Fibrosi polmonare idiopatica: individuati nuovi biomarker

fibrosi polmonare idiopatica

I ricercatori dell’ Helmholtz Zentrum München, uno dei partner German Center for Lung Research (DZL), hanno scoperto che il numero di cellule soppressorie di derivazione mieloide (MDSC) è aumentato nel sangue di pazienti affetti da fibrosi polmonare idiopatica (IPF). Più alto è il numero di MDSC, più limitata la funzionalità polmonare.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati nell’ European Respiratory Journal .

I pazienti con malattie polmonari fibrotiche, come la fibrosi polmonare idiopatica (IPF), mostrano progressivo peggioramento della funzione polmonare con una maggiore mancanza di respiro e tosse secca. Ad oggi, questo processo è irreversibile ed è questo il motivo per cui gli scienziati sono alla ricerca di nuovi biomarcatori che consentano la diagnosi precoce di questa malattia con l’obiettivo di bloccarne la progressione.

( Vedi anche:Fibrosi polmonare: l’infiammazione può favorire la guarigione).

Un team di scienziati del Comprehensive Pneumology Center (CPC) presso l’ Helmholtz Zentrum München, guidato dal Professor Oliver Eickelberg, Presidente del CPC e Direttore dell’Institute of Lung Biology, hanno ora scoperto che le cellule soppressorie di derivazione mieloide (MDSC) possono servire come biomarcatori. “Il ruolo delle MDSC è stato studiato in maniera approfondita nel cancro, dove queste cellule sopprimono il sistema immunitario e contribuiscono ad una prognosi sfavorevole”, ha spiegato il primo autore dello studio Iside Fernandez. ” L’attuale studio suggerisce che queste cellule, con meccanismi simili, sono al lavoro anche nella nella fibrosi polmonare idiopatica”.

Le cellule soppressorie di derivazione mieloide (MDSC) sono una popolazione eterogenea di cellule che si espande durante il cancro, l’infiammazione e l’infezione e sono potenti inibitori di immunità antitumorale cellule T-mediata.

In collaborazione con il Dipartimento di Medicina Interna V (Direttore: Prof. Jürgen Behr) del Policlinico Universitario di Monaco di Baviera, il team ha esaminato la composizione dei tipi di cellule del sistema immunitario circolanti nei campioni di sangue di 170 partecipanti allo studio, di cui 69 pazienti con fibrosi polmonare idiopatica. Sorprendentemente, il numero di MDSC nei pazienti con FPI era significativamente più alto rispetto al gruppo di controllo sano. Allo stesso tempo, i ricercatori hanno osservato che vi era una correlazione inversa tra funzione polmonare e numero di MDSC circolanti: peggiore è la funzione polmonare, maggiore è il numero di MDSC. Nel gruppo di controllo di pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o altre malattie polmonari interstiziali, questa correlazione inversa non è stata trovata. “Concludiamo che il numero di MDSC riflette il corso della malattia, specialmente nei pazienti affetti da fibrosi polmonare idiopatica”, ha detto Fernandez.

Per comprendere se le cellule stesse potevano essere la causa del deterioramento della funzione polmonare, i ricercatori hanno misurato l’attività dei geni che sono tipicamente espressi dalle cellule immunitarie. Essi hanno scoperto che questi geni sono stati espressi meno frequentemente nei campioni che mostravano alti numeri di MDSC. Ciò indica che MDSC – così come nel cancro –  compromettere il sistema immunitario nei pazienti IPF.

L’osservazione del tessuto polmonare dei pazienti con IPF supporta questa ipotesi. “Siamo stati in grado di dimostrare che cellule MDSC si trovano principalmente in nicchie fibrotiche dei polmoni IPF caratterizzati da aumento del tessuto interstiziale e cicatrici, nelle regioni in cui la malattia è molto pronunciata”, ha detto Eickelberg. “Come prossimo passo, cercheremo di verificare se la presenza di MDSC può servire come biomarcatore per rilevare IPF”.

Inoltre, i ricercatori vogliono studiare i meccanismi di accumulo di queste cellule  in modo più dettagliato. ” Il controllo dell’ accumulo o dell’espansione di MDSC e il blocco delle loro funzioni soppressive può rappresentare una promettente opzione di trattamento per i pazienti con fibrosi polmonare idiopatica”, ha aggiunto Eickelberg.

Fonte: Eurekalert

Altri articoli su fibrosi polmonare idiopatica