HomeSaluteCuore e circolazioneInsufficienza cardiaca: raddoppiano i casi

Insufficienza cardiaca: raddoppiano i casi

Il numero di pazienti con insufficienza cardiaca in tutto il mondo è quasi raddoppiato, passando da 33,5 milioni nel 1990 a 64,3 milioni nel 2017. Questo è il risultato di uno studio pubblicato oggi sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

“Il nostro studio sfida l’opinione comune che le malattie cardiache siano completamente sotto controllo”, ha detto l’autore dello studio, il Dott. Nicola Bragazzi della York University, Toronto, Canada. “Nonostante i progressi e i risultati, il carico globale imposto dallo scompenso cardiaco sta crescendo in modo significativo“.

Per l’analisi, lo studio ha utilizzato i dati del Global Burden of Disease Study per esaminare il peso e le cause dello scompenso cardiaco dal 1990 al 2017 in 195 paesi e territori. Il tasso di prevalenza standardizzato per età ha mostrato una tendenza al ribasso lenta, suggerendo che l’invecchiamento e la crescita della popolazione sono responsabili della maggior parte dell’aumento della prevalenza.

- Advertisement -

Lo studio ha rivelato importanti differenze tra le regioni del mondo. I ricercatori hanno utilizzato l’indice socio-demografico (SDI) per classificare i 195 paesi e territori in cinque gruppi in base allo stato di sviluppo: SDI basso, medio-basso, medio, medio-alto e alto. Tra il 1990 e il 2017, il tasso di prevalenza standardizzato per età dell’insufficienza cardiaca è diminuito del 20,3% nei paesi con SDI elevato, ma è aumentato nei paesi con SDI basso, medio-basso e medio.

Gli autori hanno affermato che l’aumento del tasso di prevalenza di insufficienza cardiaca nei paesi con SDI basso, medio-basso e “è guidato da un’ondata di fattori di rischio come ipertensione, diabete mellito, obesità, fumo e altri stili di vita malsani”.

Quasi la metà dell’aumento globale del numero di pazienti con scompenso cardiaco nel periodo 1990-2017 si è verificato in Cina (29,9%) e India (16,6%). Il Dr. Bragazzi ha detto: “Un’interazione di fattori come la crescita della popolazione, comportamenti malsani incluso il fumo e l’inquinamento atmosferico sono probabili spiegazioni”.

I sintomi dell’insufficienza cardiaca possono essere debilitanti. Mancanza di respiro, affaticamento e ritenzione di liquidi possono limitare la capacità dei pazienti di camminare, stare in piedi, lavorare o prendersi cura di se stessi. Lo studio ha rilevato che gli anni vissuti con disabilità a causa di insufficienza cardiaca sono raddoppiati in tutto il mondo dal 1900, mentre il tasso standardizzato per età è rimasto stabile.

- Advertisement -

C’erano forti differenze nella disabilità secondo la categoria SDI. Un forte calo del tasso standardizzato per età di anni vissuti con disabilità è stato osservato nei paesi ad alto SDI, che gli autori hanno attribuito a una migliore prevenzione e trattamento dell’insufficienza cardiaca. Dopo un aumento iniziale nei paesi SDI medio-alti e medi, i tassi hanno iniziato a diminuire nel 2010. Ma il tasso è continuamente peggiorato nei paesi SDI medio-bassi.

Gli autori hanno affermato: “Nei paesi a basso e medio reddito, la conformità a comportamenti di stile di vita sani, comprese diete sane, attività fisica e smettere di fumare era piuttosto scarsa”. Hanno aggiunto che quattro farmaci cardiovascolari di base (aspirina, beta-bloccanti, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e statine) erano generalmente non disponibili o inaccessibili per molte popolazioni nei paesi a basso e medio reddito. “Strategie più mirate volte a modificare più fattori di rischio e migliorare la disponibilità e l’accessibilità economica delle cure mediche per lo scompenso cardiaco sono urgentemente necessarie per questi paesi”, hanno detto gli autori.

Vedi anche:Nuovo farmaco riduce il rischio di eventi correlati all’insufficienza cardiaca cronica

La cardiopatia ischemica, la cardiopatia ipertensiva e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) sono state le tre principali cause di insufficienza cardiaca, rappresentando quasi i tre quarti dei tassi di prevalenza standardizzati per età. C’erano differenze regionali: ad esempio, la BPCO era una delle principali cause di insufficienza cardiaca in Asia meridionale e orientale, dove il fumo e l’inquinamento atmosferico sono i fattori che contribuiscono.

Il Dott. Bragazzi ha affermato: “L’insufficienza cardiaca è una preoccupazione per la salute pubblica globale. Gli operatori della sanità pubblica e i responsabili politici possono utilizzare i dati forniti in questo studio per progettare interventi per prevenire e gestire l’ insufficienza cardiaca nei loro paesi. Inoltre, sono necessarie campagne educative per aumentare consapevolezza dell’importanza di adottare stili di vita sani “.

Fonte: Eur J Prev Cardiol.

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...