Disordini alimentari: l’app che insegna agli anoressici a mangiare di nuovo

disordini alimentari

Gli scienziati svedesi affermano che i disordini alimentari dovrebbero essere considerati solo questo, “disordini alimentari, piuttosto che i disturbi mentali”

“I pazienti anoressici possono normalizzare il loro tasso di alimentazione adattando l’assunzione di cibo al feedback da un’applicazione per smartphone”, dice il Professor Per Sodersten, autore principale di un articolo pubblicato su Frontiers in Neuroscience che difende il suo metodo pionieristico. “E contrariamente ai trattamenti standard, la maggior parte dei pazienti anoressici riguadagna un normale peso corporeo, migliora la salute e ha poche ricadute”.

L’approccio si basa sulla teoria che il lento mangiare e l’eccessivo sforzo fisico, entrambi tratti distintivi dell’anoressia, sono risposte conservate evolutivamente alla corta alimentazione di cibo che può essere scatenata dalla dieta – e invertita praticando il mangiare normale.

Che è venuto prima: la dieta o l’anoressia?

“I tentativi di trattare l’anoressia come una malattia mentale hanno ampiamente fallito”, sostengono gli autori.

“Il trattamento standard a livello mondiale, la terapia cognitivo comportamentale (CBT), si rivolge ai processi cognitivi pensati per mantenere il disturbo. Il tasso di remissione dai disturbi alimentari è al massimo del 25% a un anno dalla CBT, con esiti sconosciuti a lungo termine”.

Secondo Sodersten, abbiamo bisogno di ribaltare la prospettiva: mirare a comportamenti alimentari.

Questa nuova prospettiva non è così nuova: quasi 40 anni fa, ci si rese conto che la notevole attività fisica dell’anoressia è una normale risposta evolutivamente conservata – cioè, la ricerca di cibo quando scarseggia – che può essere attivata dalla restrizione. Nella sorprendente somiglianza con l’anoressia umana, ratti e topi trattati con il cibo solo una volta al giorno iniziano ad aumentare la loro attività di corsa e riducono l’assunzione di cibo oltre il punto in cui perdono una grande quantità di peso corporeo e possono eventualmente morire”.

Più recentemente, la teoria è stata elaborata e convalidata da studi sulla funzione cerebrale.

“Troviamo che la segnalazione chimica nel cervello affamato supporta la ricerca di cibo”, riferisce Sodersten.

Come mangiare

Per dimostrare che la prospettiva evolutiva funziona nella pratica, Sodersten, spiega:

“Inizialmente abbiamo proposto di insegnare agli anoressici a mangiare nel 1996. All’epoca, si pensava che fosse fuori luogo e persino pericoloso, oggi nessuno può trattare i pazienti con disturbi alimentari nella Regione di Stoccolma senza un programma per ripristino del comportamento alimentare”.

Presso le cliniche Mandometer, il controllo del comportamento alimentare è esternalizzato a una macchina che fornisce un feedback su quanto velocemente mangiare.

“I soggetti mangiano il cibo da un piatto che si trova su una scala collegata al proprio smartphone: la bilancia registra la perdita di peso del piatto durante il pasto e tramite un’app crea una curva di assunzione di cibo, durata del pasto e tasso di consumo”, spiega Sodersten. “A intervalli regolari, una scala di valutazione appare sullo schermo e al soggetto viene chiesto di valutare la sua sensazione di pienezza”.

Sullo schermo dello smartphone viene inoltre visualizzata una curva di riferimento per il tasso di consumo e una curva di riferimento per la sensazione di pienezza. Il soggetto può così adattare le proprie curve in tempo reale alle curve di riferimento, che si basano sul comportamento alimentare registrato in controlli sani”.

Attraverso questo feedback, i pazienti imparano a visualizzare quali sono le normali porzioni di cibo e come mangiare a un ritmo normale.

Risultati soddisfacenti

Il metodo è stato ora utilizzato per trattare oltre 1500 pazienti alla remissione, praticando l’assunzione di cibo.

Il tasso di remissione è del 75% in un anno medio di trattamento, il tasso di recidiva è del 10% in cinque anni di follow-up e nessun paziente è deceduto.”

Questo sembra essere un enorme miglioramento rispetto all’attuale miglior trattamento standard della CBT. 

“La differenza nel risultato è così grande che, secondo il nostro medico statistico, uno studio randomizzato di controllo [RCT] è ora ridondante, tuttavia, invitiamo a un RCT testa a testa a ricercatori indipendenti”.

Fonte, Frontiers in Neuroscience