HomeSaluteCapelliFarmaco per l'artrite combatte l'alopecia universalis

Farmaco per l’artrite combatte l’alopecia universalis

Un uomo glabro, colpito da alopecia universalis, ha visto ricrescere capelli e peli i n tutto il suo corpo dopo un trattamento da parte dei medici della Yale University.

Non vi è attualmente alcuna cura o trattamento a lungo termine per l’ alopecia universalis, la malattia che ha reso glabro il giovane di 25 anni . Questo è il primo caso di un trattamento mirato per questa malattia rara, ad avere successo: al paziente sono cresciute sopracciglia, ciglia, così come peli alle ascelle e  capelli.

“I risultati sono esattamente quello che ci aspettavamo”, ha dichiarato Brett A. King, MD, assistente professore di dermatologia presso la Yale University School of Medicine e autore di un documento pubblicato online il 18 giugno, sulla rivista Journal of Investigative Dermatology.

- Advertisement -

 “Questo è un enorme passo avanti nel trattamento di pazienti con questa condizione.  Crediamo che gli stessi risultati saranno duplicati in altri pazienti e abbiamo intenzione di provare “.

Il paziente che era stato diagnosticato in precedenza con alopecia universalis, una malattia che provoca la perdita di tutti i peli del corpo e psoriasi a placche, una condizione caratterizzata da zone rosse squamose della pelle, si era rivolto alla Yale Dermatology per il trattamento della psoriasi. L’alopecia universalis non era mai stata trattata.

 I ricercatori hanno affrontare entrambe le malattie contemporaneamente, utilizzando un farmaco approvato dalla FDA esistente per l’artrite reumatoide chiamato tofacitinib citrato. Il farmaco era stato utilizzato con successo nel trattamento della psoriasi in esseri umani. Aveva anche invertito l’alopecia areata, una forma meno estrema di alopecia, nei topi.

“Non ci sono buone opzioni per il trattamento a lungo termine per l’ alopecia universalis”, ha detto King, un medico che si occupa del trattamento delle malattie cutanee rare”.

- Advertisement -

Dopo due mesi di assunzione di tofacitinib a 10 mg al giorno, la psoriasi del paziente ha mostrato qualche miglioramento e dopo altri tre mesi di terapia a 15 mg al giorno, il paziente aveva completamente recuperato i capelli del cuoio capelluto, le sopracciglia ben visibili, ciglia e barba, nonché i peli delle ascella e in altre parti del corpo.

 Tofacitinib sembra stimolare la ricrescita dei capelli in pazienti con alopecia universalis accendendo e spegnendo l’attacco del sistema immunitario ai  follicoli dei capelli che si verifica a causa della malattia”, ha spiegato King.

Il farmaco aiuta in alcuni, ma non tutti, i casi di psoriasi, ed è stato moderatamente efficace nel caso di questo paziente.

King ha presentato una proposta di una sperimentazione clinica che utilizza una forma di tofacitinib in crema, come trattamento per l’alopecia areata.

Fonte Journal of Investigative Dermatology.

ULTIMI ARTICOLI

La peste bubbonica ha avuto effetto sui geni dell’immunità

(Peste bubbonica-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati che hanno esaminato i resti di 36 vittime della peste bubbonica da una fossa comune del XVI secolo...

Cancro ai polmoni: AI prevede la malignità dei noduli polmonari

(Cancro ai polmoni-Immagine: rappresentazione schematica delle reti neurali convoluzionali (CNN) utilizzate nell'algoritmo di apprendimento profondo per la stima del rischio di malignità dei noduli...

Cancro al seno: nuovo biosensore per diagnosi precoce

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Un team di ricercatori spagnoli ha sviluppato, a livello di laboratorio, un prototipo di un nuovo biosensore per aiutare...

COVID-19 alla fine diventerà solo un fastidio stagionale?

Entro il prossimo decennio, il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della COVID-19 potrebbe diventare poco più che un fastidio, causando nient'altro che comuni tosse e...

Steatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

(Steatosi epatica: Immagine Credit Public Domain). Un particolare tipo di cellula dendritica è responsabile del danno tissutale che si verifica nelle steatosi epatica non alcolica...