Home Salute Cervello e sistema nervoso Esercizio e cervello: ecco come l'attività fisica cambia la sua stessa struttura

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain.

L’esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso e aumentare la massa muscolare. Meno visibile, ma forse anche più importante, è la profonda influenza che l’esercizio ha sulla struttura del nostro cervello, un’influenza che può proteggere e preservare la salute e la funzione del cervello per tutta la vita. In effetti, alcuni esperti ritengono che il cervello umano possa dipendere da una regolare attività fisica per funzionare in modo ottimale per tutta la vita.

Come l’esercizio fisico cambia la struttura del nostro cervello:

- Advertisement -

Memoria

Molti studi suggeriscono che l’esercizio fisico può aiutare a proteggere la nostra memoria con l’avanzare dell’età. Questo perché è stato dimostrato che l’esercizio fisico previene la perdita del volume totale del cervello (che può portare a una riduzione della funzione cognitiva), oltre a prevenire il restringimento in specifiche regioni del cervello associate alla memoria. Ad esempio, uno studio di risonanza magnetica (MRI) ha rivelato che negli anziani, sei mesi di allenamento fisico aumentano il volume del cervello.

Un altro studio ha dimostrato che il restringimento dell’ippocampo (una regione del cervello essenziale per l’apprendimento e la memoria) nelle persone anziane può essere invertito camminando regolarmente. Questo cambiamento è stato accompagnato da una migliore funzione di memoria e da un aumento del fattore neutropico derivato dal cervello (BDNF) nel sangue.

BDNF è essenziale per una sana funzione cognitiva a causa dei suoi ruoli nella sopravvivenza cellulare, plasticità (la capacità del cervello di cambiare e adattarsi dall’esperienza) e funzione. I collegamenti positivi tra esercizio fisico, BDNF e memoria sono stati ampiamente studiati e sono stati dimostrati nei giovani adulti e negli anziani.

- Advertisement -

BDNF è anche una delle numerose proteine ​​legate alla neurogenesi dell’adulto, la capacità del cervello di modificare la sua struttura sviluppando nuovi neuroni durante l’età adulta. La neurogenesi si verifica solo in pochissime regioni del cervello – una delle quali è l’ippocampo – e quindi può essere un meccanismo centrale coinvolto nell’apprendimento e nella memoria. Un’attività fisica regolare può proteggere la memoria a lungo termine inducendo la neurogenesi tramite BDNF.

Vedi anche:L’esercizio fisico leggero protegge le persone con sindrome metabolica

Sebbene questo legame tra esercizio, BDNF, neurogenesi e memoria sia molto ben descritto nei modelli animali, i vincoli sperimentali ed etici significano che la sua importanza per la funzione del cervello umano non è così chiara. Tuttavia, la neurogenesi indotta dall’esercizio fisico viene attivamente studiata come potenziale terapia per disturbi neurologici e psichiatrici, come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e la depressione.

Esercizio e cervello: ecco tre modi in cui l'attività fisica cambia la sua stessa struttura
L’esercizio fisico regolare aiuta i vasi sanguigni a crescere nel cervello. Credito: Miniera magica / Shutterstock

Vasi sanguigni

Il cervello è fortemente dipendente dal flusso sanguigno, ricevendo circa il 15% dell’intero rifornimento del corpo, nonostante sia solo il 2-3% della massa totale del nostro corpo. Questo perché i nostri tessuti nervosi hanno bisogno di un apporto costante di ossigeno per funzionare e sopravvivere. Quando i neuroni diventano più attivi, il flusso sanguigno nella regione in cui si trovano questi neuroni aumenta per soddisfare la domandaIn quanto tale, il mantenimento di un cervello sano dipende dal mantenimento di una sana rete di vasi sanguigni.

L’esercizio fisico regolare aumenta la crescita di nuovi vasi sanguigni nelle regioni del cervello in cui si verifica la neurogenesi, fornendo l’aumento dell’afflusso di sangue che supporta lo sviluppo di questi nuovi neuroniL’esercizio migliora anche la salute e la funzione dei vasi sanguigni esistenti, garantendo che il tessuto cerebrale riceva costantemente un adeguato apporto di sangue per soddisfare le sue esigenze e preservare la sua funzione.

