Erik Eye Hospital.

Fonte:Redox Biology

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...