HomeSaluteCervello e sistema nervosoIctus: avviato progetto rivoluzionario

Ictus: avviato progetto rivoluzionario

(Ictus-Immagine Credit Public Domain).

Un importante gruppo di scienziati che lavorano in Università, Centri di Ricerca e Aziende innovative in Belgio, Germania, Grecia, Portogallo, Spagna e Svizzera ha appena avviato un progetto rivoluzionario sperando di curare l’ictus una volta per tutte. Il progetto, chiamato “ANGIE“, è sostenuto da finanziamenti dell’UE.

“Scienziati europei hanno iniziato a sviluppare nano-chirurghi che entreranno nel corpo per curare i coaguli di sangue”.

- Advertisement -

Il progetto ANGIE svilupperà una tecnologia radicalmente nuova per la somministrazione mirata e localizzata di farmaci negli Ospedali. La tecnologia svilupperà minuscole macchine in grado di navigare nel sistema vascolare del corpo e fornire terapie dove nessun altro strumento può andare. Navigare all’interno del corpo per curare i tessuti danneggiati ha affascinato gli scienziati e il pubblico per decenni, ma le tecnologie richieste sono rimaste molto indietro. Gli scienziati del progetto ANGIE credono di essere ora in grado di realizzarlo! Questo sviluppo tanto necessario ha come obiettivo l’ictus, la principale causa di disabilità fisica degli adulti nel mondo che colpisce 17 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno. Su base annua, l’ictus provoca 6 milioni di decessi a livello globale e costa all’UE 60 miliardi di euro. “Questo potrebbe essere evitato se avessimo un modo per far navigare in modalità wireless i nano-chirurghi lungo la rete vascolare del corpo per fornire i farmaci direttamente dove necessario, a comando “, dice il Dr. Salvador Pané, coordinatore del progetto.

Vedi anche:Ictus: trovata proteina che causa neurodegenerazione

Ma ottenere una svolta del genere non sarà facile. Richiede progressi in campi come la robotica medica, la simulazione numerica e i biomateriali. Inoltre, necessita di capacità e strutture tecniche che solo poche organizzazioni hanno per trasformare la conoscenza scientifica in strumenti medici pronti per l’applicazione clinica. Gli scienziati di ANGIE sono fiduciosi che il loro team includa tutte le conoscenze, l’esperienza e le infrastrutture necessarie per realizzare questo progetto. Per molti anni i ricercatori hanno utilizzato le conoscenze necessarie per l’uso e il controllo di sistemi robotici su piccola scala per diverse applicazioni sanitarie. Recentemente hanno sviluppato il primo sistema per il trattamento delle aritmie cardiache utilizzando cateteri orientabili elettromagneticamente e il loro gruppo comprende scienziati di alto livello che sono spesso ricercati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dall’Agenzia Spaziale Europea e dal Forum Economico Mondiale. Non c’è da stupirsi che il progetto abbia già attirato l’attenzione di multinazionali come Siemens e CLS Behring.

Il progetto ANGIE è iniziato quest’anno e il suo team avrà bisogno di quattro anni per sviluppare le basi della tecnologia. “Terremo il pubblico al corrente dei nostri sviluppi”, ha affermato il Professor Josep Puigmarti-Luís, uno dei principali scienziati del progetto. “Vogliamo coinvolgere quante più persone possibile nelle nostre attività. Siamo appassionati della somministrazione mirata di farmaci e miriamo a costruire una comunità interdisciplinare che ci aiuterà a sviluppare la tecnologia necessaria, ma affronterà anche questioni come l’istruzione, le differenze di genere e le implicazioni a lungo termine legate alla somministrazione mirata di farmaci”, afferma il Prof. Josep Puigmarti-Luís.

- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...