Uno studio rivela come si innesca la cachessia nel cancro del pancreas

cancro del pancreas


Tra tutti i tumori più importanti, il cancro del pancreas ha il più alto tasso di morte – il 93% dei pazienti muore entro cinque anni dalla diagnosi.

Trattare la malattia è difficile non solo perché questi tumori si diffondono rapidamente, ma a causa di una condizione di deperimento muscolare chiamata cachessia che colpisce almeno l’80% delle persone con cancro del pancreas. Tuttavia, un team di ricercatori dell’OU College of Medicine ha pubblicato uno studio di ricerca pionieristico che rivela come la cachessia si innesca, preparando il terreno per ulteriori studi su come prevenirla.

La ricerca è stata recentemente pubblicata sulla rivista Gastroenterology, la principale pubblicazione sulle malattie del tratto gastrointestinale.

“Il tumore al pancreas è una malattia molto difficile da trattare e nuove terapie, come il trattamento della cachessia, sono l’unico modo per fare progressi perché l’approccio tradizionale di cercare di distruggere il tumore non è sufficiente”, ha detto Courtney Houchen, autore senior dello studio

Anche se la cachessia può verificarsi in diversi tipi di tumori, è particolarmente diffusa nel cancro del pancreas. I pazienti con cachessia subiscono una drastica perdita di massa muscolare, solitamente accompagnata da perdita di appetito, perdita di peso e affaticamento. Poiché la cachessia ha un tale impatto sui pazienti con cancro del pancreas, molti pazienti non possono sopportare un intervento chirurgico e rispondono scarsamente alla chemioterapia e alle radiazioni.

Vedi anche, Scoperto potenziale trattamento per il cancro del pancreas.

I ricercatori dell’OU College of Medicine si sono impegnati a saperne di più sul perché si verifica la cachessia, al fine di offrire ai pazienti le migliori possibilità di combattere il cancro al pancreas. Il team si è concentrato su una proteina chiamata ZIP4, che già sapevano essere eccessiva nel cancro del pancreas. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che ZIP4 è al centro di una comunicazione che si verifica tra le cellule tumorali del pancreas e le cellule muscolari. Durante quella comunicazione, ZIP4 induce le cellule tumorali a rilasciare due tipi specifici di molecole e persino a organizzare l’apertura di un percorso per il loro viaggio verso i muscoli. ZIP4 fa l’equivalente di chiamare un taxi per le molecole – chiama gli esosomi – che le traghettano alle cellule muscolari, dove iniziano a indurre la cachessia.

“Pensiamo che questa scoperta sia significativa per il suo potenziale di essere tradotta in una terapia per i pazienti.Se possiamo trovare un modo per inibire ZIP4, speriamo di intervenire molto prima sulla cachessia e aiutare più pazienti a sottoporsi a chirurgia, superando lo stato di debolezza fisica, il che significa anche una risposta migliore alla chemioterapia e alle radiazioni, aumentando anche il tasso di sopravvivenza “, ha detto Min Li, un altro autore principale dello studio, che detiene la cattedra alla Virginia Kerley Cade, sul trattamento del cancro.

Il gruppo di ricerca dell’OU College of Medicine, che comprende sia scienziati che medici del Dipartimento di Medicina, sfrutta tale collaborazione per una conversione più rapida di un risultato di laboratorio in un trattamento per il paziente. 

I prossimi passi del team sono studiare ulteriormente ZIP4 e cercare un modo per ostacolare il suo ruolo nell’attivazione della cachessia.

“Il modo in cui abbiamo tradizionalmente considerato il cancro è che se riesci a uccidere le cellule tumorali, le persone miglioreranno, ma non è realistico – dobbiamo affrontare complicazioni come la cachessia per aiutare le persone a sopravvivere”, ha detto Houchen. “Ora abbiamo l’opportunità di guardare a potenziali obiettivi per superare la cachessia e quindi migliorare il trattamento del cancro del pancreas e le sue devastanti conseguenze”.

Fonte, GastroJournal


Altri articoli su cancro del pancreas