HomeSaluteCervello e sistema nervosoDolore cronico: prove di efficacia dei prodotti della cannabis

Dolore cronico: prove di efficacia dei prodotti della cannabis

(Dolore cronico-Immagine Credit Public Domain).

Le prove dietro l’efficacia dei prodotti correlati alla cannabis nel trattamento del dolore cronico sono sorprendentemente scarse, secondo una nuova revisione sistematica delle prove da parte dei ricercatori dell’Oregon Health & Science University.

La revisione finanziata dal Governo Federale, che sarà aggiornata su base continuativa, è stata pubblicata oggi negli Annals of Internal Medicine.

- Advertisement -

I ricercatori hanno trovato prove a sostegno di un beneficio a breve termine nel trattamento del dolore neuropatico, causato da danni ai nervi periferici, come la neuropatia diabetica che provoca dolore descritto come bruciore e formicolio, che coinvolge due prodotti sintetici approvati dalla FDA con il 100% di tetraidrocannabinolo o THC : Dronabinol (sotto il nome commerciale Marinol) e Nabilone (Cesamet). Entrambi i prodotti portano anche a notevoli effetti collaterali tra cui sedazione e vertigini, secondo la recensione.

Un altro prodotto, uno spray sublinguale di parti uguali di THC e cannabidiolo, o CBD, estratto dalla pianta di cannabis, noto come Nabiximols, ha mostrato anche prove di alcuni benefici clinici per il dolore neuropatico, sebbene quel prodotto non sia disponibile negli Stati Uniti. Questo prodotto ha anche portato agli effetti collaterali, come nausea, sedazione e vertigini.

“In generale, la quantità limitata di prove ha sorpreso tutti noi”, ha affermato l’autore principale Marian S. McDonagh, Pharm.D., Professore emerito di informatica medica ed epidemiologia clinica presso la OHSU School of Medicine. “Con così tanto clamore intorno ai prodotti correlati alla cannabis e la facile disponibilità di marijuana ricreativa e medica in molti stati, consumatori e pazienti potrebbero presumere che ci sarebbero più prove sui benefici e sugli effetti collaterali. Purtroppo, ci sono pochissime ricerche scientificamente valide sulla maggior parte di questi prodotti. Abbiamo visto solo un piccolo gruppo di studi di coorte osservazionali sui prodotti a base di cannabis che sarebbero stati facilmente disponibili negli stati che lo consentono e questi non sono stati progettati per rispondere alle domande importanti sul trattamento del dolore cronico”.

Gli elettori in Oregon, Washington e altri 20 stati hanno legalizzato la marijuana medica e ricreativa, tuttavia i ricercatori hanno scoperto che molti dei prodotti ora disponibili nei dispensari statunitensi non sono stati ben studiati.

- Advertisement -

“Per alcuni prodotti a base di cannabis, come i prodotti a base di piante intere, i dati sono scarsi con stime imprecise degli effetti e gli studi avevano limiti metodologici”, scrivono gli autori.

Questa situazione rende difficile guidare i pazienti.

I prodotti a base di cannabis variano un po’ in termini di composizione chimica e questo potrebbe avere effetti importanti in termini di benefici e danni ai pazienti“, ha affermato il coautore Roger Chou, MD, Direttore del Pacific Northwest Evidence-based Practice Center dell’OHSU. “Ciò crea difficoltà a pazienti e medici poiché le prove per un prodotto a base di cannabis potrebbero non essere le stesse per un altro”.

Vedi anche:La cannabis medica riduce il dolore e la necessità di oppiacei

La revisione vivente, incluso un riepilogo visivo astratto dei risultati, sarà condivisa anche su un nuovo strumento basato sul web lanciato da OHSU e VA Portland Health Care System all’inizio di quest’anno per aiutare medici e ricercatori a valutare le ultime prove sugli effetti sulla salute della cannabis. Conosciuto come Test sistematico delle prove sulla marijuana, o STEM, il progetto include “riassunti clinici” per aiutare gli operatori sanitari a tradurre le implicazioni cliniche.

“Questa nuova revisione delle prove viventi è esattamente il tipo di risorsa di cui i medici hanno bisogno per chiarire ai pazienti le aree di potenziale promessa, le formulazioni di cannabis che sono state studiate e, soprattutto, le principali lacune nella conoscenza”, ha affermato il coautore Devan Kansagara, MD , MCR, Professore di medicina presso la OHSU School of Medicine e medico del personale presso il VA Portland.

I revisori hanno cercato più di 3.000 studi nella letteratura scientifica a gennaio di quest’anno e sono arrivati ​​a un totale di 25 con prove scientificamente valide: 18 studi randomizzati controllati e sette studi osservazionali di almeno quattro settimane.

Gli effetti della cannabis e dei prodotti correlati si basano sulla loro capacità di imitare il sistema endocannabinoide del corpo. Il sistema è composto da recettori ed enzimi nel sistema nervoso che regolano le funzioni corporee e possono influenzare la sensazione di dolore. Nella revisione delle prove, i ricercatori hanno classificato i tipi di prodotto in rapporti alti, comparabili e bassi tra THC e CBD e hanno confrontato i benefici e gli effetti collaterali riportati.

Dronabinol e Nabilone rientrano nella categoria del rapporto THC/CBD elevato, con il 100% di THC (senza CBD), mostrando il maggior beneficio tra i prodotti studiati, con la meta-analisi dei sei studi randomizzati controllati che dimostrano vantaggi statisticamente validi per alleviare il dolore neuropatico rispetto ad un placebo.

“Onestamente, il miglior consiglio è parlare con il proprio medico di base dei possibili trattamenti per il dolore cronico“, ha detto McDonagh. “Se vuoi prendere in considerazione la cannabis, devi parlare con il tuo medico”.

Oltre a McDonagh, Chou e Kansagara, i coautori includevano Benjamin J. Morasco, Ph.D., Jesse Wagner, MA, Azrah Y. Ahmed, BA e Rongwei Fu, Ph.D.

Fonte:Annals of Internal Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...