Dieta ad alto contenuto di sale blocca la crescita del tumore nei topi

tumore

Una nuova ricerca su colture cellulari e due modelli di topo separati, rivela che una dieta ricca di sale riduce la crescita del tumore alterando la funzione di alcune cellule immunitarie.

Sempre più studi hanno indicato gli effetti pro-infiammatori dell’eccessiva assunzione di sale.

Ad esempio, la sclerosi multipla e le malattie infiammatorie croniche intestinali sono solo alcune delle condizioni autoimmuni in cui un apporto di sale elevato può esacerbare la sovrastimolazione delle reazioni immunitarie.

Tuttavia, indurre uno stato pro-infiammatorio può essere utile nella lotta contro i tumori. Recentemente, l’immunoterapia è emersa come una delle vie più promettenti per il trattamento del cancro.

Quindi, in questo contesto, un team di ricercatori si è proposto di esaminare gli effetti di un’assunzione di sale elevata sulla crescita del tumore in colture cellulari e due modelli di topo indipendenti.

Vedi anche, Una barriera che tiene a bada il cancro.

Il Professor Markus Kleinewietfeld – che è a capo del laboratorio VIB-UHasselt, una collaborazione tra VIB (Istituto delle Fiandre per le biotecnologie) e l’Università di Hasselt in Belgio, ha guidato il gruppo di ricerca.

Il Prof. Kleinewietfeld e colleghi hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Frontiers in Immunology.

Come un’assunzione elevata di sale inibisce i tumori

I ricercatori hanno condotto un esperimento su coltura cellulare in cui hanno replicato un ambiente ad alto contenuto di sale.

Hanno scoperto che un eccesso di sale inibisce la funzione di un tipo di cellule immunitarie chiamate cellule soppressorie di derivazione mieloide (MDSC), sia nelle cellule dei topi che  nelle cellule prelevate da pazienti oncologici.

Un ambiente ad alto contenuto di sale ha impedito alle cellule MDSC di inibire quasi completamente le altre cellule immunitarie. Studi precedenti, spiegano i ricercatori, hanno suggerito che le MDSC sono fondamentali per impedire al sistema immunitario di attaccare efficacemente i tumori.

In questo studio, l’eliminazione completa delle MDSC mentre veniva conservato l’ambiente ad alto contenuto di sale, ha invertito gli effetti inibitori sulla crescita del tumore, confermando che le MDSC sono cruciali per l’immunoterapia antitumorale.

Inoltre, in un modello murino di trapianto di melanoma, i roditori che sono stati nutriti con una dieta ricca di sale “hanno mostrato una crescita tumorale significativamente inibita” rispetto al gruppo di controllo.

“L’escrescenza ritardata del tumore era evidente fin dal giorno 11° dopo l’iniezione”, scrivono gli autori.

Infine, il Prof. Kleinewietfeld e il suo team hanno cercato di riprodurre questi risultati in un modello diverso. Quindi, hanno usato un modello murino di cancro ai polmoni.

Anche in questo modello, una dieta ricca di sale “ha ritardato significativamente la crescita del tumore [del cancro del polmone]”, riportano i ricercatori.

“Così,” concludono, ” una dieta ad alto contenuto di sale è stata in grado di inibire significativamente la crescita del tumore in due modelli indipendenti di trapianto di tumore”.

I risultati sono molto interessanti e siamo stati sorpresi di vedere un tale effetto sulla crescita del tumore semplicemente aumentando il sale nella dieta”, ha detto il Prof. Markus Kleinewietfeld.

“Tuttavia,” continua il ricercatore, “sono necessari studi futuri per comprendere appieno l’effetto e i meccanismi molecolari sottostanti dettagliati che stanno dietro il potenziale terapeutico del sale per le immunoterapie antitumorali”.

Secondo l’American Cancer Society, ci saranno 1.762.450 nuovi casi di cancro entro la fine del 2019 negli Stati Uniti, e di conseguenza 606.880 persone moriranno.

Fonte, Frontiers in Immunology


Altri articoli su tumore