HomeSaluteDiabeteDiabete tipo 2: mangiare frutta riduce il rischio

Diabete tipo 2: mangiare frutta riduce il rischio

(Diabete-Immagine Credit Public Domain).

Il numero di persone con diabete è aumentato da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014. La prevalenza della malattia continua a crescere più rapidamente nei paesi a basso e medio reddito. Ad oggi, circa 451 milioni in tutto il mondo hanno il diabete, con numeri che dovrebbero superare i 693 milioni nel 2045.

Ogni anno, il diabete di tipo 2 è responsabile di oltre 2 milioni di decessi ed è la settima causa di disabilità a livello globale. Con l’aumento del numero di casi, è fondamentale sviluppare strategie per prevenire il diabete di tipo 2 o diabete mellito (T2DM).

- Advertisement -

I ricercatori della Edith Cowan University hanno rivelato che le persone che consumavano almeno due porzioni di frutta al giorno avevano misure di sensibilità all’insulina più elevate rispetto a quelle che ne mangiavano meno di mezza porzione. Lo studio, pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, ha dimostrato che una dieta sana che includa frutta intera, ma non succhi di frutta, può svolgere un ruolo nel mitigare il rischio di diabete di tipo 2.

Vedi anche:Bloccare i recettori del glucagone per curare il diabete

Studio: associazioni tra assunzione di frutta e rischio di diabete nella coorte AusDiab. Credito di immagine: Marilyn Barbone/Shutterstock

Studio: “Associazioni tra assunzione di frutta e rischio di diabete nella coorte AusDiab”. Credito di immagine: Marilyn Barbone/Shutterstock

Cos’è il diabete mellito di tipo 2

Il diabete mellito di tipo 2 è caratterizzato da ridotta secrezione di insulina e aumento della resistenza all’insulina. Di conseguenza, i livelli di glucosio nel sangue aumentano, causando un’ampia gamma di sintomi e complicanze.

- Advertisement -

Questa malattia cronica si verifica quando il pancreas non può produrre abbastanza insulina o il corpo non può utilizzare efficacemente l’insulina che produce. L’ormone insulina svolge un ruolo importante nel controllo dei livelli di zucchero nel sangue. Le persone sviluppano questa condizione a qualsiasi età, anche durante l’infanzia. Tuttavia, si verifica spesso nelle persone di mezza età e anziane. Coloro che sono in sovrappeso, obesi o hanno una storia familiare di diabete sono a maggior rischio. Può anche essere causato da inattività fisica e altre condizioni di salute come l’ipertensione.

Precedenti studi hanno dimostrato che una dieta sana e un’attività fisica regolare possono aiutare a mitigare il rischio di sviluppare la condizione. Le linee guida dietetiche australiane raccomandano di consumare due porzioni di frutta legate a un rischio ridotto del 32% di diabete di tipo 2 (nell’Australian Diabetes, Obesity, and Lifestyle Study).

Ridurre il rischio

L’attuale studio ha esaminato la relazione tra i tipi di frutta consumati e la tolleranza al glucosio e la sensibilità all’insulina. Il team ha esaminato i dati di 7.675 australiani che hanno partecipato allo studio AusDiab del Baker Heart and Diabetes Institute. I ricercatori hanno misurato l’assunzione di frutta e succhi di frutta utilizzando il questionario sulla frequenza alimentare al basale. Il team ha determinato le associazioni tra l’assunzione di frutta e succhi di frutta e la glicemia a digiuno, la glicemia post-carico a due ore, la resistenza e la sensibilità all’insulina, i livelli di insulina a digiuno e la presenza di diabete dopo il follow-up di 5 e 12 anni.

I risultati dello studio hanno mostrato che i partecipanti con un consumo totale moderato di frutta avevano un rischio ridotto del 36% di avere il diabete a cinque anni. “Una dieta sana che includa frutta intera, ma non succhi di frutta, può svolgere un ruolo nel mitigare il rischio di diabete di tipo 2”, ha concluso il team nello studio. Il team ha sottolineato che lo studio supporta l’incoraggiamento al consumo di frutta intera, ma non succhi di frutta. In questo modo viene preservata la sensibilità all’insulina, riducendo le probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. “Promuovere una dieta e uno stile di vita sani che includano il consumo di frutti popolari come mele, banane e arance, con un’ampia disponibilità geografica, può ridurre l’incidenza del diabete di tipo 2”, ha aggiunto il team.

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism

 

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...