HomeSaluteFegatoEpatite C: premio Nobel Charles Rice ha trovato la cura

Epatite C: premio Nobel Charles Rice ha trovato la cura

(Epatite C: premio Nobel Charles Rice.Credit Rockefeller University).

Charles M. Rice, che studia i virus che causano malattie e come il sistema immunitario si difende, è il destinatario del premio Nobel 2020 per la fisiologia o la medicina, per aver trovato la cura per l’epatite C. Rice è Professore di virologia e capo del laboratorio di virologia e malattie infettive della Rockefeller University.

Rice condivide il premio con Harvey J. Alter del National Institutes of Health e Michael Houghton dell’Università di Alberta. Ciascuno dei tre scienziati ha fatto scoperte che hanno portato all’identificazione e alla caratterizzazione del virus responsabile dell’epatite C, una malattia aggressiva che può portare a cicatrici o cancro al fegato.

- Advertisement -

Dopo aver dimostrato il ruolo del virus nell’epatite C, la continua ricerca di Rice ha consentito la creazione di tre nuove classi di farmaci per trattare l’infezione. Gli studi hanno dimostrato che una combinazione di questi farmaci può sradicare il virus, curando la malattia.

Un’infezione cronica che ha causato la perdita di innumerevoli vite, l’epatite C è ora curabile. Questo progresso biomedico, derivante direttamente dalla ricerca di Charlie, salverà milioni di vite ”, afferma  Richard P. Lifton, Presidente della Rockefeller University. “Il suo lavoro spettacolare sui virus incarna perfettamente la missione di questa Università: la scienza a beneficio dell’umanità. Sono entusiasta di essere stato selezionato per il Premio Nobel, la più alta onorificenza scientifica “.

Il virus ora noto per essere responsabile dell’epatite C è venuto alla luce nell’arco di oltre due decenni. Negli anni ’70 Alter dimostrò che un gran numero di casi di epatite non erano causati dai patogeni noti all’epoca – i virus dell’epatite A e B ma da un agente infettivo sconosciuto. Nel 1989, Houghton è stato in grado di ricostruire frammenti di DNA virale dal sangue prelevato da pazienti affetti da epatite, rivelando un nuovo virus a RNA appartenente alla stessa famiglia dei flavivirus.

Tuttavia, non era noto se il virus appena identificato fosse sufficiente a causare la malattia da solo. In effetti, la sequenza del genoma virale pubblicata non è riuscita a dirigere la replicazione virale nelle cellule umane o animali e non ha prodotto epatite negli animali, non riuscendo così a stabilire una relazione causale tra questo virus e l’epatite.

- Advertisement -

Questa impasse durò sette anni finché Rice, che stava studiando il flavivirus responsabile della febbre gialla, decise di esaminare più da vicino il genoma del virus dell’epatite C e ne dedusse che era incompleto, mancando una sequenza trovata alla fine del genoma del virus, essenziale per l’avvio della replica. Lui e i suoi colleghi hanno cercato questa presunta sequenza mancante alla fine del genoma dell’HCV e l’hanno trovata, completando la caratterizzazione del genoma virale nel 1996. Rice ha quindi assemblato un clone funzionale del virus e ha dimostrato nel 1997 che l’intera lunghezza L’RNA virale era sufficiente per infettare le cellule e produrre epatite negli animali. Ciò ha dimostrato formalmente che il virus dell’epatite C era effettivamente l’agente patogeno in casi inspiegabili di epatite, una svolta che ha aperto la porta alla successiva scoperta di farmaci.

Vedi anche:Il virus dell’epatite C coopta una proteina immunitaria per eludere le difese antivirali

Insieme a Ralf Bartenschlager e Volker Lohmann, all’Università Johannes-Gutenberg di Mainz e altri, Rice ha continuato a sviluppare ampliconi (nella biologia molecolare un amplicone è un frammento di DNA o RNA che è la fonte e / o il prodotto di eventi di amplificazione o replicazione) subgenomici del virus che potevano replicarsi nelle cellule senza produrre virus vivi, il che ha reso possibile progettare saggi per test per farmaci in grado di inibire direttamente la replicazione virale. Nel 2013 il primo di una serie di tali farmaci, sviluppato con l’aiuto della tecnologia di Rice, ha ricevuto l’approvazione della FDA per l’uso nei pazienti e molti altri sono stati successivamente sviluppati. In combinazione, questi farmaci possono curare quasi tutte le persone con epatite C dopo un breve ciclo di trattamento praticamente senza tossicità.

Inoltre, il gruppo di Rice ha sviluppato metodi per testare i fattori che limitano l’infezione da epatite C, epatite B, influenza A, dengue, febbre gialla, Zika, chikungunya e coronavirus. In risposta alla pandemia COVID-19, Rice ha utilizzato la tecnologia CRISPR per identificare nuovi bersagli terapeutici per SARS-CoV-2 e ha tradotto tecniche sviluppate nel suo lavoro sull’epatite C per  esaminare i farmaci per la capacità di inibire il coronavirus, lavoro che è attualmente in corso.

Rice è il 26° scienziato associato alla Rockefeller University ad essere insignito del Premio Nobel. Oltre a Rice, altri quattro vincitori del Premio Nobel sono membri attuali della  Rockefeller: Michael W. Young (2017), Roderick MacKinnon (2003), Paul Nurse (2001) e Torsten Wiesel (1981).

Nato a Sacramento, in California, nel 1952, Rice ha conseguito il dottorato di ricerca. in biochimica nel 1981 presso il California Institute of Technology, dove è rimasto come ricercatore post-dottorato dal 1981 al 1985. Prima di entrare a far parte di Rockefeller University nel 2001, ha trascorso 14 anni presso la Washington University School of Medicine. È membro della National Academy of Sciences e un precedente destinatario del MW Beijerinck Virology Prize 2007, del Robert Koch Award 2015, del InBev-Baillet Latour Health Prize 2016 e del Lasker-DeBakey Clinical Medical Research Award 2016.

Fonte: Rockefeller University

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...