Home Salute Ossa e muscoli Dosi più elevate di Botox possono portare alla perdita ossea

Dosi più elevate di Botox possono portare alla perdita ossea

Immagine: Public Domain.

Secondo i ricercatori del NYU College of Dentistry, le iniezioni di Botox per gestire il dolore alla mascella e al viso (o ATM) non provocano cambiamenti clinicamente significativi nell’osso mascellare se usato a breve termine e a basse dosi. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato prove di perdita ossea quando sono state utilizzate dosi più elevate.

Secondo i ricercatori, i cui risultati sono pubblicati sul Journal of Oral Health Rehabilitation, sono necessari ulteriori studi clinici per monitorare i cambiamenti legati alle ossa e ai muscoli con l’uso a lungo termine di Botox per i disturbi articolari e muscolari temporo-mandibolari.

- Advertisement -

Le ATM sono un gruppo di condizioni comuni di dolore che si verificano nell’articolazione della mascella e nei muscoli circostanti, con il tipo più comune che coinvolge i muscoli responsabili della masticazione.

Mentre molte persone gestiscono i sintomi dell’ATM con trattamenti conservativi come esercizi per la mandibola, apparecchi orali, cambiamenti nella dieta e antidolorifici, tuttavia alcuni non rispondono a questi trattamenti.

Il botox (o tossina botulinica), un farmaco iniettabile approvato dalla FDA noto per le sue capacità di riduzione delle rughe, è approvato per il trattamento di alcuni disturbi muscolari e dolorosi, inclusa l’emicrania.

Vedi anche:Botox riduce la frequenza dell’emicrania cronica?

- Advertisement -

Funziona in parte paralizzando temporaneamente o indebolendo i muscoli. Negli Stati Uniti è attualmente in corso una sperimentazione clinica di fase 3 per studiare l’uso di Botox per il trattamento dell’ATM, ma nel frattempo viene sempre più utilizzato off-label.

Finora, piccoli studi che utilizzano Botox per trattare l’ATM negli esseri umani hanno avuto risultati contrastanti. Negli studi sugli animali, le iniezioni di Botox nei muscoli della mascella hanno portato a una maggiore perdita ossea.

Si pensa che ciò sia dovuto al fatto che i muscoli non vengono utilizzati per esercitare la forza necessaria per il rimodellamento osseo, ma il Botox può anche avere un effetto diretto sul riassorbimento osseo, il processo di decomposizione del tessuto osseo.

“Dati questi risultati riguardanti gli studi sugli animali e i risultati limitati degli studi clinici, ulteriori ricerche sulla sicurezza del Botox per i muscoli e le ossa della mascella sono di fondamentale importanza “, dice Karen Raphael, autrice principale dello studio e Professore presso il Dipartimento di patologia orale e maxillo-facciale, radiologia e medicina, College of Dentistry, New York University.

Lo studio della NYU ha incluso 79 donne con ATM che interessava i muscoli facciali: 35 delle quali hanno ricevuto iniezioni di Botox (tra due e cinque cicli nell’ultimo anno) e 44 che non sono state trattate con Botox, ma potrebbero aver usato altri trattamenti. Utilizzando scansioni TC specializzate, i ricercatori hanno misurato la densità e il volume osseo della mascella dei partecipanti.

I ricercatori hanno scoperto che la densità e il volume dell’osso mascellare erano simili tra le donne trattate con iniezioni di Botox per curare l’ATM e donne non trattate.

Mentre alla maggior parte dei partecipanti allo studio sono state somministrate dosi relativamente basse di Botox – più piccole rispetto alla maggior parte degli studi clinici per l’ATM – le persone che hanno ricevuto dosi più elevate di Botox avevano maggiori probabilità di avere una densità ossea inferiore.

Raphael e i suoi colleghi raccomandano di condurre più studi sull’uomo per comprendere meglio l’impatto dell’uso a lungo termine del Botox sui muscoli e sulle ossa della mascella e se il Botox riduce solo la forza muscolare sull’osso o gioca anche un ruolo diretto nell’alterazione del riassorbimento osseo.

“Se il Botox dovesse ricevere l’approvazione normativa per il trattamento dell’ATM, raccomanderemmo di effettuare uno studio di fase IV utilizzando TC e RM a basse radiazioni per monitorare i cambiamenti ossei e muscolari con l’uso di Botox, esaminando sia la dose che l’uso a lungo termine “, ha detto Raphael. “A meno che l’imaging specializzato di muscoli e ossa non venga condotto tra i pazienti che ricevono il trattamento con Botox per lunghi periodi, i veri effetti cumulativi rimarranno sconosciuti”.

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...

Vaccino COVID 19 in Italia da Gennaio

Le prime dosi del vaccino COVID 19 di Pfizer-BioNTech sono in viaggio verso l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti. I voli charter della...

Vaccino COVID 19: Pfizer fa domanda per approvazione

Pfizer e BioNTech hanno chiesto l'approvazione del loro vaccino contro il coronavirus COVID 19 all'EMA. Le aziende farmaceutiche hanno già richiesto l'autorizzazione negli Stati Uniti...

Vaccino COVID 19: a che punto siamo?

Vaccino COVID 19: a che punto siamo? I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare vaccini sicuri ed efficaci contro SARS-CoV-2, il...

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...