Infine, l’esercizio fisico regolare può prevenire e persino curare l’ipertensione (pressione alta), che è un fattore di rischio per lo sviluppo della demenza. L’esercizio funziona in diversi modi per migliorare la salute e la funzione dei vasi sanguigni nel cervello.

Infiammazione

Recentemente, un numero crescente di ricerche si è concentrato sulle microglia, che sono le cellule immunitarie residenti del cervello. La loro funzione principale è quella di controllare costantemente il cervello per potenziali minacce da microbi o cellule morenti o danneggiate e per eliminare eventuali danni riscontrati.

Con l’età, la normale funzione immunitaria diminuisce e l’infiammazione cronica di basso livello si verifica negli organi del corpo, incluso il cervello, dove aumenta il rischio di malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer. Con l’avanzare dell’età, la microglia diventa meno efficiente nell’eliminazione dei danni e meno in grado di prevenire malattie e infiammazioni. Ciò significa che la neuroinfiammazione può progredire compromettendo le funzioni cerebrali, inclusa la memoria.

Ma di recente, abbiamo dimostrato che l’esercizio fisico può riprogrammare queste microglia nel cervello invecchiato. È stato dimostrato che l’esercizio rende la microglia più efficiente dal punto di vista energetico e in grado di contrastare i cambiamenti neuroinfiammatori che compromettono la funzione cerebrale. L’esercizio fisico può anche modulare la neuroinfiammazione in condizioni degenerative come il morbo di Alzheimer e la sclerosi multiplaQuesto ci mostra che gli effetti dell’attività fisica sulla funzione immunitaria possono essere un obiettivo importante per la terapia e la prevenzione delle malattie.

Quindi come possiamo assicurarci di fare il giusto tipo di esercizio – o di farne abbastanza – per proteggere il cervello? Al momento, non abbiamo prove sufficienti per sviluppare linee guida specifiche per la salute del cervello, anche se i risultati fino ad oggi suggeriscono che i maggiori benefici si ottengono con l’esercizio aerobico, come camminare, correre o andare in bicicletta. Si raccomanda agli adulti di fare un minimo di 150 minuti a settimana di esercizio aerobico di intensità moderata, combinato con attività che mantengono forza e flessibilità, per mantenere una buona salute generale.

Va anche notato che i ricercatori non sempre trovano che l’ esercizio fisico abbia un effetto benefico sul cervello nei loro studi, probabilmente perché diversi studi utilizzano diversi programmi di allenamento e misure delle funzioni cognitive, rendendo difficile confrontare direttamente studi e risultati. Tuttavia, molte ricerche ci mostrano che l’ esercizio è benefico per molti aspetti della nostra salute, quindi è importante assicurarsi di averne abbastanza. 

Dobbiamo essere consapevoli di trovare del tempo nella nostra giornata per essere attivi: il nostro cervello ci ringrazierà per questo negli anni a venire.

Fonte:The Conversation

ULTIMI ARTICOLI

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...

COVID 19: gravissimi i danni ai polmoni in alcuni casi

COVID 19-Immagine Credito Public Domain. COVID-19 può causare danni polmonari così gravi che i pazienti richiedono un trapianto di polmone per sopravvivere, secondo quanto confermato...

Distrofie retiniche: scoperto nuovo obiettivo farmacologico

Immagine Credito: Louisiana State University. Un team di ricercatori della LSU Health New Orleans riferisce per la prima volta che l'eliminazione di uno degli inibitori...

HIV: come è diventato “il virus che possiamo curare”

Come l'HIV è diventato "il virus che possiamo curare"? Con l'aumento del numero di infezioni da COVID-19, è facile dimenticare che ci sono ancora...

Declino cognitivo legato all’età: nuovo farmaco lo inverte

Declino cognitivo-Immagine: Public Domain. Il declino cognitivo legato all'età può essere causato da una sorta di "blocco fisiologico reversibile piuttosto che da una degradazione permanente. Secondo...